Sono le ore 06:40:03 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Due vice premier: Uno lo vorrebbero mortificato, l’altro, invece, è mortificante!

È devastante constatare come una certa parte dei media le tenti tutte per far apparire il ministro Di Maio sbugiardato e mortificato, ma è invece mostruosamente mortificante vedere il ministro Salvini in perenne campagna elettorale.
Non c'è nemmeno da chiedersi chi tra i due tenga ben presente che sta rappresentando l'Italia e le Istituzioni; Salvini è interessato a sfruttare qualsiasi occasione per accrescere i consensi per sé e per la Lega, ma resta del tutto evidente la sua bassa statura politica che mai riuscirà ad accrescerere ...
il-mortificato-ed-il-mortificante

Di Maio prometteva ai cittadini di Taranto che avrebbe fatto smantellare l'I.L.V.A; poi ha ridotto l'impegno, garantendo un controllo delle emissioni nell'aria. Infine, durante uno streaming voluto dallo stesso Di Maio, qualcuno, modificando, tagliando ed allacciando determinate sequenze, ha cercato di far apparire un Di Maio sbugiardato come non mai; è ovvio che s'è tentato di colpire il ministro subito dopo quel Tavolo.
Lo sguardo incapace a reggere il duro, esatto e corretto affronto che l'esperto prof. Marescotti stava rinfacciando al ministro e l'espressione assunta di cane bastonato, sono state le uniche e possibili reazioni attribuite ad un Di Maio che sembrava messo al tappeto dalle verità di una Taranto che soffre, di una città lasciata comunque a morire per le false promesse ricevute.

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 5 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!



tentativo-di-sbugiardare-di-maioMa non c'era verità da poter essere vista ed ascoltata nel filmato pubblicato in tutta fretta; c'era solo mistificazione ed imbroglio.

Sarebbe stato devastante e mortificante osservare un ministro che viene sbugiardato. La sua fine politica.

L'idea che ne sarebbe scaturita a chiunque avesse assistito a quei momenti di falsità e di irrealtà, sarebbe stata senz'altro quella derivata dalla spontanea domanda "in che mani siamo?".

Come sarebbe stato ammissibile lasciar correre che il rappresentante dei 5Stelle avesse fatto campagna elettorale promettendo l'impensabile, senza mantenerlo, e poi vederlo tornare in quel di Taranto tranquillo e sorridente, come se le sue promesse fossero state tutte mantenute e lui arrivasse lì per raccogliere pieni consensi? Sarebbe stata roba da voltastomaco!

Credo che neppure mille buoni tentativi successivi avrebbero chiarito la sua posizione, né gli avrebbero restituito in breve tempo la dignità di uomo serio e di parola. Luigi Di Maio doveva apparire come l'uomo sbagliato; chi ha ideato il breve filmato ha stravolto, poiché solo stravolgendo si può offrire una visione opposta al vero Di Maio.

L'intento del malfattore che ha tramato era indubbiamente di riuscire a suscitare il dovuto rancore per il Movimento 5 Stelle, in modo che dicessero addio ai voti tarantini per le prossime elezioni europee.

vergognoso-tentativo-di-mistificare-i-fattiChi ha avuto la possibilità di verificare l'intero filmato, ha certamente intuito che lo spezzone dato subito in pasto ai lettori, voleva far apparire Di Maio in evidente difficoltà, mentre, in realtà, così non è stato. Quello è stato dunque un vergognoso tentativo di mistificazione dei fatti, ordinato da qualcuno il cui interesse è di mettere in cattiva luce  questo governo ed in particolare i componenti 5Stelle.

Si nota, anzitutto, che il prof. Marescotti era seduto frontalmente a Di Maio; quando si osservano le immagini in cui il professore chiede a Di Maio di guardarlo negli occhi, si può immediatamente notare che Di Maio di fatto lo guarda, ma non essendo il suo innamorato, distoglie lo sguardo, abbassa gli occhi, osserva altrove e poi torna a fissarlo, come farebbe chiunque per non stare lì a fare l'imbecille con lo sguardo fisso.

C'è da rimarcare anche che il ministro Di Maio ha potuto e saputo controbattere, con documenti e fatti concreti, ad ogni accusa precedentemente mossagli da qualche partecipante al dibattito.

Bravo Di Maio!

 

salvini-sempre-a-caccia-di-votiÈ devastante constatare come una certa parte dei media le tenti tutte per far apparire il ministro Di Maio sbugiardato e mortificato, quando invece è mostruosamente mortificante vedere come il ministro Salvini impegni tutto il suo tempo NON per trovare soluzioni ai gravissimi fatti di cronaca, che quotidianamente interessano il nostro territorio, ma per starsene in perenne campagna elettorale, gironzolando da un capo all'altro dello Stivale e badando esclusivamente agli interessi suoi ed a quelli della Lega.

Salvini non ha smesso un giorno di inseguire qualsiasi attività che gli portasse voti e consensi.

A voler fare il farmacista, soppesando però non prodotti ma i vari avvenimenti, non posso esimermi dal far notare che, se verso Di Maio c'è stato un tentativo di farlo apparire sbugiardato, Salvini fa tutto da solo ed a dargli del bugiardo sono le sue stesse affermazioni.

salvini-vergognosoPrima delle elezioni parlava di 5-600.000 rimpatri da effettuare, ora per lui sono solo 90.000 il che vuol dire che più di 4-500.000 persone sono svanite, oppure che il numero era stato artatamente gonfiato, giusto per preoccupare i votanti, affinché recepissero le invettive di Salvini come le "sante" parole pronunciate da colui che avrebbe risolto i loro problemi e, dunque, la persona da sostenere.

In tutti i casi, di quegli immigrati da rimpatriare, finora neppure uno è stato rimpatriato, proprio perché, in uno Stato democratico come l'Italia, ad un politico non è concesso di fare leggi e decreti come più egli aggrada, ma ci sono delle barriere costituzionali oltre le quali non è ammesso trastullarsi. Ma Salvini, ignorante più di due capre sgarbiste, non ne era a conoscenza; solo dopo aver sentito qualche voce ha finanche rinunciato ad iniziare quel gran trambusto. Conclusione? Ci ha pensato da solo ad apparire anche facilone e "sparatutto". Ma non era una novità ... Già lo sapevamo!

Salvini è di tutto meno che un politico di razza. Salvini è finanche peggio di un Dudù, cosa vuoi di più!

La verità è che Salvini praticamente sta facendo nulla per il beneficio del territorio e degli italiani. La sua Legge Sicurezza è una legge alquanto discutibile e di poca attuazione, senza presa ed efficacia, ma solo tanta retorica e propaganda; ha poi voluto la Legittima Difesa, riuscendo quindi ad ottenere un corri corri all'armamento collettivo, giovando così alle tasche di qualche industriale. Fra poco saremo tutti dei pistoleri, o quantomeno armati come loro, pronti a dichiararci turbati, se qualcuno osa soltanto sbirciare tra le foglie rade della nostra siepe. Attenti che sparo!

E già, l'Italia senza queste due leggi, se la vedrebbe proprio brutta!

Ma a dare la possibilità alle persone di guadagnarsi il pane da chi dipende?

Chi dei due ha il senso del donarsi realmente al bene comune?

Non c'è nemmeno da chiedersi chi tra i due tenga ben presente che sta rappresentando l'Italia e le Istituzioni; se Di Maio, pur di avere un dialogo, è capace di aprire un collegamento in diretta streaming, col presupposto di confrontarsi con persone che gli opporranno aspramente le loro vedute, Salvini è invece apertamente menefreghista e ciarlatano, disinteressato a cogliere gli umori dei disincantati, ma interessatissimo a sfruttare qualsiasi occasione per accrescere consensi; in definitiva non fa altro che dimostrare ulteriormente la sua evidente bassa statura politica, che mai riuscirà ad innalzare fino ad un livello accettabile.

Salvini, il re dei pancisti affamati!


Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo.it - Riproduzione vietata      - Pubblicato 2 anni fa -




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!