Sono le ore 16:10:22 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Angelino, Fabrizio, Renato, Maurizio, Gaetano ed ultimi Paolo e Sandro. Gli strani addii dal caimano.

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 5 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!



[caption id="attachment_9077" align="alignleft" width="350"]Il complotto a tre Il complotto a tre[/caption]

Angelino, Fabrizio, Renato, Maurizio, Gaetano ed ultimi Paolo e Sandro.
Gli strani addii dal caimano.
Quella che sto per esporre è una storia strana, nella quale persone abbandonano il loro passato e cercano di assumere altre identità, senza però voler perdere le proprie radici e senza voler distaccarsi dall'albero genitore, dal grande fusto.
Lo hanno fatto 28 deputati e 32 senatori dell'ex pdl.
Li hanno chiamati "traditori". Li hanno chiamati "poltronisti". Li hanno chiamati "amici di Letta e quindi del PD". A nessuno è balenato per la testa di chiamarli semplicemente "infiltrati".
Hanno dato addosso, gli uni agli altri, ma quando c'era da votare e da schierarsi, essi sceglievano sempre a favore del pregiudicato, o almeno sceglievano ciò che sceglieva il pregiudicato. Lo hanno fatto sin dall'inizio della scissione.
L'anomalia era talmente evidente, che sin dal principio mi sono detto che quello doveva essere un escamotage, una specie di accordo, per far durare il governo Letta, evitando così al M5S di poter avere voce in capitolo. Fosse accaduto un certo accostamento con Grillo, per il caimano e la sua banda al completo sarebbe finita, definitivamente.
Ricordate come si comportò Il segretario dell'epoca, Bersani? Il pappamolla, il bradipo, il senza ossa, il grigio segretario, è servito a non promuovere delle vere offerte al M5S; egli pretendeva di avere i voti di quel partito, senza offrire loro alcuna garanzia di promuovere parti del loro programma. Era inaudito ed impossibile da accettare!
Seguì l'accordo proposto dal nostro spregiudicato PdR, le dimissioni di Bersani... Il passo avanti di Letta, la scissione, la condanna, l'espulsione... Il resto è storia di ricatti al Governo e di ambizioni coltivate a Firenze.
Ma nei giorni scorsi ci sono state le due grosse novità: Paolo Bonaiuti e Sandro Bondi, costole vitali di lunga data del famigerato 'priapo', hanno ricevuto auguri ed incarichi di porgere i saluti del nano ad Angelino; significato dell'imminente avvicinamento dei due al gruppo NcD.
perché questa inconsueta rottura e proprio ora? Che male poteva procurare la presenza dei due fidi al venerato signore? perché il nano di Arcore non teme che diventino entrambi dei micidiali "Gola Profonda".
E già, Bonaiuti e Bondi conoscono molti più segreti di Gianni Letta. Bonaiuti e Bondi sono serviti a consigliare sempre come uscire dalle brutte figure che il caimano collezionava quotidianamente.
perché, dunque?
Renzi sta operando in modo tale da far insorgere le menti delicate di alcuni nel PD. Se ci fossero delle defezioni di quest'ultimi, potrebbe correre il rischio di vedere i suoi numeri non sufficienti a portare avanti le riforme iniziate. Per ovviare a ciò e per essere sempre ritenuto forte e quindi non "attaccabile", deve anche dimostrare costantemente di avere muscoli e forza a sufficienza, anche per sopportare allontanamenti e ritorsioni. Dal PD gli arrivano solo timori. Chi può tranquillizzarlo? Per assurdo il sostegno essenziale ai governi di sinistra arriva ancora dalla destra, cioè da quella parte politica che in effetti dovrebbe ostacolarli. Dovrebbe, appunto!
Ma quella sarebbe la condizione normale. Da quando però in Italia non si vede più la normalità? Lo sappiamo benissimo: Da 20 anni!
Mai come oggi il vero motivo di queste assurde allenanze ha un solo nome: MoVimento 5 Stelle!
La sinistra è oggi più forte della destra berlusconiana, tocca dunque alla destra dare man forte alla sinistra in difficoltà, con l'unico scopo di tenere lontano il M5S. Il partito del pregiudicato non può schierarsi apertamente con la sinistra, per non incorrere nella condizione di totale inciucio e per non perdere (ciò vale per entrambi quei partiti) la faccia con il loro elettorato. Però la situazione che s'è venuta a creare è proprio quella di un inciucio nascosto, un inciucio commesso dal PD di Renzi (grazie all'avvicinamento del caimano con la scusa dell'accordo sulla nuova legge elettorale) ed una forza  distaccata dalla destra dell'ex PdL (il NCD - il classico "quanto basta").
Quando sarà il momento, vedrete che la destra si ricompatterà, dimenticando tutti i tradimenti finora avvenuti, semplicemente perché quei "tradimenti" in effetti sono stati dei veri e propri "sacrifici richiesti". Tutto passerà nel dimenticatoio e per quel gruppo si intoneranno le nuove armonie dell'amore mai smesso. Con tanto di coro degli stupidi italiani!
Per dare adito ad un cambiamento di rotta senza doppi scopi, si sono lasciati liberi di sparare anche i due cannoni dell'insulsa informazione di destra: Libero e ilGiornale.
Belpietro e Sallusti hanno iniziato l'operazione di infangamento, del quale sono ormai indiscussi maestri.
Le squallide pagine dei due quotidiani al soldo del pregiudicato, hanno cominciato a dare spazio alla folta schiera degli autori a pagamento, ai quali basta ricevere denaro, per scrivere solo bene ed al meglio ogni frase rivolta al gretto berlusconi. E' una lista impressionante, che qui è assolutamente proibito elencare, per non sporcare questa pagina ulteriormente (dopo aver già nominato i peggiori).
Credetemi... Dovreste leggere qualche articolo scritto da sallusti o da un certo Fazio, per rendervi conto di come le persone riescano ad arrivare in basso, di come QUELLE persone non tengano conto del decoro morale e della onestà riservata alla corretta informazione. Tipi come i citati scrarabocchini sono la squallida rappresentazione di una parte di democrazia andata a male, in malora, guasta. Sono persone che non dovrebbero esistere liberamente, ma dovrebbero essere oggetto di studi psichiatrici appropriati, con un'unica finalità: Recupero Impossibile.
Intanto Renzi prosegue sul suo cammino.
Intervenuto a "Mezz'ora" il PdC ha ribadito che "Berlusconi e Grillo sono le facce della stessa medaglia". Ha poi continuato "Io c'ho tentato di farli ragionare, di compiere insieme il passo decisivo per portare l'Italia ad un punto di benessere, ma loro, entrambi, hanno preferito agire per fatti e ragioni personali, discostandosi dall'impegno". Si è poi rivolto ai grillini "Va bene, ma ditegli di smettere di urlare e di venire a dare una mano per cambiare l'Italia".
E' un dato di fatto ormai accertato: La campagna elettorale la fa bene per gli avversari chi sbaglia i tempi ed i momenti. E Renzi sa approfittarne, sa essere ed apparire il ragazzo che pudicamente chiede, che si assoggetta, che si ridimensione se lo scopo è il bene comune. Renzi sfrutta il detto "Tra i due litiganti ...".
Ma cosa accadrà, se gli aspetti partitici rimarranno simili, quando arriveranno le elezioni politiche nazionali?


Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo.it - Riproduzione vietata      - Pubblicato 7 anni fa -



Angelino, Fabrizio, Renato, Maurizio, Gaetano ed ultimi Paolo e Sandro. Gli strani addii dal caimano.:
ha ricevuto solo 1 commento. La partecipazione di un solo utente non rende merito all'articolo.

  • Marco   Marco
       Valori: 1430 ....... Rango: Frequent User

    Ciao a tutti.
    Come è correttamente illustrato dalla foto, l’ncd di Alfano rappresenta il fuoco dell’inferno per il caimano e lo sarà anche per Renzi, qualora quegli adepti decidessero di lasciarlo da solo. Sembra impossibile, ma è così. In Italia un 5 percento appena tiene in ostaggio sia la sinistra che la destra. Ad uno promette sostegno se continua il governo, all’altro se cade e si va a nuove elezioni e vincesse la coalizione di destra.
    Tutti i personaggi elencati facevano a gara nel compiacere berlusconi, quindi ora appare davvero improbabile che se ne siano andati sbattendo definitivamente la porta. Sono servi d’indole e stanno sempre con chi vince. Brutta specie!
    Volendo discutere dei quotidiani del gruppo fangoso, direi che non provano alcuna vergogna. E lo dimostrano dai titoloni con i quali aprono. Per esempio ilGiornale del maledetto Sallusti, perché quella bestia è maledetto, e della sua ‘banda di assassini‘ dell’informazione, hanno scritto un articolo titolandolo “Vogliono zittire Berlusconi“.
    Avessero nominato chiunque altro, ci poteva anche stare, ma difendere l’indifendibile ed indegno Berlusconi è addirittura volgare. Quel tipo se ne dovrebbe stare in cella ed invece se ne va, tutti i giorni, in televisione a parlare di colpi di stato, di Magistrati comunisti politicizzati, di sentenze pilotate e di complotti del Presidente della Repubblica Napolitano.
    E l’italiano medio che fa? Guarda il programma di Formigli, dando ragione a chi definisce Berlusconi un tipo che desta interesse e perciò viene seguito. A Formigli io lo farei morsicare ripetutamente da centomila formiche guerriere amazzoniche; vorrei vedere, dopo questo trattamento, da che tipo di altra voglia si lascerebbe prendere!





Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!