- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 04:25:02 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Elezioni europee… Berlusconi, il più indegno italiano, si autocandida per rappresentarci nel mondo

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 4 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...


Elezioni europee… Berlusconi, il più indegno italiano, si autocandida per rappresentarci nel mondo:
ha ricevuto 7 commenti. La partecipazione di 7 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Avatar   Vittorio
       Rango: Ospite

    Non è possibile!
    Se dovesse capitare di vedere quel vecchio ed incartapecorito lestofante ancora tra le persone rispettabili, giuro che manderò affanculo l’Italia, i suoi abitanti e tutte le istituzioni.
    Prego con tutto il cuore che l’infausta evenienza non si verifichi e che anzi, il buffone di Arcone finisca i suoi giorni confinato nel suo dorato regno animale.
    0



  • Antonio   Antonio
       Valori: 2485 ....... Rango: Veterano

    Buona domenica a tutti.
    Bisogna essere dei lestofanti nati, per continuare a dare ascolto alle mire di un pregiudicato.
    Ma si può essere anche complici di un pregiudicato, continuando a mettersi a disposizione del delinquente Berlusconi, cosa che avviene negli ambienti dei media, tra cui spiccano il Giornale, Libero, Panorama, Chi Come e Quando, Canale5, Rete4, Italia1, il gruppo Mondadori al completo ed i suoi molteplici editorialisti ed articolisti.
    Siamo stati messi in cura per qualche settimana, allontanando da noi il virus mortale (berlusconi), ma chi ha potuto ha rotto l’incantesimo ed ha rimesso sulla nostra strada e nella nostra vita quel pazzoide esemplare.
    Che essere spregevole! Ha corrotto tutto ciò che si poteva corrompere. Ha devastato le nostre finanze, arricchendo dei miseri arrampicatori pur di ingrossare (riuscendoci) i capitali delle sue aziende. Ha disossato l’Italia rosicando l’economia di tutti. Ciò nonostante, una parte vile dell’Italia servile mantiene in vita berlusconi ed il berlusconismo; evidentemente le torna molto utile averlo.
    Ma ai quotidiani italiani dovrebbe essere imposto di non fare pubblicità ad un delinquente, chiunque esso sia. Ha ragione Claudio quando scrive che qualsiasi titolo mantenuto a quel disgraziato è un’offesa costantemente presente per chiunque si costringe a lavorare duramente ed onestamente, per conquistarsi, meritatamente, un posto nella società economica. Cavaliere non è il titolo appropriato e consono ad un delinquente; ma delinquenti sono anche coloro che quel titolo non lo fanno decadere, a cominciare soprattutto dal nostro vecchio, inutile e mortificante presidente.
    Care amiche ed amici, ci hanno immersi in un mondo che non fa parte del nostro DNA di persone libere e civili e, caso strano, proprio coloro che approntano i loro discorsi e le loro azioni in nome della libertà popolare, prima o poi li ritroviamo spergiuri e catastroficamente soffocati da scandali e scabrose relazioni.
    E’ assodato! Ora tutto dipenderà da noi. Dobbiamo darci una mossa, ma non inutile come quella dei “forconi”, bensì finalizzata al raggiungimento degli obiettivi prefissati, altrimenti ho timore di credere che il nostro mondo non ci apparterrà più.

    0



  • Domenico   Domenico
       Valori: 375 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno a tutti, sono Domenico.
    Complimenti per la qualità del sito e complimenti a tutti i partecipanti.
    Non lasciatevi ingannare dalla mia foto; l’ho scelta tra i miei ricordi di gioventù, ma oggi la realtà è ben diversa, e mi riferisco alla mia “veneranda” età di 56enne.
    Io sono contro Renzi o, per meglio dire, Renzi non mi è simpatico, sia per quel che pensa e non dice, sia per quel che dice e non pensa. Ma anche per tutte quelle espressioni facciali bambinesche che lui fa assumere al suo volto.
    Se si discute di Berlusconi, oggi lo si fa con la consapevolezza che, finalmente, è stato collocato nella sua corretta dimensione di pregiudicato. A parte quindi i suoi diretti “dipendenti”, politici e privati (e sono moltissimi), chi pensa di avere a che fare con lui dovrebbe rifiutare, dovrebbe esimersi, trovare scuse o dirlo apertamente che con un farabutto non vuole spartire nulla. E se quel farabutto è purtroppo il padrone di un partito, a maggior ragione si dovrebbe evitare lui ed il suo partito.
    Renzi invece la pensa diversamente e ci tiene a farlo sapere.
    Grillo, come è suo solito purtroppo, non ha voluto abboccare all’esca renziana, ha preferito far finta che discutere di riforme col neo segretario del PD fosse cosa inutile. Trascorso il tempo necessario a far sopire quel tentativo, ecco che l’astuto rottamatore si lancia all’inseguimento del suo interlocutore preferito. Era chiaro infatti che era proprio a lui che voleva arrivare. Pur non avendolo sconfitto, ora vorrebbe parlargli ponendosi al suo stesso livello, o forse pensando di stargli addirittura ad un gradino sopra.
    Nel programmare ciò, il PD, con tutta la forza dell’ala dirompente renziana, rispolvera il tanto temuto schema, col quale tende la mano al recupero politico del caimano. Ed è molto importante che avvenga prima di iniziare il supplizio dell’affido ai servizi sociali. Se mai avverrà!
    Per ora mi fermo qui, non voglio annoiarvi.
    Vi saluto

    0



    • Manuela   Manuela
         Valori: 1775 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Domenico

      Ciao Domenico, benvenuto. Buon giorno a tutti.
      Se la Giustizia, quella con la cosiddetta “G” maiuscola, facesse davvero il suo corso e, cosa più importante, se di fronte alla Legge (indubbiamente quella con la “L” maiuscola) fossimo davvero tutti uguali, non saremmo costretti ad assistere alle bizzarrie di un giovinastro che vuole dettare il suo percorso, fregandosene delle opinioni degli italiani.
      Matteo Renzi s’è impossessato della Segreteria del PD ed ora pensa che NULLA possa ostacolare le sue azioni. Oggi, per esempio, ha deciso di incontrare il padrone del “biscione”, nonostante ci sia stata una forte contrapposizione da più parti; ma ciò che rende quel “bamboccio” ancora più temibile è che l’incontro lo farà nella sede del PD.
      Renzi incontrerà il delinquente caimano nella sede del PD!
      Se l’idea di avere berlusconi ancora tra i piedi della politica europea arroventa la testa di molti, immaginarsi adesso che il buon figliolo Matteo lo riporta sull’altare, facendolo entrare tra le mura di coloro che, apparentemente, lo hanno dismesso da senatore. E’ come chiedergli scusa. E’ come riconoscergli di aver subìto un torto e pertanto, cospargendosi (il PD) la testa di cenere, lo fanno entrare nella oro “chiesa”, chiedendo la sua resurrezione politica. Hai capito il bravo e giovane don Matteo?! Hai capito il vile pregiudicato?!
      Bravo Matteo, proprio una bella mossa!
      Se prima l’italiano medio era incavolato e stufo di tutti voi cialtroni, ora potrà capire meglio che il vostro è un circolo viziato dal solito giochino; gira e rigira siete sempre tutti là, gira e rigira ognuno di voi supporta l’altro, gira e rigira la legge del “baffino” torna sempre di moda.
      Matteo caro, ma non ti pare di aver superato il limite dello schifo più schifoso?
      Come diavolo fate voi politici a chiedere che i giudici paghino le conseguenze dei loro erroi giudiziari, mentre a voi, se non fosse proprio per quei giudici, nulla accadrebbe?

      0



    • Giacomo   Giacomo
         Valori: 690 ....... Rango: User

         In risposta a: Domenico

      Buona sera a tutti ed un caloroso benvenuto a Domenico.
      Ciò che era stato programmato è stato compiuto, quasi come la parola del Salvatore; ora voglio sperare che quelli del PD penseranno almeno di far ribenedire quelle mura con abbondante acqua santa, non si sa mai cosa è possibile che rimanga dopo la presenza del pregiudicato.
      Devo necessariamente convenire che Renzi sta diventando più antipatico del previsto e, più che bamboccio, ora si atteggia a dinamico uomo di potere. Accetta lo scambio coi giornalisti, solo se lui gradisce, altrimenti non ci pensa due volte ad alzarsi e lasciare tutti con tanto di naso all’aria. Vuol sembrare il perno centrale e nevralgico di tutta la movimentazione, ecco perché cerca di… movimentare. Peccato però che il nevralgico di oggi è solo sfociato in gran dolore, gradito come il mal di denti.
      Io non so prevedere ciò che il “toscano” otterrà con questa sua condotta, per il momento nell’aria si sente solo la puzza delle cose sgangherate che va dicendo e va facendo in giro e, come per quel tipo di tabacco, sta facendo venire subito voglia di cambiare aria, di aprire le finestre e cambiare l’aria, come se fosse stata appestata.
      Il tanto “fare” a cui egli si riferiva, prima che fosse eletto segretario, e che era lo spirito per la satira di Crozza, giusto oggi l’ha solo portato a commettere un gravissimo errore d’immagine.
      Non so neanche in quanti saranno pronti a digerire la vicinanza forzata del PD al pregiudicato berlusconi, quello che è certo è che prima di Renzi un intero partito aveva votato per l’allontanamento dal Senato dell’ignobile personaggio, oggi, lui, il Matteuccio-uccio-uccio, quel delinquente se l’è portato in casa.
      Non l’ho votato prima, non lo voterò mai in futuro. Matteo “puzza” a chilometri di distanza.

      0



    • GianRoberto   GianRoberto
         Valori: 265 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Domenico

      Ben arrivato Domenico.
      Dopo aver visto la bandiera del PdL bruciata a Brescia da alcuni dimostranti, finalmente è arrivato il gran giorno di veder stampato sulla lussuosissima vettura blindata del pregiudicato più vile e squallido del mondo delle splendide, irriverenti, oltraggiosissime uova rotte.uova-per-incontro-renzi-berlusconi
      Che soddisfazione!
      uova-per-incontro-renzi-berlusconi2Se calcoliamo il tempo intercorso tra la prima “sommossa” di Brescia e questa di Roma, rapportando le gravità relazionate, possiamo dedurre che, tra esattamente 65 giorni, pomodori marci e roba di ogni genere pioveranno direttamente sul capo di quel farabutto.
      E’ così che finisce quando la gente non ce la fa più!
      berlusconi-nella-sede-del-pd-incontra-renziBerlusconi prima o poi dovrà rimanere senza la vicinanza della scorta, mica se li potrà portare ovunque durante le sue mansioni di affidato ai servizi sociali. Quel giorno comincerà per davvero il suo calvario, che non potrà più scordare. Se i suoi non sono riusciti a fargli il cordone protettivo, proprio per evitargli quel tipo di figuracce, allora vuol dire che il pregiudicato non avrà occasioni tutte a lui favorevoli, così come avevo prospettato nel mio precedente intervento.
      Renzi non farà una buona fine (politicamente parlando) e neanche tenta di evitarlo, per cui sono propenso a credere che se la meriti.. Così, anche lui a breve, si ritroverà a dover sgattaiolare lungo le pareti oscure della Firenze vecchia, come un topastro, per non farsi riconoscere.renzi-bamboccio-veste-fuseauxOsservatelo, per favore, guardate. Sembra addirittura che indossi dei fuseaux, tanto gli sono aderenti quei “pantaloni”. Vuol fare il fighino, ecco perché, a mio modesto avviso, non è serio.
      Prego la Redazione di voler inserire in questo mio commento le immagini che ho inviato per e-mail. Grazie.
      Buona notte a tutti.

      ——————–

      Egregio signor GianRoberto, piacere di esserle stato d’aiuto!
      Andrea

      0



  • Paolo   Paolo
       Valori: 250 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno a tutti. Un cordiale benvenuto a Domenico.
    A convalidare qualsiasi tesi, circa la meschinità del delinquente berlusconi e di come le leggi italiane siano calpestate, semplicemente perché “confezionate” da gentaglia immatura e spregiudicata, concorre ciò che ultimamente è accaduto nella Procura milanese.
    Si era detto già da mesi ed in effetti era nell’aria che, tempo il deposito delle motivazioni della sentenza di primo grado del processo cosiddetto “Ruby”, ed i PM milanesi avrebbero indagato lo stesso berlusconi, i suoi legali e tutte le ragazze per svariati reati, compreso, per tutti, la falsa testimonianza.
    Il giornale che dirige un imbecille, sfortunatamente anche già graziato (sallusti), ha ricominciato, in particolare, a strillare al complotto ed alla bomba ad orologeria (riferendosi all’intento della magistratura di voler, con quella “mossa”, bloccare gli ultimi passi del suo padrone e di Renzi), diffamando ed infamando i giudici di Milano, che, poveri loro, altro non fanno se non il loro dovere, nella totale sfortuna di essere collocati nella stessa provincia ove risiede il pluri delinquenziale pregiudicato.
    Forte di quella sua nutrita schiera di diffamatori che gli spalancano le porte dell’orrido, il caimano fa sentire anche la sua voce, con la quale inquadra quel tribunale come un covo di delinquenti che vogliono accanirsi contro di lui.
    Il tappo delinquente ha un appuntamento preciso che scadrà il 10 aprile. Per quella data infatti si riunirà il collegio per definire la definitiva condanna.
    Ora mi chiedo: Come è possibile che per un delinquente, talmente spudorato ed altamente pericoloso come è il vecchio balordo caimano, possa esistere la probabilità che venga affidato ai servizi sociali, se quell’animale dimostra continuamente di non voler redimersi?
    Arresti immediati e duraturi ci vogliono, altro che comprensione e morbidezza, specialmente per un vecchio inacidito come lui.
    Ma basta. Mandatelo a quel paese e chiudetegli la bocca. E’ soltanto una lurida vipera che inietta veleno.

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.