- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 23:38:40 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

E la vacca va’!

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 2 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...


E la vacca va’!:
ha ricevuto 10 commenti. La partecipazione di 9 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • mariocesta   mariocesta
       Valori: 2010 ....... Rango: Veterano

    Buon giorno Sergio
    Purtroppo la politica italiana ci stà abituando a troppe altalene.
    Torna attuale la norma che vuole che “tutto deve accadere per niente far accadere”.
    Sembra che siamo immersi in un mondo fatto di mille intrighi ed altrettante congiure, nelle quali questo governo sguazza in lungo ed in largo. L’infimità ed il basso indice di valore attribuito a tutti i personaggi che siedono alle due camere, dovrebbero invogliarci (senza nessuna esclusione) a farla finita con questa classe politica di miserabili millantatori ed affini. Invece niente!
    Siamo talmente occupati a salvaguardare quel poco di tranquillità che ci viene dispendiata, che non riusciamo ad avere altre energie per la reazione. Vorremmo fare ed agire, ma tutto il mondo lavorativo che ci “assedia” impone il fermo. A conferma di questa condizione avviene che, appena notiamo che il cavaliere è traballante, tutti vorremmo disarcionarlo, ma quando lui raccoglie le sue energie e di nuovo si drizza in sella, quelle stesse mani immediatamente si ritraggono, come fossero tentacoli di una piovra gigante mai esistita.
    Siamo succubi di noi stessi e della nostra viltà; logico è che chi può pascolare, continui a farlo, sicuro di averle sempre grasse le sue vacche.
    Saluti.
    Mario

    0



  • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Buon giorno Sergio.
    Apprezzo e mi rallegra il tuo sarcasmo, mi mette di buon umore, nonostante il contenuto di quanto riporti sia estremamente ‘raggelante’. Lamenti dolorosamente anche la sconfitta della tua Fiorentina (ecco perché io ho voluto smettere di tremare ogni domenica), dunque non resta che consolarsi, ridendo alle tragicità imposte dalla vita e dalle persone.
    E’ oltremodo conveniente e consono riprendere l’argomento che ha visto una sinistra inadempiente e compiacente, conoscendo quanto è dipeso e dipende dalla loro meschinità (non dimentichiamo che Prodi ne è stato il responsabile diretto). Non aver voluto ‘concludere’ certe scelte di politica necessità, è stata la classica goccia.
    Ci ha gettati nel marasma delle inutilità! Si, proprio così: Noi siamo stati inutili per il Paese, quando eravamo al governo!
    Oggi lo siamo ancor di più…
    Oggi lasciamo che tutto fili tranquillo; che il ‘Caudillo brianzolo’ (mi piace questo dispregiativo che gli hai impresso!) continui a fare il suo scempio e continui ad arricchirsi tra le lacrime di sgomento degli altri italiani.
    Della nostra desolata sinistra che dire?!
    Ho sentito ultimamente la voce di ‘sua bassezza’ accarezzare l’idea che “… se una sinistra così non ci fosse, bisognerebbe inventarla“!
    Ma noi almeno stiamo tentando di reagire a questi soprusi e alla stessa sinistra.
    Cordialità, Giuseppe.

    0



  • Claudio   Claudio
       Valori: 2620 ....... Rango: Veterano

    Salve a tutti.
    Mi rifaccio ad un invito espresso in un altro articolo e non introduco quindi alcuna discussione sul nano di Arcore, o su qualsiasi altro appellativo riconduca a lui.
    Mi limito quindi a sintetizzare il già breve accenno che ha testè menzionato Sergio.
    E’ vero, la sinistra non ha fatto, commettendo un gravissimo errore di cui stiamo pagando le conseguenze, quel che doveva fare; mi riferisco in particolare ad una legge intoccabile che regolamentasse i metodi per le elezioni politiche ed all’altra necessaria legge che regolamentasse il conflitto d’interessi.
    Ovviamente nè l’una nè l’altra sono state azzardate per non esser poi additati come coloro che danno addosso all’avversario. Poveri, spudorati ignari! Chissà se oggi si sono pentiti di quegli errori? Chissà se oggi rifarebbero quegli errori?
    Ditemi quello che vi pare, ma io sono quasi convinto che, ancora oggi, non potrebbero dire di appartenere a quelli della Lega che ce l’hanno …. ; loro, quelle cose, NON CE L’HANNO PROPRIO!
    Claudio

    0



  • Maurizio   Maurizio
       Valori: 760 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Di domeniche orribili ne abbiam passate già tantissime, ogni volta un numero diverso, ma tante quante ne occorrono per “formare” una legge che il mefitico ‘signore’ vuole per sè, poi avanti con un’altra e per noi diventano almeno 45 domeniche di sgomento all’anno (fatte dunque salve quando è occupato a trxxx, o quando si intrattiene coi suoi amici tipo Putin o Gheddafi, o si autoricovera per qualche intervento di riassetto e di cambio sangue), però poi recupera alcuni giorni, asfissiandoci con le sue stronxxxx.
    E’ proprio vero, non lo si sopporta più.
    Qui a Milano è sorto un circolo (privato, per cui non posso riferirvi i dati, altrimenti òlo farei molto volentieri), in cui vari attori improvvisati, ponendosi sul volto una maschera che raffigura il caballero, si cimentano nell’imitare gesti e frasi, divenute ormai “CULT”, appartenenti al ciarlatano più famoso d’Italia. Almeno là ci si allena a ridergli in faccia, nella speranza di poter incontrarlo da qualche parte e farlo per davvero.
    Della sinistra non discuto; fiato sprecato. Lo farò ancora, quando essi mostreranno di “saper pigiare” il tasto che li porta tra noi, al piano terra. A tale proposito e raccogliendo lo sprono del signor Giuseppe, ho inviato al Webmaster un piccolo adesivo che spero venga elaborato e pubblicato al più presto.

    0



  • Elena   Elena
       Valori: 2945 ....... Rango: Veterano

    Buona sera.
    Caro Sergio, reputo legittima la necessità che hai provato udendo le fantasticherie del premier; reputo meno pertinente il fatto che tu le abbia riportate qui.
    D’accordo, altri amici ti hanno già risposto, forse per rafforzare gentilmente il piacere di conoscerti, rimanendo un tantino sul vago ed abbracciando la teoria del sarcasmo. Ma non sembra anche a voi che ci sia poco attinenza tra quanto si propone questo Blog e quello che invece ad esso facciamo capitare in prima pagina?
    Dove è la formula propositiva? E’ quella di dover tirare le orecchie? Vabbè dai, è stato più volte rimarcato, è divenuta una questione talmente ritrita che le orecchie diventano rosse solo a nominarla. Quello che dovremo fare, lo discuteremo e lo faremo al momento opportuno.
    Scusatemi, ma non penso che un visitatore qualsiasi venga ad aprire queste pagine, per ritrovarsi a leggere queste “cavolate da osteria”.
    Non meravigliatevi poi se tutti gli altri iscritti non intervengono.
    Ciao

    0



    • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
        

         In risposta a: Elena

      Buon giorno Elena.
      Forse ieri per te è stata una di quelle giornate “no”, proprio come è successo a Sergio domenica scorsa.
      Stà di fatto che non hai voluto ‘estrapolare’ (scritto tra le righe di Sergio) la ‘propositività’ che noi andiamo professando.
      Sergio, in ultima analisi, riprende un argomento certamente del tutto ‘ritrito’ (per usare la tua espressione), ma ricollegato ad altri fatti, ancora importanti e da porgere continuamente sul piatto della bilancia, affinché, chiunque ci sia là a sinistra, mai possa dimenticare l’affronto che ci è stato fatto e possa, in futuro, rimediare al mal subito.
      Gli altri iscritti sono probabilmente impegnati nella loro ripresa (non dimentichiamo che è dall’altro ieri l’apertura dell’anno scolastico) chi per un motivo chi per l’altro (Vittorio, per esempio, mi ha fatto sapere di essere impegnato coi nipotini), per cui è difficile, a volte, avere davvero del tempo libero.
      I visitatori accorti, capiscono che non discutiamo di cose ‘ritrite’ e ci seguono volentieri, gli altri, quelli che osservano solo le figure (per intenderci) sono solo ‘Clicks’ dispersi nel mondo del Network.
      Giuseppe

      0



  • Corrado   Corrado
       Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

    Buon giorno a tutti e ben trovati. Io sono Corrado, un amico di Claudio.
    Ho letto la lamentela della signora Elena ed un tantino devo darle ragione. In effetti, in questo articolo, si stà discutendo di qualcosa che pur esistendo, non è “palpabile”. Si stà discutendo di sensazioni, per argomenti che sono all’ordine del giorno.
    Lo so che non bisogna tralasciarli, perché si correrebbe il rischio di diventare insensibili (vedasi come ormai passano inosservati i tanti poveri morti, che le guerre in corso e gli attentati di varia natura producono quotidianamente), ma tra quest’ultimo esempio e la discussione/sensazione/impressione riportate nell’articolo c’è un’abissale differenza; quindi, se proprio dobbiamo discutere di cose risapute, dovremmo dare precedenza e continuità alle vittime.
    Ma non lo facciamo perché?
    perché in un mondo ridotto ad essere preda dello strapotere e della sopraffazione, un semplice affacciarsi ad una finestra da cui non si debbano osservare continuamente cose orribili, ci dona quella vera “sensazione” che il mondo è migliore, dovrebbe essere migliore, vorremmo appartenere ad un mondo migliore.
    Che poi tocchi comunque a noi intervenire, quando sarà il momento opportuno, questo è un’altro discorso.

    0



  • Sergio   Sergio
       Radiato dal Blog

    Buon giorno a tutti ed un saluto particolare a Corrado per un futuro particolarmente fertile e partecipe al nostro forum.
    Ringrazio sentitamente Giuseppe (che riconosco sempre più come il nostro maggior azionista di riferimento) per la perfetta interpretazione del senso intrinseco, o lettuta fra le righe, del mio articolo; io stesso non ho saputo fare di meglio, infatti ieri mi sono impegnato in una risposta-replica ad Elena, ma dopo aver scritto le mie riflessioni in proposito, ho cancellato tutto, senza inviarlo, perché profondamente insoddisfatto, rimanendo con l’amaro in bocca fino a quando ho letto la risposta di Giuseppe che mi trova assolutamente d’accordo: era un messaggio, propositivo, a chi, un giorno, potrà porre rimedio al problema del marcato delle vacche che tanto affligge l’onesto elettore.
    Saluti a tutti Sergio

    0



  • Donato   Donato
       Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

    Buon giorno a tutti. Mi chiamo Donato e sono anch’io della provincia di Roma, come i miei due amici, già presenti, Claudio e Corrado. Ovviamente con loro già si discuteva a “viva voce”, però Claudio ha visitato questo Blog e ci ha convinti della bontà di quello che si scrive.
    Tra noi (quando ci ritroviamo tutti insieme, siamo in nove, altri due si iscriveranno a breve) parliamo e ci confrontiamo già abbastanza vivacemente, quindi quello che vorrei far capire a tutti gli iscritti, è che non devono “temere” nostre coalizioni. Io sono qui, come del resto anche gli altri del gruppo, per mia scelta e per mie opinioni, libero da qualsiasi vincolo e senz’altro non legato ad essere forzatamente d’accordo. Questo è meglio, averlo messo da subito bello in chiaro.
    Sono un ex democristiano. Mi sono avvicinato all’UdC, ma mi sono allontanato con più rapidità. Ora sono “Anima Libera” ed a volte Tullio (l’altro amico che si iscriverà la settimana prossima, perché questa è assente) mi fà la “corte”, poiché vorrebbe indirizzarmi al suo pensiero politico (vi dirà poi lui, quando lo riterrà opportuno).
    Bene, ora sapete quasi tutto.
    Sono pacatamente in sintonia con le “emozioni o sensazioni” provate da Sergio e non nego l’esasperazione di Elena, che vorrebbe i podisti sempre e solo in dirittura d’arrivo. Ma prenditi un po’ di fiato sù; ogni tanto anche chi è in gara deve rallentare. Va bene che nel varesotto siete quasi tutti delle persone instancabili, ma al tramonto anche voi vi sedete a tavola, no?, e che tavolate!
    Un salutone.
    Donato

    0



  • 10°
    Rita   Rita
       Valori: 2035 ....... Rango: Veterano

    Ciao Corrado, ciao Donato, benvenuti.
    Ovviamente ogni frase può rappresentare una espressione di un mondo a noi sconosciuto.
    Saper discutere, significa anzitutto saper trovare insieme un accordo, in base al quale tutti possano cominciare ad osservare quel mondo da visuale comune.
    Appare dunque ovvio a questo articolo è mancata la comunicazione di base, al fine di stabilire i necessari parametri, utili alla partecipazione collettiva. In tale situazione ognuno la tira per come crede, con la conclusione che anche fra noi non riusciamo a “coagulare” un pensiero.
    Sergio ha saputo riassumere, forse in meno di cento parole, tutto l’operato di una classe politica e quello che s’è prodotto in questi ultimi vent’anni, ma ha commesso un errore di banalità: Continuare a riassumere anche il… futuro!
    E no, caro Sergio, a questo punto anch’io mi ribello e porto avanti la “stizza” di Elena (ciao Elena). Non si deve cadere nella futilità espressiva, lasciando poca disponibilità alla comprensione. Sono i fatti conosciuti, discussi ed approvati che produrranno il futuro delle persone comuni, il nostro futuro; quelli non conosciuti serviranno a colui che aspetta il futuro come meta per il raggiungimento dei propri, egoistici benefici.
    Apriti se puoi, caro Sergio… Apriti!

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.