- In questo periodo la moderazione è affidata ad: Alessandro, da Albenga (SV)

Sono le ore 01:37:18 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Ed io insisto!

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 2 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...

Ed io insisto!:
ha ricevuto 10 commenti. La partecipazione di 9 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Vittorio   Vittorio
       Deceduto R.I.P.

    Buona sera Sergio.
    Tre domeniche fa ho accompagnato una mia amica in chiesa. E’ un’altra chiesa, nuova, stilizzata, moderna, con tante comode poltroncine, aria condizionata e musica soave; ed ho anche sentito un sermone con la voce pacata del parroco che mi arrivava delicatamente, senza perdere una parola. L’equalizzatore manteneva lo stesso volume, anche se il timbro della voce variava, quando l’argomento richiedeva toni più incisivi. E’ stata una funzione gradevole.
    L’altra domenica son tornato alla consueta mia parrocchia. E’ un tantino malandata, fortunatamente senza quel caldo degli ultimi giorni d’agosto, sedie e panche scricchiolanti, la voce del prete che giunge a fatica tra il tossire dei vecchi ed il vociare dei ragazzi. Le parole del sermone andavano perdendosi tra gli aliti della folla, un vecchio organo suonato ad orecchio da un vecchio maestro faceva da contr’altare.
    Solita domenica.
    Ma insolite le parole di don Carlo nel dopomessa: “Vittorio, come stai? Anche se per poche ore, però ci hai fatto stare in pensiero. Potevi informarci che saresti stato via domenica scorsa”!
    Mi veniva da piangere, ma non volevo spiegarlo, non avrebbero capito.
    Il cuore Sergio. E’ solo lui che parsimoniosamente comanda ad una certa età. E non si può, non si deve e non si vuole ricambiarlo con la ribellione.
    Chissà se la mente intuisce? Nel frattempo, tace!
    Da sinistra a sinistra.
    Vittorio

    0



  • Elena   Elena
       Valori: 2905 ....... Rango: Veterano

    Ciao Sergio, Ciao Vittorio.
    Due mondi simili che si incontrano. Siete meravigliosi!
    Non c’entra più la politica, o il partito o altre menate che turbano solo la testa. Qui c’è l’essenza, qui c’è l’Anima.
    Caro, bravo, buon Sergio. Indomita è in te la voglia, la costanza e la necessità della ricerca del bene. Hai il cuore infranto e deluso e vorresti che il tuo patire non appartenesse a chi hai amato ed ami ancora nel tuo vivere il sociale. Cerchi la congiunzione con qualcosa (qualcuno) che mantenga l’ago della bilancia orientata lì dove il tuo cuore vorrebbe sempre stare: a Sinistra.
    Dolce, mite, amorevole Vittorio. La vita ti ha regalato qualcosa di impagabile. Forse il più del tuo carisma è dipeso dalla tristezza e dispiaceri di una gioventù, chissà, di patimenti? Ma oggi i tuoi occhi possonno riempirsi di lacrime pure, senza rimpianti, senza rimorsi. Chi ha vissuto da esemplare insegnerà con l’esempio.
    Vi abbraccio entrambi.
    Elena

    0



  • BenAng   BenAng
       Valori: 1965 ....... Rango: Frequent User

    Buona sera.
    Intervenire dopo Vittorio (Benvenuto ancora) ed Elena mi sembra proporre un “contronatura”. L’atmosfera che si è creata leggendo è davvero “avvolgente”. Mi spiace spezzarla, ma ho realmente poco tempo e voglio rispondere alla domanda seria che pone Sergio.
    In effetti, se ci si lascia andare, il trasporto che caratterizza la dialettica di Di Pietro, indurrebbe a seguirlo in capo al mondo. Ma a me sembra troppo scontato, troppo aperto alla diretta lotta. Ha troppo la facia da analfabeta “gladiatore”. Però è vero; piace quello che dice, poichè ricalca ciò che ognuno di noi sente.
    Ho cercato anch’io a stargli un pò dietro ed alla fine ho, per incanto, trovato chi mi soddisfa. Il suo nome è Massimo Donadi, sempre dell’IdV. Lo trovo un uomo assolutamente capace, dalle radici sane, intelligente ed astuto quanto basta. Non ha timore di esprimersi liberamente ed in effetti asserisce concetti che centrano il bersaglio.
    Questo è tutto, lui, a mio modesto avviso, va “tenuto d’occhio”.
    Buona notte.
    Ben

    0



  • Rita   Rita
       Valori: 2035 ....... Rango: Veterano

    Buon giorno.
    Asserire di aver bocciato Franceschini è un pò azzardato (Marino non lo prendo in considerazione, non sarà mai un vero politico, ma sempre un signore che parla di politica).
    A parte il suo inconfondibile modo di chiarire le cose, a me sembra anche molto più preparato dello stesso Bersani, certamente più rapido e toccante negli interventi.
    Bersani, come Prodi d’altronde, ha fatto “addormentare” la sinistra. Qualcuno ultimamente glielo ha detto e lui ora, vorrebbe riappropriarsi di un territorio che non è più suo, ma se ne esce con delle esternazioni degne di un’osteria. E di l’altro ieri la sua sbotta con il nominare la “fogna” parola ovviamente degna di far parte di un linguaggio da “onorevole”, peccato che a pensarla così sia soltanto lui.
    Finchè ci saranno personaggi come Bersani, Prodi, D’Alema, Veltroni, Bindi, Fassino, Letta, Violante, Latorre e Marino la sinistra può scordare di riuscire a prevalere. Lo spirito dei suoi iscritti è altissimo, ma solo perchè infuriato di sottostare a quelli di destra.
    Comunque, per me, lo ripeto, il personaggio è Franceschini, che la sinistra purtroppo ha già bocciato a favore del “vecchio” Bersani, Vendola non mi interessa, una classe a parte, una classe sotto tono, valida per le regionale.
    Ciao, Rita.

    0



  • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Buon pomeriggio a tutti.
    Voglio cominciare con l’estendere la mia gratitudine a Vittorio ed a Elena, per avere apposto su queste pagine spaccati di sentimenti veri, che sono alla base della fratellanza, dell’onore e del rispetto.
    Sergio, molto febbrilmente e concitatamente chiede “chi“?.. Chi oltre Di Pietro?.. Chi oltre la sinistra?
    E’ vera soprattutto una cosa, di ciò che Sergio ha scritto. Nei confronti di Di Pietro ci sono delle “…pregiudiziali assolutamente estranee alla politica“.
    Però devo convenire che sono “pregiudiziali assolutamente estranee alla politica che fanno tanto male al personaggio politico.
    Vorrei raccontare un episodio… lo faccio brevemente: Di Pietro inquisitore s’infuriava ed accusava con maggior veemenza i suoi inquisiti, quando essi dichiaravano di volersi avvalere della “facoltà di non rispondere”; fu inquisito anche lui da Salomone della procura di Brescia. Lo ‘splendido’ Di Pietro arrivò alla conclusione che anche per lui poteva valere il tanto odiato appello “…mi avvalgo della facoltà di non rispondere“.
    Da quel momento è finito il sogno; da quel momento Di Pietro è tornato ad essere un mediocre uomo in vendita.
    Personaggi qualificati non ne vedo. Sarà come al solito la maggioranza relativa che deciderà chi diverrà il nuovo ‘delfino’ della politica italiana. Auguri!
    Giuseppe

    0



  • Marco   Marco
       Valori: 1430 ....... Rango: Frequent User

    Buona sera a tutti.
    Per me potrebbero andare tutti su per i monti, con un attrezzo sulle spalle, sperando che non riscendano.
    Primarie, primarie e primarie, ma quale primarie? Chi formerà la lista dei candidati?
    Ciauz.

    0



    • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
        

         In risposta a: Marco

      Buon giorno Marco, abbiamo intuito il tuo modo di intervenire. Succinto, istintivo, ma anche inconcludente e poco pertinente.
      La voglia di partecipare non deve indurre a due righe, giusto per esprimere un concetto, senza entrare nel merito della discussione.
      Per rispetto a chi la ‘cosa’ la affronta con maggior accuratezza, ti prego di allineare la tua condotta partecipativa.
      Giuseppe

      0



  • Donato   Donato
       Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

    Buona sera a Sergio, buona sera a tutti.
    Mi è da subito piaciuto Vittorio, al quale invio un caloroso saluto, per la storia del tizzone ardente che si discosta dagli altri e diventa in breve tempo cenere.
    Non me la ricordavo, ma appena ho cominciato a leggerla, m’è balzata subito alla mente.
    Ricordo anche che mio nonno faceva continuare quella storia, fino a far concepire l’idea di quanto importante fosse lo stare insieme e produrre lo stesso calore.
    Ho appena terminato il mio commento all’articolo del PDNetwork. Credo che questa storiella sia misconosciuta a quelli.
    Di Pietro rappresenta per il nostro gruppo (chiedete a Claudio ed a Corrado) il centro delle nostre elucubrazioni politiche. A volte lo facciamo innalzare, a volte, raramente a dire il vero, lo facciamo precipitare. Resta il fatto che riesce a far parlare di sè e del suo benedetto IdV.
    Tutti noi sappiamo cosa è davvero essenziale per qualsiasi personaggio: Far parlare di sè!
    Significa cercare di attirare sempre l’attenzione dell’opinione pubblica su di sè; significa prendersi meriti che a volte non si posseggono; significa voler restare sempre in primo piano, non dimenticato, quindi “pesante” e “necessario”.
    Di Pietro riesce in tutto questo, ma, a mio modesto avviso, lo può fare solo perchè non ci sono altri veri personaggi a prendere possesso della scena che lui sapientemente troneggia.
    Mi rifaccio al proverbio “Non è oro tutto ciò che luccica” per rafforzare la mia ipotesi: “Non sono tutti politici quelli che siedono a Montecitorio”.

    0



  • Piero   Piero
       Valori: 690 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Sono Piero, felice di unirmi a tutti voi.
    Io sono uno di quelli convinti.
    Convinto che bisogna lasciar fare a Di Pietro e dargli la forza per continuare a ‘tartassare’ quella delinquenziale classe politica che attualmente ci governa. Infatti, solo lui e quelli dell’IdV hanno dimostrato di comportarsi coerentemente con il loro punto primario, quello di ‘mandare a casa’ Berlusconi.
    Quando la cricca non ci sarà più, sarà possibile tornare a parlare di “sentimento politico” e di altre simili nobiltà, fino ad allora uniamoci con chi ha la volontà e la caparbietà di attuare anche il nostro intento.
    Buon pranzo!

    0



    • 10°
      Corrado   Corrado
         Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Piero

      Benvenuto Piero.
      A dirla tutta, tu avresti anche ragione a portare avanti la tua tesi. Il fatto però è, che nessuno di questi nostri politici è realmente immacolato, altrimenti hai voglia se ognuno di noi non saprebbe per chi votare.
      Lo stesso Di Pietro, se fosse lui l’eletto, non è capace di dare garanzie sulla continuità dei suoi metodi di governo. Noi abbiamo una grossa maledizione, che è quella di dover continuare ad avere la strana sensazione che quelli arrivati al governo, prima o poi ci xxxteranno (mi sono autocensurato ma spero sia comunque comprensibile).
      Lo so che con questi preconcetti non si arriva da nessuna parte. Posso anche immaginare che, sempre questi preconcetti, siano stati voluti e siano stati creati dal centro destra, proprio per tenere una larga fascia dell’elettorato, a loro contraria, lontana dalla politica. Forse, forse e sempre e maledettamente forse.
      Ma l’incertezza è la madre delle sconfitte, così, per non subirle all’infinito, non ci resta che decidere al più presto e fare il tifo per questo o quello, senza amore, senza passione.
      Diviene meritevole, colui il quale porta avanti un ideale, nel quale identifichi anche il tuo.

      0



Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.