Sono le ore 15:24:50 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Direi che a questo punto possa finire tutto il fragore creato; diamo pace a Stefano Cucchi

Non voglio apparire come una persona insensibile, ma è veramente difficile e stancante seguire continuamente gli avvenimenti, gli stessi, giorno dopo giorno, come se tutti i protagonisti non volessero in alcun modo smettere di stare sempre ...
pace-a-stefano-cucchi

Non voglio apparire come una persona insensibile, ma è veramente difficile e stancante seguire continuamente gli avvenimenti, gli stessi, giorno dopo giorno, come se tutti i protagonisti non volessero in alcun modo smettere di stare sempre avanti e davanti.
Il caso che mi sta realmente snervando è quello dello sventurato giovane Stefano Cucchi.
Va bene la ricerca della verità; va bene anche che la famiglia abbia cercato di arrivare a tutti i colpevoli. Ma ora basta! Ciò che seguirà fa parte di quella giustizia che non interessa più il povero giovane, né gli interessati dovrebbero inseguire l'ombra di nuovi risarcimenti.

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 3 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!



La famiglia ha ricevuto finora circa un milione e mezzo, non poco, se si pensa che il risarcimento economico non dovrebbe interessare ai congiunti. D'altronde - per favore, non fraintendete - il geometra Cucchi non credo facesse il geometra a tempo pieno e, se la stessa famiglia ha scoperto circa mezzo chilo di droga nel suo appartamento, vuol dire che quel giovane tanto "chiaro" non era e che, dunque, lui stesso distribuiva roba che uccideva.
Era ben conosciuto nell'ambiente dei tossici, Stefano Cucchi, anche dai poliziotti che lo hanno arrestato. Ed i poliziotti ben conoscevano in cosa trafficava. Essere stato lui stesso un drogato, lo rendeva una persona estremamente bugiarda, avida ed irrispettosa della vita. Strafottente. Tutti i drogati lo sono.
Quando ti appare davanti una persona insensibile e tu hai già visto morire tanti giovanissimi per quella robaccia, la voglia di mollare un pugno e di dare calci, a chi quella roba la smercia, è fortissima. Le pessime condizioni fisiche di Stefano Cucchi hanno completato il suo corso.
Ma, mi chiedo ... La famiglia non ne era al corrente? La famiglia non sapeva della fragilità e della gravità del loro congiunto, anche quando il padre gli acquistò il separato appartamento? Non è forse vero che il primo abbandono Stefano Cucchi lo abbia avuto dai suoi?
Come già ho scritto, lo avevano adirittura "confinato" in un lontano appartamento, fornendo loro stessi l'opportunità di fare ciò che tutti loro sapevano egli faceva. Ma la morte riapre le porte delle coscienze ed allora ognuno si rende conto di non aver fatto il massimo per aiutare chi ne aveva bisogno.

Va male tutto, dunque. Anche la morte!

Ma, alla Pace spirituale del giovane chi ci pensa?
La verità ormai la si conosce e quella già dovrebbe bastare a dare serenità alla famiglia; fra l'altro la giusta punizione non tarderà ad arrivare per tutti i coinvolti. Se si crede veramente nella Giustizia, bisogna anche lasciare il tempo necessario acché faccia il suo corso.
Con il massimo rispetto per la famiglia, vorrei solo far presente che è giunta l'ora di smetterla di farsi continuamente avanti e sottoporre il caso, come se il povero Stefano fosse ancora persona. Dovevano pensarci prima a stargli molto più attorno e ad interessarsi di ciò che lo esasperava.
La triste vicenda Cucchi fa parte ormai di quei casi capaci di aprire finestre che il più delle volte restano chiuse, proprio come scritto prima riguardo alla morte.
Oggi sappiamo su cosa e dove bisogna cercare, specialmente quando, ad essere coinvolti, sono ambienti in cui tutti, paradossalmente, giurano fedeltà e lealtà.
Il caso Cucchi è ormai scuola!

Povero Stefano ... R. I. P.


Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo.it - Riproduzione vietata      - Pubblicato 2 anni fa -




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!