- In questo periodo la moderazione è affidata a: Gaetano, da Zelo Buon Persico (LO)

Sono le ore 03:57:13 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

FUORI I GAY DAL PARLAMENTO ITALIANO

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 3 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...

FUORI I GAY DAL PARLAMENTO ITALIANO:
ha ricevuto 11 commenti. La partecipazione di 9 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Domenico   Domenico
       Valori: 375 ....... Rango: Esordiente

    Un caro saluto a Daniela e Lucia.

    Mi sento inorridire al solo pensiero di quel bambino affidato a due ignobili.
    Non si possono ottenere delle cose, in questo caso un matrimonio balordo ed addirittura un figlio solo da parte di un padre (che in realtà vuole fargli da madre, poiché, non dimentichiamolo, che fra i due in foto, la femminiella è proprio il senatore), ricorrendo ad azioni considerate fuori legge dal proprio Stato, mentre si è all’estero e, paradossalmente, un senatore dello Stato.

    E’ assurdo, è inconsueto, è fuori qualsiasi norma civile. E’ allucinante!

    In questo caso sarebbe davvero opportuno che i legislatori, quei pochi rimasti seri e competenti, facessero del loro meglio per mettere sotto accusa quei loro temibili colleghi. Sono degli emeriti delinquenti a piede libero, capaci di oltraggiare ciò che rappresentano, col solo intento di ottenere ciò che desiderano, e poi, tornare qui in Italia e far valere ciò che loro considerano ormai un diritto. Sono matti, sono dei mostri e meriterebbero, appunto, di essere perseguibili ed indagati.

    E’ come sapere che uno di loro è andato a molestare dei ragazzini in Thailandia, semplicemente perchè lì possono farlo un pò più liberamente, e poi tornare in Italia e decidere su leggi e norme che dovranno regolamentare e combattere il fenomeno della pedofilia.

    Io sono d’accordo che il cittadino italiano sia tenuto a rispettare le leggi italiane, ovunque egli si trovi nel mondo, ed in più debba osservare quelle del Paese che lo ospita. Se, pur trovandosi all’estero, egli compie un’azione ritenuta illegale dal nostro regolamento e di quella ne venisse a conoscenza la ostra autorità giudiziaria, al rientro dovrà renderne conto.

    E’ una vergogna per come gay, lesbiche ed altre siffatte ‘specie’ stiano grattando il terreno da sotto i nostri piedi, per appropriarsene e renderci instabili; un comportamento così irresponsabile è sinonimo solo di mancanza si serietà, mancanza di onestà e mancanza di dignità.

    0



  • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Carissime Daniela e Lucia, mi onoro darvi il mio caloroso saluto. Sono strafelice di avervi qui con noi. Benvenute!

    Buona notte a tutti.
    Pochi minuti fa leggevo le notizie dell’Ansa e mi sono imbattuto in quella che riportava il ferimento grave di una ragazza per mano del suo ex, che fa la guardia giurata.
    C’era un solo commento e l’ho letto. Non era pertinente del tutto, ma poco importa.
    Ha importanza che il signor Roberto Bardoneschi abbia scritto:

    Roberto Bardoneschi · Universitas Mercatorum
    Invece di voler definire cosa è o non è una famiglia e chi può avere il diritto a formarla oppure no, forse sarebbe meglio tentare di insegnare cos’è l’amore e cosa vuole dire amarsi e di conseguenza cosa vuole dire accettare che l’amore può finire. Forse questi splendidi esempi di uomini eterosessuali (che tanto rendono fieri Giovanardi & company) la smetterebbero di ammazzare le loro ex compagne.

    Ho sentito l’istinto di rispondere; avrei voluto farlo in modo diretto, ma non è possibile, così ho risposto a nome del nostro Blog.
    Quella che segue è la mia risposta.

    IoNonMollo
    Ma perchè, ai gay viene insegnato ad amare?
    Lasci perdere le notizie delle unioni tra gay d’alto bordo, quelli per intenderci che sono su TV e giornali, come il senatore-traditore-delinquente Lo Giudice, quelli non fanno testo.
    Io discuto della maggioranza di loro, di quelli cioè che hanno una vita che definire balorda è far loro un complimento. Quelli cioè che neppure hanno un briciolo di aspirazione se non quella di prenderla … Lasciamo perdere!
    E quelli sì che sono tantissimi; quelli però, se ne sbattono di matrimoni tra gay e di bambini.
    Non ci pensano. E fanno bene, fortunatamente!
    Pensi a quelli dunque, ed ai tantissimi casi di cronaca nera in cui loro sono coinvolti.
    E lasci perdere gli etero… Noi siamo i normali, non lo dimentichi!

    Non voglio aggiungere altro; lascio l’intervento così come l’ho lasciato sul sito Ansa:

    http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2014/09/17/spara-ad-ex-in-testagrave-27enne-a-roma_1398a412-7e87-4199-b8b3-a544a155796c.html

    0



  • Barbara   Barbara
       Valori: 375 ....... Rango: Esordiente

    Uhhhhhhh, che giornata!

    Sono a pezzi, però come si suol dire, stanca ma felice, soddisfatta. Roma è grande!

    Ciao Daniela, ciao Lucia. Anche da parte mia un buon augurio di trovarvi bene qui con noi.

    Forse a tutti sembrerà strano, ma le persone che sono più indicate a discutere di sesso e delle loro mille sfaccettature, sono le donne. Perchè le donne sanno cosa vuol dire Amore e che per Amore si è felici davvero quando si riesce a dare, anzi, più riusciamo a dare e più siamo felici.

    Ma l’uomo è la nostra “bestia preferita”, perchè se noi diamo, esse, le nostre adorabili bestioline ci fanno sentire davvero regine. E siamo pronte a tutto, finanche a soffrire, specialmente quando nascono i nostri figli; altre tenere bestioline che adoreremo ed ameremo per tutta la vita, con tutta l’anima!

    Sarà lo scambio di Amore vero, effetto della simbiosi per la comune procreazione che renderà solida la famiglia. I figli sentono che sono realmente di entrambi, che possono contare su di noi perchè davvero saremo in due a saper dare la vita per loro. Sto scrivendo di limpida sicurezza che loro avranno alla base del loro apprendimento, sto scrivendo di divinità della coppia che diventa forza congiunta.

    Con tutto l’Amore che si può provare e sentire per un altro essere umano, devo purtroppo ammettere che mai nessun altro potrà eguagliare quello che è già nato d’istinto, ancor prima di vedere il bambino nato, prima ancora di averlo in braccio, attaccato al proprio petto, cresciuto col seme del padre e germogliato nel grembo materno.

    Con la coppia omosex uno dei due mancherà, purtroppo, al compito che ho appena descritto. Sarà una forma di “menomazione” che nuocerà al bambino e non ci vuole la scienza per dimostrare questa certezza. Il padre o la madre gay amerà con tutto il cuore quel bambino, non lo metto in dubbio, ma quell’amore potrebbe finire quando finirà quello per il o la compagna. Questa incertezza è come una vibrazione che arriva dritta dritta al cuore dei figli.

    Oh, sì certo, loro non capiranno subito. Ma sarà proprio questo non capire che li renderà non completi.

    Coppie gay, andate pure a vivere insieme, datevi amore senza dare scandalo, ma lasciate da parte i bambini, loro non appartengono al vostro mondo, non costringeteli ad entrare nel vostro mondo. Fatelo per Amore, se vi riesce!

    0



  • Avatar   Roberto Bardoneschi
       Rango: Ospite

    A me interessa far notare che stiamo perdendo i valori dell’amore per tutelare una bellissima parola che appare sempre più vuota.Insegnamo (o inculchiamo) ai nostri figli il desiderio di formare una famiglia, non gli insegnamo il valore della vita umana,il rispetto degli altri e soprattutto non gli insegnamo cos’è l’amore e cosa sono le relazioni.Il riferimento a Giovanardi & company era solo in questo senso.Più che gay o eterosessuali dovremmo far capire alle nuove generazioni che stare insieme non significa mettere un lucchetto sul lampione di un ponte,ma stare vicini soffrire e percorrere un pezzo di strada insieme che può durare una vita o un giorno.Quando un amore finisce bisogna saper chiudere le cose brutte in un sacco della spazzatura e conservare tra i ricordi e le emozioni più care ciò che di bello c’è stato,tirare un profondo respiro e andare avanti per la nostra strada.Chi ha avuto molti compagni nella vita non è peggiore di chi ne ha avuto uno solo,spesso accade l’inverso.
    0



  • Avatar   Roberto Bardoneschi
       Rango: Ospite

    Quanto al resto, Leonardo da vinci o Michelangelo Buonarroti avrebbero da ridire su certi termini che avete affibbiato anche a loro.
    Chissà quante scoperte ci saremmo negati come umanità se avessimo permesso all’ignoranza di prevalere su menti eccelse come le loro.
    Odio la parola omofobia. La fobia è la paura di qualchecosa.
    Chi insulta gratuitamente non ha paura,
    è solo stronzo.
    0



    • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
        

         In risposta a: Roberto Bardoneschi

      Egregio signor Bardoneschi,
      La ringrazio per aver gradito partecipare anche su questo Blog ed ancora Le chiedo scusa per averLa “trasportata”, Suo malgrado, in altro sito.
      La Sua conclusione era chiara già dalla pagina dell’Ansa, ma a volte ciò che colpisce è più una parola, una frase, che non l’intero discorso. Così, quando ha accennato al diverso, ho sentito di doverLe rispondere.
      Il mio turbamento non nasce dalla consapevolezza che esistono mostri capaci di amare, ma dall’esistenza di amanti capaci di uccidere. Mi preoccupa l’effetto deleterio che ogni azione resa pubblica arreca al pubblico, ivi compreso, dunque, gli efferati omicidi di uomini senza onore, i quali risolvono la loro sconfitta psicologica eliminado chi l’ha prodotta.
      E già, perchè per loro è solo questione di bassa rivalsa o di sgradevole sensazione di vuoto.
      Come si fa ad insegnare la sensazione di vuoto che lascia un abbandono, se addirittura pensi di amare ancora chi ti ha lasciato? Come si fa ad insegnare l’astratto, se sappiamo tutti che si impara realmente quando l’argomento può essere studiato ed approfondito, rivisto e corretto? Come farebbe Lei, signor Bardoneschi, ad insegnare di far tacere l’urlo quando è l’unico rumore che ti farebbe compagnia?
      Convengo invece con quanto lei stesso ha asserito e la nostra cara Daniela ribadito: Bisogna insegnare di più e costantemente l’importanza del rispetto.
      Mi creda però, l’omosessualità ed i suoi lascivi contorni (gay pride – locali gay – gay che si vendono per strada – gay che uccidono), sono forme di una società resa sempre più malsana ed innaturale, che annullano il rispetto, facendo posto alle egoistiche manifestazioni di rivalsa.
      Proprio come l’amante assassino!
      Buona giornata.

      0



    • 10°
      Luigi   Luigi
         Valori: 390 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Roberto Bardoneschi

      Buon giorno egregio signor Bardoneschi, lei è gay?
      Glielo chiedo, poiché sembra che lei voglia mettere sotto accusa gli eterosessuali, discutendo di gay.
      Mi dica, chi le ha fatto intuire l’errata convinzione che insultare sia una dimostrazione di gratuità o di non paura? Il suo convincimento è del tutto infondato, sia per la pretestuosità di poter poi scrivere “stronzo”, sia per la vigliaccheria di non saper affrontare diversamente e con più verve la questione.
      E mi spiego.
      Io, per esempio, sono uno che ha paura. Ho tanta paura per “il domani” dei miei figli. Io ho paura che tutto questo “lascia perdere” che si nota per strada (e specialmente nelle grandi città) alla fine porti inesorabilmente al degrado diffuso. A me l’omosessualità fa schifo! Ma questo non è un insulto e questo non vuol essere un insulto. E non insulto neppure se dichiaro che, lasciando procedere così le cose, saranno i bulli e le sgualdrine ad impossessarsi dei nostri spazi e vivere la città non sarà più una condizione civile. Il passo successivo che ci possiamo aspettare, visto che ormai alle battone ed ai gay è permesso fare ciò che vogliono, è quello che conduce l’intero sistema dritto verso il basso più profondo.
      La venditrice di sesso che abitualmente pattuglia il quartiere, forse arriverà ad appartarsi in qualche angolo in penombra per soddisfare i desideri del suo cliente. E le persone che passeranno saranno man mano costrette a far finta di nulla, a tirare avanti, chinando la testa.
      E’ così che succede, mi creda. Si inizia col costringere la comunità all’indifferenza. Sì, proprio indifferenza; indifferenza al problema, indifferenza alla condizione, indifferenza alle persone, indiferenza alla vita.
      Ho paura, ma non insulto; cerco di esprimere il mio concetto, sperando che altri lo condividano, sperando che insieme riusciamo a trovare la forza di opporci.
      Ma forse a lei poco importa, forse lei è uno di quelli che pensa sia giusta la piena e totale libertà, soprattutto dei gay, infischiandosene del sociale.
      Ma le regole, mio caro signor Bardoneschi, sono fatte per le persone buone, che sanno vivere appunto col rispetto al quale lei si appella. E sia Leonardo da Vinci, sia Michelangelo Buonarroti erano persone buone, intelligenti. E s’è visto!
      Per quanto riguarda il clou del suo intervento, inerente la non violenza sulle donne, esecrabile delitto e sempre condannabile, lo chiarisco con una semplice osservazione: Sarebbe opportuno che, invece di insegnare ad Amare per tralasciare i torti subìti, si insegnasse più incisivamente ad Amare per non fare torti.

      0



  • Avatar   Mario
       Rango: Ospite

    Lo Giudice è un criminale. Ed è, oltretutto, un criminale gay!
    Niente di politico e pulito si può accostare alla sua figura. Lui è sporco, è depravato, ha commesso e commette atti impuri, LO PRENDE!
    Io, fossi al posto dei suoi colleghi senatori, lo sbatterei fuori dai banchi; non vorrei neppure che si verificasse la malaugurata ipotesi che le mie chiappe vadano a sedersi dove prima si sono appoggiate le sue.
    Che schifo! Quello che gli omosessuali dicono di provare non è Amore, è solo voluttà, è solo egoismo, è solo desiderio di avercela nel culo! Perdonatemi la volgarità, ma stiamo parlando di un fatto già di per sè volgare. E l’esito finale è proprio quello che vi ho detto.
    Come si può pensare che sia lecito un contronatura? Sarebbe come accettare anche i vari esperimenti dei medici nazisti, che per propri scopi volevano tentare di creare persone con due teste o quattro gambe.
    Ciò che divinamente è stato escluso, deve essere per noi inaccettabile, tenuto lontano, condannato.
    0



  • Daniela   Daniela
       Valori: 75 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno e grazie a tutti per la calorosa accoglienza.

    Vorrei subito complimentarmi con la brava e dolce Barbara per la sua splendida esposizione.

    La questione degli omosex in generale è il tentativo, non riuscito del tutto, di poter affermare la sovranità dell’essere umano in tutte le sue forme. E’ difficile però che la tradizione millenaria del pensiero e dell’immaginazione sappia percorrere velocemente le tappe che ci dividono dalla comprensione assoluta, per cui inviterei tutti ad essere meno accaniti sull’argomento. Ci vuole tempo, pazienza e tanta tanta buona volontà.

    Il signor Bardoneschi, chiamato in discussione dal signor Giuseppe, ha ribadito che il suo intento era ed è quello di insegnare che l’Amore può finire e, di conseguenza, accettare che la persona amata, nella peggiore ipotesi, possa gradire addirittura diventare un’estranea per l’ex partner.

    Caro signor Bardoneschi, io la ringrazio per il suo convincimento e l’ammiro per la sua gradita “caparbietà”; ciò nonostante, sono tenuta a rammentarle che, se i sentimenti potessero essere insegnati del tutto, potremmo ad esempio evitare l’odio, la rivalsa, l’astio che a volte perdura anche fra fratelli.

    Ma l’essere umano, come ha ricordato lei, è grandioso per tutte le capacità, mentre è peccaminoso per tutti i suoi desideri nascosti.

    Gli omosessuali hanno inteso far conoscere il loro più ardente desiderio nascosto; la difficoltà è insita proprio nel loro tipo di desiderio, che non coincide con neppure uno di quelli provati dalla maggioranza cosiddetta normale.

    Certamente molti illustri personaggi sono stati omosessuali, ma sono stati comunque grandi pur se erano costretti a nascondere il loro stato, il loro sentire diverso.

    Concludo scrivendo che tutto si potrebbe risolvere velocemente, se le parti in questione sapessero mostrare di provare rispetto per l’altro, compreso le attitudini. Rispetto è la parola magica che toglie qualsiasi malevolenza, qualsiasi attrito. Basta soltanto che siano coloro che si discostano dall’unione a mostrarlo per primi. Così, incito il partner che lascia a farlo senza inganno precedente, senza menzogne, ma con lealtà fino all’ultimo momento di convivenza. Agli omosessuali vorrei che giungesse la mia preghiera affinché sappiano riconoscere che le loro effusioni possono dare fastidio, quasi ripugnanza, perchè l’uomo si adatta gradatamente alle nuove circostanze.

    Rispetto e pazienza.

    Un abbraccio a tutti

    0



    • Paolo   Paolo
         Valori: 250 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Daniela

      Brava Daniela, sei la benvenuta. Benvenuta anche a te, Lucia!
      Hai scritto bene… Come del resto ha fatto anche l’amico Roberto.
      L’unico insegnamento, che si può attuare in forma completa, è quello del rispetto. Molte coppie vivrebbero meglio, se solo intuissero che la loro relazione è nata solo dopo la piacevolezza dell’incontro, senza costrizione. Perchè dunque arrivare a farsi del male? Per i delusi nasce sempre lo spunto della relazione extra, non accorgendosi quanto male fanno a sè stessi, prima ancora che al partner.
      La questione degli omosessuali ha ben altre motivazioni.
      Se loro avessero e provassero il minimo sentore di cosa voglia dire rispetto, forse capirebbero che sono invece pervasi da una forte dose di egocentrismo. Le cose potrebbero infatti avere tutt’altra piega, ma, come ben sappiamo, mettersi sempre in “bella mostra” è uno dei loro punti negativi.
      Scimmiottare gli atteggiamenti tipici di una femminuccia li rende ridicoli, poco seri, non credibili e supidi. Ma loro sono fatti così.
      Alcuni di loro sono talmente arroganti, che quando iniziano le loro proclamazioni, non si fermano neppure se cascasse il mondo. Sono esseri che hanno abbattuto ogni pudica barriera, pertanto insensibili al cosiddetto pudore.
      Il gay Lo Giudice è davvero la vergogna di questo Parlamento; ha commesso qualcosa che volontariamente lo ha identificato come un qualsiasi delinquentucolo. In più con l’aggravante della intenzionalità! Sposo lì…. Padre (madre) là. E poi, pretende qui, e da senatore è chiamato pure a dire la sua su leggi e leggine che li salvaguardano!
      La stranezza di quest’ultimi periodi è che i gay stanno ottenendo tante facilitazioni, quasi come quelle concesse ai clandestini extracomunitari. Due specie che stanno sottraendo a noi ogni riserva, ogni possibilità di nostra ripresa, se solo questo Stato non fosse lo Stato del PD+FI.
      Un calcio nel sedere, per davvero.

      0



  • 11°
    Avatar   Luigi
       Rango: Ospite

    Una cosa è chiara:
    In America, nella grande e democratica e prosperosa America, una foto come questa dell’articolo avrebbe fatto scalpore, costringendo il politico gay a scappare a gambe levate.
    Una cosa è fare lotta per diritti sociali, un’altra è mettersi così spudoratamente in bella mostra, facendo capire subito che, se fai qualcosa, la fai per il tuo interesse.
    Dove sta l’imparzialità del legislatore, se Lo Giudice deve legiferare per la regolazione civile dei gay?
    Dove stà la controparte, se in effetti tutti gli altri si temono a vicenda, immaginando di ricevere in futuro il voto contrario per ripicca?
    0



Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.