- In questo periodo la moderazione è affidata a: Gaetano, da Zelo Buon Persico (LO)

Sono le ore 06:48:45 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Endorsement cercasi.

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 4 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...

Endorsement cercasi.:
ha ricevuto 3 commenti. La partecipazione di soli 3 utenti determina che c'è scarso interesse per l'argomento.

  • Giulia   Giulia
       Valori: 785 ....... Rango: User

    Buona domenica.
    L’arrivista cavalca l’onda della notorietà, così come il buon surfista cavalca quella marina.
    Di renzi, di tutto e di più. Di renzi, il peggio che si somma al terribile. Di renzi, la bruttura e la perfidia. Renzi!
    Non sono sicura di vivere in un clima democratico e socialmente accettabile; attorno a me vedo molta sofferenza e paura di ciò che renzi dice di voler organizzare. Ancora organizzare. Renzi … Volutamente capace di incanalare un popolo verso la perdizione del proprio status.
    Ha parlato di globalizzazione, renzi. Ha detto, ricevendo un premio da Kerry, che finché la globalizzazione non sarà attuata in modo globale e mondiale, le disuguaglianze produrranno malessere. Come se potessimo essere uguali noi europei, agli americani e agli africani.
    La globalizzazione è confusione ed azzardo libero. La globalizzazione tende a far perdere le tracce di tutto ciò che si crea, di buono o di cattivo che sia. La globalizzazione crea maggiormente le disuguaglianze economiche e di sfruttamento della mano d’opera. La globalizzazione è voluta dalle mafie internazionali per mercanteggiare ogni cosa. La politica sociale della globalizzazione appartiene alle mafie. Renzi agisce a beneficio dei mafiosi. Renzi è un mafioso!
    Renzi è mafioso nella stessa misura dell’Obama razzista. Credete veramente che Obama abbia voluto i confini aperti per far mischiare i bianchi con i neri? Nooooooo! Obama tende a far primeggiare i neri sui bianchi. Obama ha decisamente abbassato i livelli di uguaglianza in America. Sua moglie è la parte vistosa della indecenza nera. Basta saper “ammirare” con quanta superficialità e poca eleganza mostra il suo “fantastico” deretano, per intuire che lei NON è una dignitosa First Lady, così come sua marito NON è un Mister President!
    Mi raccomando… Votate “SI” alla sua Riforma Costituzionale; permettete ad una “ragazzetta” trentaduenne di prendersi cura della nostra Struttura Democratica… Lasciate che questo Parlamento di inetti e di oltraggiati si prenda gioco di noi tutti.
    Maledetti italiani… Quanto vi detesto!

    0



  • Giovanni   Giovanni
       Valori: 100 ....... Rango: Esordiente

    Ciao a tutti.

    E sì signora Giulia, lei ha proprio ragione a detestare quest’ammasso inconsistente di servette, che molti si ostinano a definire italiani.

    Sembra che in molti abbiano perso la memoria e ciò che l’Italia era, già in tempi molto antecedenti l’inizio della stramaledetta fase della “Globalizzazione”. Prima di metterla in atto c’era da porsi le semplici domande “A chi gioverà tutto questo? – Quanto benessere apporterà alla nostra economia?”. Io credo che già allora, chi avesse avuto coscienza, non poteva non ravvisare che tutto portava a due semplici conclusioni: “A nessuno – Nulla”.

    I prodotti italiani, che erano fiori all’occhiello per chiunque di noi andasse all’estero, ci inorgoglivano e ci facevano apprezzare, ancor prima che aprissimo bocca. Dettavamo i prezzi quasi per tutto e tenevamo acché la tecnologia rimanesse appannaggio delle nostre industrie. Ma poi l’andamento ha preso tutta un’altra svolta; Le industrie dislocavano per abbattere costi fantasmi, che erano già insignificanti. La mano d’opera veniva offerta da Paesi dell’Est, che soffrivano perennemente il freddo e la fame.

    La Cina dormiente e calma si è risvegliata impetuosa, come se fosse stata un grande fiume che raccoglieva tutte le acque dei nevai in disgelo. La sua economia cominciava ad essere ovunque con le loro “copie imperfette”. Copiavano anche i sapori, accidenti a loro!

    E non solo la Cina. Molte delle industrie italiane hanno cominciato ad esportare le nostre tecnologie e quindi, immancabilmente, nuove fabbriche spuntavano sui 360 gradi dell’orizzonte, lasciando senza clienti molte delle nostre fabbriche esportatrici. L’imprenditore italiano è fatto così; promette grossi guadagni, ma intanto lui mangia fino a spolpare il cliente in casa. Poi vuole mangiare ancora di più ed allora abbandona l’industriale già spolpato e promette grandi affari al cliente dell’industriale italiano spolpato, tanto che a quest’ultimo è toccata l’inesorabile chiusura.

    Globalizzazione. Una gran brutta parola e Renzi l’ha costantemente sulla bocca!

    0



  • Alfonso   Alfonso
       Valori: 105 ....... Rango: Esordiente

    Buona sera a tutti.

    Sono un convinto sostenitore del M5S e qui a Roma stiamo cercando di capire il perché esistano così tanti problemi e come risolverli, senza fare la solita vecchia politica del rimbalzo. Sono trascorsi appena quattro mesi da quando la signora Raggi è divenuta sindaco e ciò nonostante tutta la Giunta è attaccata dai media a dalla classe becera comandata di Renzi, come se loro fossero lì da sempre, come se i grossi problemi di Roma fossero stati creati da precedenti amministrazioni del M5S.

    Il PD di Renzi non è quello che ha vinto le elezioni e perciò motivato ed autorizzato, ciò nonostante è il partito capace di fare alleanze pazzesche pur di mantenere quella maggioranza imposta dal vecchio napoletano; con lui al Quirinale, infatti, si son trovati accordi impensabili tra due o tre contendenti che, a rigor di logica, avrebbero dovuto provare ognuno repulsione per l’altro. Renzi è stato l’unico sindaco italiano di sinistra che con grande faccia tosta, specialmente dopo che il nano lo aveva ormai divulgato, ha ammesso di essere andato ad Arcore poiché là era la residenza del Presidente del Consiglio e lui, da sindaco, aveva da discutere col SUO Presidente del Consiglio una questione della sua Firenze (se ricordo bene l’urgenza era la SPAZZATURA).

    Per uno così, vi pare illogico che vada a chiedere sostegno e buona pubblicità a persone del calibro di Barack Obama?

    Piuttosto le domande da porsi, le cui risposte molti vorrebbero conoscere, sono:
    – Come mai Renzi sapeva di poter contare su Barack Obama?
    – Perché Barack Obama farà un altro viaggio in Europa (Italia per ultima?) proprio a metà Novembre, cioè una settimana dopo che l’America avrà già eletto il nuovo Presidente e due settimane prima del Referendum Costituzionale?

    0



Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.