Sono le ore 16:33:56 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Elezioni regionali 2019: “Paese che vai, usanze che trovi” … in Abruzzo si inchinano al clan!

In una Terra falcidiata da mille calamità ed erosa da avide speranze, l'usanza di inchinarsi e lasciar passare il più forte ha preso il sopravvento. Gli abruzzesi sperano ed attuano la speranza continuando a cercare, cambiando rotte - idee - partiti - uomini. Ancora non hanno capito che ...
elezioni-regionali-abruzzo-2019

In una Terra falcidiata da mille calamità ed erosa da avide speranze, l'usanza di inchinarsi e lasciar passare il più forte ha preso il sopravvento. Gli abruzzesi sperano ed attuano la speranza continuando a cercare, cambiando rotte - idee - partiti - uomini. Lo confermano i dati delle elezioni regionali 2019 in Abruzzo.

Ancora non hanno capito che sono la seria assiduità e la seria continuità a rendere stabili le cose, anche quelle apparentemente viziose ed irregolari. Gli attriti, durante l'iniziale funzionamento, consumano e trasformano, ma sono solo gli effetti di parti messe insieme ed obbligate a contrarsi tra loro, a convivere, ad adeguarsi; dopo il rodaggio, l'usura rende lisce le superficie e tutto si assesta, rendendo il moto "normale e regolare". Basta saper espellere il residuo creato.

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 3 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!



Stavolta, però, gli abruzzesi non hanno saputo aspettare e neppure hanno potuto verificare. Dal 4 marzo ad oggi per loro nulla era cambiato; ma ieri, inspiegabilmente, gli abruzzesi hanno deciso di dare un altro assetto alla regione, un assetto totalmente differente dal precedente risultato elettorale, che vedeva i 5 stelle ad oltre il 40% di preferenze. Perché? Come è stata possibile quest'ultima dimostrazione di assoluta incoerenza?

Hanno certamente punito il PD, rifiutando il rinnovo della loro conosciuta incapacità a risolvere i problemi della Regione. Ma perché hanno punito anche i 5 stelle, premiati appena 9 mesi fa? Perché hanno scelto la destra? Perché hanno scelto Salvini?
L'Abruzzo, infatti, non sta disperandosi per immigrazione e delinquenza; l'Abruzzo, invece, ha già conosciuto come agisce la destra di governo, quando c'è da intervenire per salvaguardare la popolazione ed il territorio (terremoto a L'Aquila nel 2009). L'Abruzzo ha ben presente quale è la sua condizione, dopo dieci anni di promesse da destra e da sinistra.

"Sono commosso. Ho dentro di me un ricordo che non finirà mai di quei giorni del terremoto, delle famiglie che avevano perso i loro cari, delle famiglie che avevano perso la loro casa.
Mi auguro che questo governo cada ogni giorno che arriva. Vedere un governo che dice sì un giorno, per dire no il giorno dopo, per dire forse il terzo giorno... Vedo un pericolo come nel 1994, quasi più grave. Questi grillini hanno le stesse idee dei comunisti di allora, anzi, loro si proclamano comunisti ma non da salotto, da strada; ma rispetto alla sinistra di allora non hanno nessuna competenza, esperienza, non sanno cos'è l'amministrazione pubblica"

Parole pronunciate da Berlusconi durante la sua visita a L'Aquila del 26 gennaio scorso. Eccola la destra!
Parole che mirano a colpire solo una parte di governo, senza mai "toccare", quasi non esistesse, la destra governativa : La Lega. Berlusconi, poi, si dimostra il solito animale.

Invece la realtà di L'aquila è ben altra.
Dopo brindisi e risate per i grossi affari che si prospettavano alla notizia del terremoto a L'Aquila, Berlusconi e Bertolaso vantavano addirittura il "miracolo". Nello stesso giorno in cui il riconosciuto "delinquente naturale" compiva i suoi 73 anni (il 29 settembre del 2009) venivano inaugurati i primi 400 appartamenti del progetto C.A.S.E., in quella che sarebbe divenuta la new town aquilana.
Pochi mesi dopo, al susseguirsi di distacchi di balconi, ringhiere e parapetti, la relazione redatta dagli ingegneri dell’ufficio tecnico di L'Aquila non lasciava dubbi: " ... sono evidenti segni di deterioramento degli edifici, che sono inaccettabili".
Ci sono voluti otto anni per rivelare definitivamente che il progetto futuristico del "mattonaro di Segrate" era in effetti un odioso fallimento. Gli appartamenti, che erano stati progettati per rappresentare in sicurezza lo stile e la classe del loro promotore, hanno continuato a perdere pezzi. C'è stata la necessità di evacuare d'urgenza interi condomini risultati a rischio di crolli e, cosa gravissima, si è scoperto che almeno 200 isolatori sismici che sostengono alcuni edifici, sono destinati a frantumarsi, se si dovesse verificare un altro evento sismico come quello del 6 aprile. La tragicità è che neppure la ditta costruttrice ha potuto stabilire quali palazzi appoggiano sui riconosciuti 200 difettosi isolatori sismici, per cui tutta la new town è da ritenere a rischio.
Così ha agito il governo di destra. E Salvini era ed è un esponente di quella destra.

Ma gli abruzzesi hanno memoria corta, così prevale la loro usanza contadina di mantenersi chini, mai a schiena dritta, mai analizzando i fatti del passato

Tutte le risposte alle precedenti domande si possono riassumere in una sola espressione:
I clan, specialmente quelli malavitosi, vincono. E vincono ancor di più tra le persone povere!


Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo.it - Riproduzione vietata      - Pubblicato 2 anni fa -




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!