Sono le ore 07:10:26 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

E’ aiuto di Stato!

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 5 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!



Devo necessariamente riportare alla "ribalta" questo articolo, scritto più di un anno or sono dal nostro caro Giuseppe (malauguratamente lui non è abilitato alla connessione, nello Stato estero in cui attualmente si trova per lavoro).
Il nuovo evento è che, ancora una volta (quest'ultima) dopo il ricorso presentato a suo tempo da Mediaset, i giudici della Corte di Giustizia dell’Unione Europea hanno definitivamente sentenziato che, l'azione del governo italiano, atto a promuovere il solo settore televisivo digitale terrestre, mirava a favorire una e soltanto una azienda: MEDIASET S.p.A.
Nella sentenza si legge anche, che ora spetterà allo Stato italiano provvedere ad intimare la restituzione immediata dellle cifre stanziate nel 2003-2004 dall'allora governo berlusconi, relative alla incentivazione per l'acquisto del decoder digitale terrestre. Ne derivava, ovviamente, la facilitazione per la stipula dell'abbonamento ai canali digitali terrestri del biscione (con decoder pagato appunto dallo Stato, cioè NOI, alla società Solari.com di proprietà di un altro pregiudicato non distante dal plurinquisito: Paolo Berlusconi).
Ancora una volta, ufficialmente e pubblicamente, il premier italiano, il truffatore Silvio Berlusconi, risulta condannato definitivamente per azioni spregiudicate. Quest'ultima ancora più grave, visto che è stata commessa dal lestofante, mentre era nel pieno svolgimento delle sue funzioni pubbliche.
Sapete a quanto ammonta la cifra di cui si stà scrivendo?  Oltre 110 milioni euro per ogni anno finanziato, che moltiplicato quindi per 2 fà 220 milioni euro, ai quali vanno aggiunti gli interessi e la ricapitalizzazione, arrivando al modico esborso di circa 300 milioni euro.
Cosa farà ora il delinquente presidente?
In qualità di primo rappresentante del governo in carica, spetta a lui inviare la letterina a sè stesso, ai suoi cari figlioli ed alla loro cara azienda di famiglia, scrivendo che lui, lo Stato, si sente defraudato da un ignobile cialtrone e che concede massimo 10 giorni di tempo, per riavere il mal tolto.
Lo farà? Ne dubito. Così come dubito, che i vacanzieri personaggi dell'opposizione ritornino di corsa in aula, per chiedere le dimissioni del presidente furfante e ladro.
Un'ultima informazione: La data della sentenza è del 28 luglio 2011. Da allora non si sono visti fermenti, concitate assemblee o riunioni sul da farsi, se non quelli dei preparativi per le partenze. E' l'Estate italiana. Relax, please!
Saluti, Giacinto.

----------------------------------------------------------- Da qui in avanti rimane il testo dell'articolo originale di Giuseppe.

30 giugno 2010 ore 15:45

La Corte di Giustizia della Ue (Bruxelles) ha infine respinto il ricorso di Mediaset ed ha sancito che il contributo per l'acquisto del decoder digitale terrestre fu un "aiuto di Stato".

Infatti i giudici europei hanno ribadito quanto già espresso dalla Commissione europea nel 2007 e cioè: il contributo per l'acquisto del decoder digitale terrestre "non è neutro dal punto di vista tecnologico e attribuisce alle emittenti digitali terrestri un vantaggio indiretto a danno delle emittenti satellitari". Su questa base, la Commissione aveva imposto all'Italia di procedere nei confronti dei beneficiari, al fine di recuperare l'ammontare dell'aiuto e dei relativi interessi. Mediaset (tòh, guarda chi si rivede! Chi poteva immaginare che proprio Mediaset fosse la società italiana avvantaggiata dall'aiuto statale per oltre 110 milioni di euro?) aveva anche presentato ricorso per ottenere l'annullamento della decisione, che è stato però respinto dalla sentenza in sede Ue.

Aiuto di Stato dunque!

Voluto da chi e per chi?

Facciamo un passo indietro, giusto per ricordare: Governo Berlusconi I e II (giugno 2001- aprile 2005).

Eccolo che si ripresenta... L'innominabile ed il suo eterno, maledetto, sputtanato CONFLITTO DI INTERESSI!

L'aiuto di Stato appartiene dunque al maledetto governo del maledetto berlusconi, a beneficio della maledetta Mediaset! Istintivamente mi torna immediatamente alla mente l'altra causa in corso... Quella per l'acquisizione della Mondadori (vedremo come andrà a finire!).

Ed ora mi rivolgo a loro, ai Brutti Balordi italiani che l'hanno votato... Ma quanto vi ci vuole per capire come stanno le cose?

Brutti Schifosi Pecoroni italiani... Ma cosa vi deve capitare di più per intuire la gravità del danno  provocato dalla vostra scelta politica?

Devono essere le altre Nazioni a dover rendere ancora onorabile questo nostro Paese ormai ridotto alla schiavitù, o saremo finalmente capaci di riprenderci il maltolto, la nostra credibilità e la nostra serenità?

Come avete potuto essere così stolti?! Come avete potuto credere che tutto si sarebbe svolto diversamente?! Come potete continuare ad essere così maledettamente stupidi?!

Avete scelto come presidente del consiglio un imprenditore che stava per fallire, lo stesso imprenditore che stava per essere arrestato (non dimentichiamo che il fratello in carcere c'è stato, gettando ancor più disonore sul già disonorato cognome), lo stesso imprenditore che avrebbero fatto fuori nel giro di qualche giorno, ma che invece, dopo calcolati e saggiati test, grazie agli stupidi che pensavano di trovare in lui il 'salvatore dell'animaccia loro e di quanti hanno per la prima volta parlato di lui' e grazie alla stramaledetta falange di gentaglia italiana, è stato eletto da subito con l'alto incarico, in seguito al quale provvedette a far allontanare da sè quelle temibili circostanze.

Non so voi, ma IO non sono, e mai sarò, un suo complice, perciò, con mio grande onore, sono pronto a giurare che non vedrò mai più un canale Mediaset!


Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo.it - Riproduzione vietata      - Pubblicato 10 anni fa -


La lettura di questo articolo richiede solo 5 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!
Devo necessariamente riportare alla "ribalta" questo articolo, scritto più di un anno or sono dal nostro caro Giuseppe (malauguratamente lui non è abilitato alla connessione, nello Stato estero in cui attualmente si trova per lavoro).
Il nuovo evento è che, ancora una volta (quest'ultima) dopo il ricorso presentato a suo tempo da Mediaset, i giudici della Corte di Giustizia dell’Unione Europea hanno definitivamente sentenziato che, l'azione del governo italiano, atto a promuovere il solo settore televisivo digitale terrestre, mirava a favorire una e soltanto una azienda: MEDIASET S.p.A.
Nella sentenza si legge anche, che ora spetterà allo Stato italiano provvedere ad intimare la restituzione immediata dellle cifre stanziate nel 2003-2004 dall'allora governo berlusconi, relative alla incentivazione per l'acquisto del decoder digitale terrestre. Ne derivava, ovviamente, la facilitazione per la stipula dell'abbonamento ai canali digitali terrestri del biscione (con decoder pagato appunto dallo Stato, cioè NOI, alla società Solari.com di proprietà di un altro pregiudicato non distante dal plurinquisito: Paolo Berlusconi).
Ancora una volta, ufficialmente e pubblicamente, il premier italiano, il truffatore Silvio Berlusconi, risulta condannato definitivamente per azioni spregiudicate. Quest'ultima ancora più grave, visto che è stata commessa dal lestofante, mentre era nel pieno svolgimento delle sue funzioni pubbliche.
Sapete a quanto ammonta la cifra di cui si stà scrivendo?  Oltre 110 milioni euro per ogni anno finanziato, che moltiplicato quindi per 2 fà 220 milioni euro, ai quali vanno aggiunti gli interessi e la ricapitalizzazione, arrivando al modico esborso di circa 300 milioni euro.
Cosa farà ora il delinquente presidente?
In qualità di primo rappresentante del governo in carica, spetta a lui inviare la letterina a sè stesso, ai suoi cari figlioli ed alla loro cara azienda di famiglia, scrivendo che lui, lo Stato, si sente defraudato da un ignobile cialtrone e che concede massimo 10 giorni di tempo, per riavere il mal tolto.
Lo farà? Ne dubito. Così come dubito, che i vacanzieri personaggi dell'opposizione ritornino di corsa in aula, per chiedere le dimissioni del presidente furfante e ladro.
Un'ultima informazione: La data della sentenza è del 28 luglio 2011. Da allora non si sono visti fermenti, concitate assemblee o riunioni sul da farsi, se non quelli dei preparativi per le partenze. E' l'Estate italiana. Relax, please!
Saluti, Giacinto.

———————————————————– Da qui in avanti rimane il testo dell'articolo originale di Giuseppe.

30 giugno 2010 ore 15:45

La Corte di Giustizia della Ue (Bruxelles) ha infine respinto il ricorso di Mediaset ed ha sancito che il contributo per l'acquisto del decoder digitale terrestre fu un "aiuto di Stato".

Infatti i giudici europei hanno ribadito quanto già espresso dalla Commissione europea nel 2007 e cioè: il contributo per l'acquisto del decoder digitale terrestre "non è neutro dal punto di vista tecnologico e attribuisce alle emittenti digitali terrestri un vantaggio indiretto a danno delle emittenti satellitari". Su questa base, la Commissione aveva imposto all'Italia di procedere nei confronti dei beneficiari, al fine di recuperare l'ammontare dell'aiuto e dei relativi interessi. Mediaset (tòh, guarda chi si rivede! Chi poteva immaginare che proprio Mediaset fosse la società italiana avvantaggiata dall'aiuto statale per oltre 110 milioni di euro?) aveva anche presentato ricorso per ottenere l'annullamento della decisione, che è stato però respinto dalla sentenza in sede Ue.

E' aiuto di Stato! 1Aiuto di Stato dunque!

Voluto da chi e per chi?

Facciamo un passo indietro, giusto per ricordare: Governo Berlusconi I e II (giugno 2001- aprile 2005).

Eccolo che si ripresenta… L'innominabile ed il suo eterno, maledetto, sputtanato CONFLITTO DI INTERESSI!

L'aiuto di Stato appartiene dunque al maledetto governo del maledetto berlusconi, a beneficio della maledetta Mediaset! Istintivamente mi torna immediatamente alla mente l'altra causa in corso… Quella per l'acquisizione della Mondadori (vedremo come andrà a finire!).

Ed ora mi rivolgo a loro, ai Brutti Balordi italiani che l'hanno votato… Ma quanto vi ci vuole per capire come stanno le cose?

Brutti Schifosi Pecoroni italiani… Ma cosa vi deve capitare di più per intuire la gravità del danno  provocato dalla vostra scelta politica?

Devono essere le altre Nazioni a dover rendere ancora onorabile questo nostro Paese ormai ridotto alla schiavitù, o saremo finalmente capaci di riprenderci il maltolto, la nostra credibilità e la nostra serenità?

Come avete potuto essere così stolti?! Come avete potuto credere che tutto si sarebbe svolto diversamente?! Come potete continuare ad essere così maledettamente stupidi?!

Avete scelto come presidente del consiglio un imprenditore che stava per fallire, lo stesso imprenditore che stava per essere arrestato (non dimentichiamo che il fratello in carcere c'è stato, gettando ancor più disonore sul già disonorato cognome), lo stesso imprenditore che avrebbero fatto fuori nel giro di qualche giorno, ma che invece, dopo calcolati e saggiati test, grazie agli stupidi che pensavano di trovare in lui il 'salvatore dell'animaccia loro e di quanti hanno per la prima volta parlato di lui' e grazie alla stramaledetta falange di gentaglia italiana, è stato eletto da subito con l'alto incarico, in seguito al quale provvedette a far allontanare da sè quelle temibili circostanze.

Non so voi, ma IO non sono, e mai sarò, un suo complice, perciò, con mio grande onore, sono pronto a giurare che non vedrò mai più un canale Mediaset!

Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo - Riproduzione vietata


Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!