- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 18:41:27 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

INDAGINE ECLATANTE DE LINLIESTA.IT

Un non ben identificato autore di un articolo rilanciato su linkiesta.it, pubblicando in bella vista l'immagine di un ristorante tipico africano, si chiede quale sia la motivazione della non attribuzione di "stelle Michelin" ai ...
...
... Mostra il resto ...

INDAGINE ECLATANTE DI LINKIESTA.IT

ristoranti africani: l'indagine eclatante di linkiesta.it

✩✩✩✩✩

Un non ben identificato autore di un articolo rilanciato su linkiesta.it, pubblicando in bella vista l’immagine di un ristorante tipico africano, si chiede quale sia la motivazione della non attribuzione di “stelle Michelin” ai ristoranti del Continente Nero.
Molto probabilmente il signore di linkiesta.it non è mai andato in Africa (come del resto la Redazione che l’ha autorizzato a pubblicare) e, quindi, mai si è seduto in detti ristoranti. Se ne deduce che il suo stupore è solo di effetto fascinoso ed alquanto ipocrita, non conoscendo una mazza di ciò di cui vorrebbe interessarsi.
Forse linkiesta.it non arriva neppure a sapere che, finanche nei migliori ristoranti africani – quelli cioè che potrebbero concorrere all’assegnazione delle prestigiose stelle – l’onnipresente “scopatore” non disdegna passare tra i tavoli agitando il suo strumento (la scopa), mentre finte nobildonne sono costrette a spostare con indifferenza i loro piedi, ma non i loro occhi, continuando imperterrite a masticare cibi pregni di cento spezie, sempre uguali – per quantità, qualità e sapori – in ogni portata.
E poi … La foto!
Proprio la foto pubblicata dovrebbe indurre quelli de linkiesta.it a demordere dal loro biasimato interesse; come si fa a dare stelle ad un ristorante che non pone neppure la tovaglia sulla tavola?
Ehi, inkiestisti? Li avete gli occhi? Le vostre posate sono ordinate direttamente su un tavolo, ove lavatori e lavatrici comuni, rimuovendo i residui dei precedenti commensali con stracci e spugne mai dismessi, hanno comunque posato le loro mani. La “scientifica” potrebbe rilevare le loro nettissime impronte!
E quelle poltroncine? Cosa rappresenta l’anello sullo schienale? Serve forse a legare il toro sacro, che partecipa sempre e comunque ad ogni funzione sociale africana?
Gusto, signori miei de linkiesta.it … Solo questione di buon gusto e, cercate di farvene una ragione: Le “Stelle Michelin” sono ben gestite!
Per colpa dell’arroganza de linkiesta.it, anche io e la Redazione del Blog siamo stati costretti a perdere tempo e ad occuparci di cose futili ed inutili, ma l’abbiamo fatto per far capire ai lettori ed utenti di quel sito quanto sia scarsa la qualità, per rilevanza ed importanza, di ciò che leggono.
L’inchiesta giornalista è tutta un’altra cosa.
Conclusione: Quel sito si è appropriato di un’identità che non gli appartiene.

0


Questo articolo è Copyright © di IoNonMollo - Riproduzione vietata

Ti saremmo grati se tu decidessi di condividere questo tuo stato d'animo!.
Perchè non dire al mondo come ti senti?.
Condividi su ... o su .

Questa Manifestazione è libera: Tutti i lettori possono inviare la propria sensazione

Ti chiediamo di esprimere il tuo stato d'animo, derivante però non dalla capacità letteraria dell'autore, ma per i fatti o gli argomenti trattati.

In 0 hanno già risposto alla domanda: Come ti senti, dopo aver letto questo articolo?.

Barra colori delle percentuali
  • Arrabbiato
  • Triste
  • Contrariato
  • Preoccupato
  • Indifferente
  • Soddisfatto
  • D'Accordo
  • Divertito
  • Euforico




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che effettuano il Login potranno pubblicare commenti; ecco perchè l'area di testo per te non è visibile.
Registrati ... Potrai subito partecipare!









logo-piccolo

La Direzione e la Redazione di questo Blog hanno deciso di bloccare l’accesso agli spioni americani.
BUUUUUUU... Abbasso Google ... Abbasso Google!  ... Abbasso Facebook. IoNonMollo se ne strafrega delle loro vendute statistiche!
Google e Facebook hanno invaso le pagine web con le loro miliardarie pubblicità, ad assoluto discapito della correttezza dei dati;
chi più pubblica i loro AdWords (annunci), più visibilità acquisisce, dunque non per l'eccellenza dei contenuti espressi.
E sono proprio gli ignari visitatori, TU, con i click effettuati, a determinare l'importanza del sito visitato.
Pensaci bene e sottraiti anche tu dall'essere considerato il 'mezzo' o lo 'strumento' dell'arricchimento di Google e Facebook.
Naviga i siti che non offrono spazi alla pubblicità, promuovi quelli liberi, escludendo invece quelli interessati ai compensi.


Tutti i Diritti Riservati © 2009-2019 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.