- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 21:25:31 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

La coda del drago.

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 2 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...


La coda del drago.:
ha ricevuto 15 commenti. La partecipazione di 14 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Avatar   Romolo
       Rango: Ospite

    Il bastardo sta guadagnando terreno e la colpa è di tutti i deficienti di centro e di sinistra, che invece di mettersi immediatamente d’acordo e cercare di rendergli vano ogni tentativo di avanzamento, si criticano a vicenda, indebolendosi fino a sembrare i veri stupidi, in torto ed inadeguati a caricarsi di responsabilità.
    Basterebbe poco, se solo usassero parole ben precise rivolte a quel fetente che manovra tutto e tutti. Non può essere stato l’imprenditore che lui dice di essere, perché ci vuole davvero molta più intelligenza ed integrità morale per sperare di emergere ai livelli ai quali lui è emerso, seppur stupido ed inadeguato per egocentrismo puerile e sciocco. Lui è uno che ha rubato delittuosamente un ruolo di primo piano, pagando, comprando e rubando. E’ un delinquente a piede libero e merita che chiunque gli urli in faccia quanto è bastardo.
    Non dovrebbero permettergli di presentarsi continuamente davanti a televisioni o radio o giornali e loro rimanere zitti, come se non avessero volontà o argomenti da contrapporre. E’ un bastardo che sarebbe miseramente fallito, se non avesse avuto la sfacciataggine di barricarsi dietro il palazzo del potere politico.
    E muovetevi, cazzo, prima che sia ancora troppo tardi. Tirateli fuori gli attributi ed incazzatevi come iene, contro quella specie di mostro ci vogliono le maniere forti e non i modi gentili delle signorinelle. Lo sapete, no, cosa ci fa quello con quel tipo di donnine?
    Mica sarete tutti come Vendola, che ha solo voglia di prenderlo, politicamente, in quel posto?
    0



  • Salvatore II   Salvatore II
       Valori: 550 ....... Rango: User

    Buon giorno.
    Quando si dice che per tutto ci vuole metodo, inevitabilmente, in questi ultimi giorni, si pensa a Berlusconi.
    Non possiamo non rendergli il merito di essere l’unico capace di propagandare la sua campagna elettorale, perché lo fa con metodi a dir poco scientifici e lui, in questo, è perfetto.
    Con tre processi in corso, con una condanna a 4 anni, dopo aver portato il Paese sul baratro ed aver cominciato a spingere le folle nel vuoto, dopo aver diviso una Nazione tra chi godeva e chi soffriva, dopo aver dilaniato le ricchezze del popolo, dopo aver fatto scempio delle nostre leggi e beffato la Giustizia, con l’intero continente mondiale che spera di non vedere Berlusconi neanche alla guida di un’automobile (figuriamoci di uno Stato), a nessun altro verrebbe permesso di prendere in giro le persone, vendendo delle promesse così palesemente per il gusto di farsi apprezzare, riuscendo persino a profilare la sua vincita elettorale.
    Il forte di Berlusconi è che lui dice le cose con velata sincerità, come se non avessero importanza, anche quando potrebbero ritorcerglisi contro. Nel programma della Annunziata lui ha dichiarato, con assoluta semplicità, che è contro il Festival di Sanremo, non perché è condotto da attori della sinistra (Fazio e Littizzetto), anzi le loro battute non gli fanno paura perché in fondo gli farebbero comodo, ma perché lo share della trasmissione canora (che lui inizialmente chiama la share) toglie la sua immagine dal centro della scena.
    Berlusconi dunque, insegna che il martellamento deve essere continuo e che le parole, per impossessarsi dell’attenzione pubblica, devono rincorrersi. Berlusconi è un venditore di fumo per eccellenza; lui promette quel che sa di non poter mantenere e lo fa con l’intenzione di catturare la nobile anima degli sprovveduti. E’ costretto a vendere fumo ininterrottamente, altrimenti, in momenti di non foschia, le persone noterebbero che sotto il fumo non c’è l’arrosto.
    Per Berlusconi è altissimo il rischio, se il clamore continuo delle sue parole si placasse, di veder calare su di lui il tetro sipario dell’indifferenza ed a Sanremo il sipario è “pesante”. Senza più la visibilità e l’attenzione mediatica, il suo tracollo sarebbe inevitabile.
    Intanto è riuscito a far posticipare a dopo il voto le date dei suoi processi.
    Se venisse rieletto, quanti di voi credono che continuerà a farsi processare?
    Primo consiglio dei ministri. All’OdG:
    – Abolizione dell’IMU
    – Restituzione dell’IMU
    – Incentivi alle imprese per l’assunzione di giovani
    – Dimezzamento dei rimborsi elettorali ai partiti
    – Eliminazione dei finanziamenti pubblici ai partiti
    – Condono edilizio
    – Condono tombale
    – Diminuzione della pressione fiscale
    – Più frequenze alle sue emittenti
    – Più feste e donnine ad Arcore
    – Più nottate a pomiciare e giornate a sonnecchiare
    – Più spazi e tempi pubblicitari alle sue TV
    – Più viaggi all’estero e chi s’è visto s’è visto
    – Più giocate a poker sui suoi casinò online
    – Più finanziamenti all’editoria (ed a Mondadori in particolare)
    – Più milioni al Milan
    – Più occasioni di affari per le sue aziende
    – Più fascisti in Parlamento
    – Più delinquenti in Parlamento
    – Più capelli per tutti (Chiù pilu pi tutti)
    – Più prostitute in politica
    – Più cerone sulla faccia di tutti
    – Più interventi chirurgici
    – Più stranieri in Italia (perché, con queste politiche, gli italiani a fare figli non ci pensano)
    – Più delitti (impuniti, per i tempi troppo brevi imposti alla Giustizia)
    – Più suicidi (pilotati, perché provocati dalle condizioni assurde e difficilissime)
    – Più stupri (per la presenza di molti uomini soli e disperati)
    – Più furti e rapine (l’Italia non offre possibilità di sostentamento col lavoro)
    – Più separazioni (difficoltà economihe e quindi mancanza di quieta convivenza)
    – Più poveri (inevitabilmente, noi!)
    Come al solito non ha nemmeno sfiorato il conflitto d’interesse, la patrimoniale, il dimezzamento dei parlamentari e la riduzione di regioni e province, la riduzione sostanziale degli stipendi agli onorevoli, il costo delle auto blu, il costo delle scorte, il costo degli armamenti, il costo delle missioni militari, il costo delle missioni dei parlamentari, il costo delle tangenti – delle concussioni – delle corruzioni, i tagli delle spese per le alte cariche dello Stato, i costi per la protezione delle sue case sparse su mezza Italia, il costo per la mancata credibilità dell’impresa italiana sino a qualche anno fa trascinatrice dell’economia, il costo italiano per l’avvento del libero mercato non controllato, il costo delle migliaia di delinquenti stranieri mantenute nelle nostre carceri, il costo per il fallimento di tantissime piccole e medie imprese, etc etc.
    Tradotto = Più fame, per tutti NOI miseri!
    Talentuoso attore, il Berlusconi 77.enne, ma anche abile commediante ed indiscusso e magistrale lestofante.
    All’attore Berlusconi, tutti in coro auguriamo: Tanta MERDA.
    Nel suo letto, è tacito. Nel suo bel lettone!

    0



    • Fausto   Fausto
         Valori: 635 ....... Rango: User

         In risposta a: Salvatore II

      Bravo Salvatore. Nonostante la tua “giovane” età, hai una spiccata capacità di elaborare gli eventi.
      Aver prestato attenzione alla sottile differenza che c’è tra il perdere il costante contatto col pubblico e perdere la continuità di visione della sua immagine, fa di te un attento osservatore, una persona a cui prestare ascolto ed un autore degno di essere letto.
      Berlusconi è esattamente la persona che tu illustri, con le sue manie e con i suoi stratagemmi verbali. E’ un uomo capace di abbindolare e far credere l’inverosimile. Per far questo, è inopinabile, ci vuole tanta faccia tosta, che gli permetta di non diventare rosso o di non alzare ciglio, quando sviluppa certe sue teorie di probabilità assoluta.
      Quando lui promette di abolire l’IMU e di restituire le somme già versate, puoi star certo, l’abolirà e le restituirà, perché per lui quello sarebbe un passo importante, che lo aiuterebbe a far valutare benevolmente la sua parola data. Quello che potrà accadere nel futuro prossimo, resterà un’incognita, sulla quale lui brucerebbe ogni promessa fatta tornando ad occuparsi solo di faccende che lo riguardano direttamente. Ormai ciò che doveva servirgli l’ha ottenuto: La rielezione del suo schieramento per altri 5 lunghissimi anni.
      Con l’abolizione dell’IMU metterebbe a tacere gli animi pensierosi e così facendo, avrebbe tutto il restante tempo per distaccare l’interesse pubblico da ciò che lui combinerà.
      Ma, come si dice, il lupo perde il pelo e non il vizio.
      Berlusconi è caratterialmente propenso alla depravazione. Per lui è stimolante commettere “atti impuri” contro le persone e contro le cose. Mi ricorda uno che voleva fare il suo allievo: Fabrizio Corona.
      Tutti sappiamo come è andata a finire. Forse per quel giovane in galera ci sarà l’opportunità che Dio l’assista a fargli cambiare testa. Con Berlusconi lo stesso nostro Dio se ne terrebbe alla larga!
      Più facile credere che Fini diventi comunista, piuttosto che Berlusconi tenda una mano e la ritiri vuota e pulita.

      0



      • Salvatore II   Salvatore II
           Valori: 550 ....... Rango: User

           In risposta a: Fausto

        Buona sera a tutti.
        Grazie signor Fausto, molto gentile. Apprezzo anch’io la sua tesi riguardo la restituzione dell’IMU e capisco i motivi che spingerebbero Berlusconi a tener fede a quelle due uniche promesse.
        Quando un personaggio ha tante sfaccettature come le ha Berlusconi, aiuta chiunque a “dipingere” o a descrivere il suo carattere. Basta saperlo guardare al negativo!
        In Berlusconi non vi è nulla di certo.
        Sono falsi i suoi capelli, è falsa la sua pelle, è finto il suo naso, è falsa la sua fronte così come è falsa la capacità imprenditoriale che lui dice di possedere, è falsoe quindi non irreprensibile l’inizio del suo exploit economico, è dubbia la provenienza dei suoi capitali, è falso il suo sangue rimescolato ed arricchito di non so cosa, sono falsi i suoi attributi genitali (basta osservare la foto dell’articolo, per intuire che sta manovrando qualcosa di meccanico) ed è sleale e falso il suo interesse per le donne, è un illegale puro e perciò anche illiberale. Sono falsi i suoi ideali ed è falso l’ardore e l’impeto che lui finge di possedere per tutto quello che fa.
        Sono vere solo tre caratteristiche: E’ un millantatore – E’ un improbo – E’ un egocentrico.
        Oggi ha già ritirato le dichiarazioni fatte ieri su amnistia, su condono edilizio e su condono tombale. Ha rettificato, dicendo che le tre menzionate linee le attuerebbe solo se il suo PdL fosse il partito assoluto (come a dire che l’attuale alleato – la Lega Nord – non gliele consente). Ancora una volta ha mostrato di essere un pusillanime, che promette senza pensare alle conseguenze e senza avere le caratteristiche di portare avanti offerte serie, concrete. Anche la sola restituzione dell’IMU rappresenterebbe una penale in più per i cittadini, figurarsi il doverla abolire del tutto, come intende fare lui.
        Tutte queste cose dobbiamo scriverle, per far capire anche a chi cerca di seguirlo, che tipo di persona è Berlusconi. Non mi stancherò di ripeterlo: Berlusconi è inaffidabile e traditore.

        0



  • Mariano   Mariano
       Valori: 515 ....... Rango: User

    Buona domenica.
    Così come ai finti angeli, anche agli ipocriti è negata ogni gioia di compiacere il Signore“.
    Berlusconi usa il denaro ottenuto con luride manovre, per apparire ciò che non è: Grande!
    Regala dei soldi ai miseri che gliene fanno richiesta. Offre importanti importi a enti di assistenza. Finanzia la ricerca. Mantiene le olgettine (una ventina) ed offre loro lunga e gratuita ospitalità. Indirizza i suoi amici verso affari facili, non importa quanto siano leciti.
    Peccato però che tutta questa magnanimità provenga da capitali accumulati grazie anche ad evasioni e perciò distolti alle Casse dello Stato.
    Come è stato già ampiamente definito, egli è un bugiardo, ma ad avvalorare questa convinzione concorre la cronaca dell’epoca, quella alla quale si appellano i suoi difensori, quando chiosano farlo apparire “indisturbato e non toccato” da atti giudiziari nei tempi precedenti la sua discesa in campo e, quindi, vilmente sottoposto dai suoi avversari alla gogna mediatica ed all’accanimento giudiziario, solo per fermarne l’ascesa politica.
    Le cronache giudiziarie che riguardano la sua illecita condotta risalgono agli anni ’70 (vedi la storia di Previti) quindi, ben prima della decisione del caimano di inabissarsi nei profondi meandri della politica.
    Basta avere un pò di voglia per la ricerca ed una connessione ad internet; il web offre tutte le informazioni necessarie, comprese le smentite, per documentarsi su ogni avvenimento e su chiunque abbia avuto l’ardire di divenire personaggio pubblico.
    Berlusconi non ha mai trovato avversari degni di questo nome, ma solo mezze calzette, pronte a vendersi in quell’Italia tutta da bere (Milano), che da lì a breve sarebbe divenuta – con Tangentopoli – l’emblema del grave pasticcio nazionale.
    Berlusconi era già noto agli ambienti giudiziari e fiscali e solo la sua entrata in politica favorì la sua intoccabilità ed il non fallimento delle sue aziende.
    L’appoggio dei clan mafiosi è stato senz’altro inevitabile, tant’è che ancora oggi si nota la gran quantità di parlamentari provenienti dal Sud Italia, evento mai verificatosi in precedenza. Se non fossero stati i suoi amici ad imporre certe presenze, non si potrebbe spiegare diversamente perché, in tutti gli anni a seguire, sempre più delinquenti abbiano potuto prendere il posto degli onorevoli.
    Questo è il delittuoso esito che dobbiamo eliminare e, per farlo, abbiamo una opportunità ed un solo metodo: Elezioni e Saper Scegliere!
    FUORI I DELINQUENTI DAL PARLAMENTO!

    0



  • Federico   Federico
       Valori: 520 ....... Rango: User

    Buona sera a tutti.
    Anzitutto voglio complimentarmi con Mariano per aver cambiato il suo Avatar, questo attuale mi sembra più carino ed adeguato. Mi ha anche “stimolato” ad intervenire, trovando qualcosa di attinente con il mio.
    Ed eccomi all’articolo del solito, inconfondibile e bravissimo nostro Vittorio, che saluto cordialmente.
    Il “drago vittoriano” (descritto da Vittorio) è arrivato al capolinea, non ha altro da aggiungere, quelle cose discutibili che ancora gli rimanevano da sparare, le ha sparate. Ha continuato a comportarsi come di solito fa, quando incontra una gentil signora: Il cafone! Continua ad avanzare delle proposte, che prontamente ritira il giorno dopo, e continua, come è suo solito, ad attaccare i Giudici e la sinistra e, diciamola tutta, anche tutti coloro che non condividono le sue teorie. Su quella dello Spread sarà certamente ineguagliabile, ma anche certamente inverosimile che un altro presidente del consiglio dichiari le oscenità berlusconiane.
    Ora è tempo di Festival di Sanremo.
    Berlusconi, dimenticando che il Festival è giunto alla sua 63esima edizione e che si è sempre svolto nel medesimo periodo, ha detto che quest’anno lo fanno in questi giorni, apposta per “oscurare” la sua immagine durante i giorni cruciali della campagna elettorale. E’ un Festival della sinistra, ma che ha tutta l’aria di voler essere una Festa dell’Unità; se diverrà realmente tale, è giusto che la gente (lui le persone le chiama volgarmente “gente”) non paghi più il canone televisivo, dimenticando (e sono due) che la tassa cosidetta “canone” è una tassa governativa per il mero possesso di un apparecchio televisivo. Ma tanto, che lo scrivo a fare? Berlusconi al governo c’è stato, di sicuro, ma per ben altri motivi, lontanissimi dal voler controllare i pagamenti che gravano continuamente sulle spalle dei cittadini.
    Ma vedrete, certamente non finirà così, tranquilli.
    Anche per l’occasione del Festival il vecchio caimano troverà qualche escamotage per intervenire e continuare a farsi notare e, se proprio non tutti i giorni, almeno una volta ogni due.
    Che ci vogliamo fare? Quello è un povero vecchio, che ha bisogno di cure ed è stato il suo medico, che capisce molto bene la sua malattia, a prescrivergli la terapia: due cazzatine al mattino, tre apparizioni giornaliere per farsi benvolere dai suoi discepoli, cinque o sei barzellette sporche, una pompatina all’aggeggio, qualche toccatina e tante tante prese per il c.lo.
    Le terapie son terapie e bisogna seguirle, altrimenti che lo teniamo a fare il medico personale?

    0



  • Rita   Rita
       Valori: 2035 ....... Rango: Veterano

    Buon pomeriggio.
    Tutto ciò che accade giova a dimostrare che il sig. Giannino è dalla parte della ragione.
    D’altronde, sarebbe sufficiente tornare a dare un’occhiata al programma che il PDL ha presentato nel 2008, per capire concretamente che Berlusconi ed il PdL hanno concluso nessuna delle promesse che vi erano contenute. Ma la questione grave è quella che nulla è stato fatto non per mancanza di coperture (come volevano far credere) o perché Fini ha tradito (bisogna anzi riconoscere che Fini s’è ribellato proprio perché chiedeva al cavaliere di attenersi al programma).
    Il battibecco a distanza avvenuto stamane tra Berlusconi e Giannino, ha visto quest’ultimo sentenziare: “Io non mi candido per far perdere nessuno, voglio semplicemente che la vecchia destra e la vecchia sinistra cadano sotto il peso dei loro errori. Penso ci sia un tragitto futuro di interlocuzione con amici leghisti quando avranno capito che Berlusconi è il piombo che li porta a fondo del mare. Ho incoraggiato Maroni a farla finita con Berlusconi, che dal mio punto di vista non ha niente a che vedere con i valori liberali“.
    Il fatto grave è che Berlusconi ed i suoi angioletti, hanno dimostrato per davvero di essere incapaci ed inetti. Come si può avere ancora fiducia in loro?
    Riguardo alle “profezie” di Berlusconi circa l’andamento del Festival di Sanremo, nulla mi toglie dalla testa, che le due o tre persone, che ieri sera hanno guastato l’atmosfera del Teatro Ariston, siano state assoldate e mandate lì da qualcuno vicino al caimano, proprio per rovinare il momento di Crozza che, a dire il vero, ha messo in crisi più il segretario Bersani che Berlusconi.
    Spero però che il Festival di Sanremo faccia a noi la “grazia” tanto temuta dalla destra. Liberaci, o Sanremo, dalla presenza ossessionante dello gnomo malefico!

    0



  • Andrea   Andrea
       Valori: 500 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Tra condanne a destra ed arresti a manca, sempre il più mascalzone si salva.
    Angelo Rizzoli è stato arrestato. L’ex capo della finanza del MPS, Gianluca Baldassarri, è stato arrestato. Per Minzolini il PM ha chiesto 2 anni.
    Per Berlusconi niente, neanche quando incita alla corruzione dichiarando “Le tangenti non sono reato, basta moralismi“.
    Come si fa a sopportare tutto quello che vomita questo delinquente, e vederlo anche gironzolare liberamente per tutti i palazzi del potere?
    Se anche stavolta ce la farà, giuro che me ne andrò lontano dall’Italia e lo lascerò “godere” totalmente a chi se l’è meritato.

    0



  • Clelia   Clelia
       Valori: 285 ....... Rango: Esordiente

    Buona notte.
    I ricordi a volte fanno male, specialmente se riportano all'infanzia ed a come i genitori tenevano a voler far vivere bene i loro figli.
    L'epoca dei miei ricordi risale a quella in cui la DC ancora imperava, ma già si era acceso il focolaio del PSI. Le ragazze, quelle più grandicelle vestivano in modo stravagante, a volte eccentrico, ma mai spudorato, mai facendo violenza a sè stesse. E, col tempo di Craxi, venne il mito "Berlusconi".
    Giravano tantissimi soldi e tutti compravano; me lo ricordo bene, perchè quando compii i miei 18 anni, tutti coloro che mi presentarono i regali furono molto generosi. Le cose andavano per il verso giusto, finchè un giorno, sentimmo parlare di un caso eclatante: Tangentopoli. E venne la fine della DC e del PSI.
    Nel frattempo, tutte le televisioni nazionali e regionali avevano presentato dei nuovi stili, dei nuovi "clichè" per la società civile, frenati soltanto dalla paura della troppa appariscenza, che, se resa eccessiva, induceva le persone a colpevolizzare ed a biasimare. Ma le regole, lo sappiamo, sono fatte per essere infrante. La "grande colpevole" è stata la televisione, è innegabile e tutti dovremmo convincercene. Eravamo non pronti ed anche impreparati e forse proprio per questo siamo stati scelti come facili prede. Abbiamo subìto l'attacco mediatico da parte di un sistema cerebrale che non era il nostro. Quel continuo tambureggiare frasi oscene e la continua visione di corpi femminili nudi, ha declassato il nostro civile comportamento. A Berlusconi poco importava, per lui era solo un'ottima fonte di guadagno. Lui intanto dichiarava il forte controllo applicato ai suoi figli, acchè fossero ben lontani dall'osservare i programmi che le sue televisioni producevano.
    E' stato un venditore di fumo da subito, vuoi con le case che sembravano il sogno, poichè costruite dove le città non c'erano, senza che i milanesi capissero che altro verde veniva ceduto alle nuove città che sorgevano grazie alle berlusconiane cementificazioni, vuoi per l'illusione offerta dagli spettacoli di bassa moralità, proiettati dalle sue televisioni, in cui lavoravano con impegno persone adulte e giovani moralmente valide.
    Berlusconi ha sempre rappresentato la promessa che diviene inconsistenza, l'acqua calda che impropriamente diventa ghiaccio, la vampata di calore che prende il posto della sospirata frescura estiva. Cambiare è il suo motto. Cambiare di nuovo è il suo input. Girare e rigirare sono i metodi che lui adotta, fino a far perdere la voglia di seguire le sue mosse. E' così che ha fatto fortuna, è così che ha ingannato gli italiani e la Giustizia italiana.

    Adesso mi dovete perdonare, ma vorrei scrivere qualcosa a proposito di cosa le donne dicono delle donne. Si sono sentiti molti slogan e molti insulti.
    "Vogliamo vestirci come ci pare, truccarci senza pensare". "Vogliamo metterci le gonne che desideriamo: Corte, lunghe, mini". "Vogliamo tornare a casa tardi la notte, senza aver paura di percorrere qualche stradina buia". "Vogliamo gridare a tutti i maschi malintenzionati:This is a dress not a yes". Questo è un vestito, non un Si.
    Care mie donne, io non sono d'accordo con voi, specialmente se quegli slogan sono gridati da ragazze che hanno dimenticato quanto sia bello e delicato il pudore. La femminilità aiuta ad essere belle, a tenerci lontane dalle stradine buie, a non girovagare come delle sbandate, a vestire con grazia ed a dire si ai sorrisi compiaciuti e gentili. A divenire magnificamente Donne!
    Quelle che vogliono essere soltanto libere di fare, sono le femmine insodisfatte o le donne distrutte.
    Nelle loro forme racchiudono le loro culture, dimenticando che è sostanziale la differenza tra l'essere solo femmina e l'essere femminilmente Donna.
    Ricordatelo: Donna è bello!

    0



  • 10°
    Selvaggia   Selvaggia
       Valori: 585 ....... Rango: User

    Buona sera a tutti.
    La conquista del consenso della sua terra lo ha impegnato in promesse ancora più folli.

    Il ponte di Berlusconi

    Ovviamente sto riferendomi a Berlusconi e la terra è la Sicilia.
    Fra pochi giorni potremo capire a che livelli è cresciuto o a che livelli s'è abbassato il quoziente intellettivo italiano. Dipenderà da quanto sono allocchi gli uomini e le donne, giovani e vecchi, cioè tutti quelli che hanno l'età per votare.
    Tempo ulteriore di crisi, ma Berlusconi sembra non accorgersene e rilancia le assurdità che dovrebbero farlo sprofondare per la vergogna. Basterebbe solo essere un tantino serio per accorgersi del grave errore di valutazione e di come si cada nel ridicolo ed insensato protagonismo; ma Berlusconi non è persona seria.
    Lui si permette di scherzare con certe importanti cifre, facendo anche ironia sulla sua ex moglie, senza mai intuire lo scandalo che creano le sue parole per le tantissime famiglie che sfiorano la condizione di povertà; dovrebbero lanciargli addoso delle uova marce, chissà se riuscirebbe a capire che farebbe bene a scomparire, perchè i cittadini non sopportano le sue battute "Io mi sveglio al mattino e verso mezzogiorno penso a Veronica e mi chiedo: Si sarà già svegliata o avrà solo il pomeriggio per spendere 100.000 euro?".
    Impossibili momenti per ridere, impossibili i protagonisti che li propongono.
    "Cari siciliani, datemi il voto ed io vi prometto che la costruzione del Ponte sullo Stretto sarà messo subito sul piatto dei progetti immediati".
    Ecco, Berlusconi parla di lavori da centinaia di miliardi di euro, con la disinvoltura di quando fa battute sulle cifre che la separazione dalla moglie ha messo a disposizione di quest'ultima. E' un vecchio scriteriato, lontanissimo dalla realtà che attanaglia i popolo e perciò non qualificato ad amministrarlo.
    Facciamolo scendere dove lui merita di scendere. Certamente non in politica.

    0



  • 11°
    Sergio   Sergio
       Radiato dal Blog

    Buon giorno a tutti

    Bravissima Clelia, quella tua ultima frase mi commuove tutte le volte che la leggo… Tutte possono essere donne, poche riescono ad essere femmine. La diversità col maschile è talmente enorme  ed estrema che mi impedisce di parlarne…..è necessario " S E N T I R L A  "  dentro per poterla apprezzare e valutare; ciò che tu dici in quell'ultima frase io lo sento e lo condivido da sempre ed ero afflitto dal fatto che nessuno lo avesse esplicitato… Un vivissimo ringraziamento.

    Sergio

    0



  • 12°
    MaurizioMic   MaurizioMic
       Valori: 475 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Per come si stanno prospettando gli eventi, direi che l'ipotesi del crollo del drago sia da rivedere integralmente.
    Certamente è colpa d questa sinistra inetta e di tutti gli altri secondi attori,  se il caimano è sopravvissuto al crollo già verificatori 14 mesi fa; ora invece il drago si è rialzato ed ha acquistato di nuovo forza e vigore, o in possesso di tali caratteristiche lui si fa riprendere. Le telecamere lo riprendono sempre sorridente e sicuro di sè, anche quando attorno c'è gente che gli fischia addosso. La prontezza al diniego della realtà e la sfrontatezza caratteriale fanno di quell'uomo un essere davvero mostruoso, incapace di comportarsi con correttezza e pronto solo a fare il calcolo delle opportunità.
    I soldi non gli mancano, la bramosia del potere neppure. I suoi calcoli seguono esasperatamente la via del guadagno. Per uno come lui, che versa alla moglie un assegno mensile di ben tre milioni di euro (36 milioni di euro all'anno –  70 miliardi di lire all'anno), la necessità di avere continuamente a disposizione un pozzo di soldi diviene fattore impellente. E per fare soldi, perchè è esattamente questo l'unico interesse di Berlusconi, ha bisogno di gestire il potere pubblico, ovunque ed a qualsiasi costo.
    E' fatto di ieri la decisione di Telecom, che sembra abbia deciso di tenere rapporti di vendita di Italia Media solo con il signor Urbano Cairo, da sempre uomo vicinissimo al cavaliere (assistente di Silvio Berlusconi, nonchè direttore commerciale di Publitalia 80 e A.D. della pubblicità alla Mondadori).
    Il terzo incomodo, della Valle, è stato così automaticamente escluso dalla competizione per l'acquisto di La7, facente capo alla citata Italia Media.
    Per dovere di completezza, devo riferire che il secondo interessato all'acquisto è il signor Claudio Sposito, attuale amministratore del Fondo d'Investimento Clessidra, ma ex A.D. di Fininvest, quindi un altro vicinissimo a Berlusconi.
    Il primo ed il secondo “incomodo”, provenienti dall'entourage stretto del biscione, non fanno altro che confermare il progetto di monopolizzare il mercato dell'informazione e concentrarlo sotto l'egida del drago risorto.
    Anche la RAI è oggetto del contendere, ovviamente non con vendite o acquisti materiali, lì il cavaliere trova ampia scelta d'acquisto, dovuta all’ampia offerta di uomini in vendita.
    Dategli altri 5 anni di dominio e quello vi spolpa anche il cervello, se nel frattempo non vi è scoppiato.
    Come fanno i suoi sostenitori a non capire che proprio Berlusconi rappresenta il male peggiore per l'Italia?

    0



    • 13°
      Massimo   Massimo
         Valori: 500 ....... Rango: User

         In risposta a: MaurizioMic

      Buona sera.
      Caro Maurizio, non sono pienamente d'accordo con la tua teoria accusatoria, nei confronti della sinistra italiana, semplcemente perchè non ha contemplato la volontà e l'intelligenza del popolo di sinistra.
      Se la dirigenza PD commette qualche errore di valutazione, non è detto che il cittadino che vota ne segua ciecamente le orme, senza imporre il proprio contributo di verità e di coerenza. Capiterà anche che, qualcuno che si augurava la riscossa del cavaliere, dopo questo suo fasullo trionfo, fatto di promesse che non verranno mantenute, si sia stancato e cominci a pensare che Berlusconi non esista più e che il suo declino sia ormai evidente.
      Io comincio a supporre che una buona quantità di votanti di destra, finirà col far confluire la propria scelta verso altri partiti e che il caimano si ritroverà con un pugno di mosche.
      Sono tutte ipotesi, certo, e mi rendo conto del perchè tutti gli altri amici del blog restino in silenzio, senza voler contribuire a creare maggiore confusione. Ciò che è lampante è l'evidenza dei fatti di questo nostro tempo. Quando tutto sarà finito ci chiederemo perchè sono accadute delle cose mostruose, che mai avremmo pensato di rendere possibili. Sarà un insegnamento che ci forgerà molto più sicuri nel pretendere, perchè siamo stanchi di soccombere agli sbagli di coloro che vogliono trarre benefici personali dalla professione che dovrebbe, invece, obbligare le coscienze ad operare per il bene comune.

      0



  • 14°
    Manuela   Manuela
       Valori: 1775 ....... Rango: Frequent User

    Buona domenica.
    Il maltempo non s'è fatto aspettare e, come previsto, s'è impossessato delle nostre terre del Nord.
    Anche il nefasto e disgraziato "maltempo" Berlusconi s'è mosso ieri, in pieno periodo di silenzio elettorale. Ma quell'animale lì, lo abbiamo imparato, alle regole non ci sa stare, così, parlando con dei giornalisti greci intervenuti per lo sport a Milanello, si son sentiti offrire le chicche che contraddistinguono il linguaggio ed il carattere tormentato dello psico nano.
    "Da noi la magistratura è una mafia più pericolosa della mafia siciliana, e lo dico sapendo di dire una cosa grossa". Hai capito il caimano? E' consapevole quindi di parlare per farsi sentire e colpire. In periodo di silenzio elettorale, appunto!
    Questa è un'offesa che andrebbe lavata col sangue, avrebbe detto qualcuno vissuto nell'ottocento o qualcuno che alla mafia siciliana ci appartiene davvero. Se, dunque, la magistratura italiana fosse, come lui stesso asserisce, peggio della mafia siciliana, a questo punto dovrebbe volere il sangue di colui che la affronta. Staremo a vedere.

    Altri fatti sconcertanti ed incresciosi sono le sue stesse parole, sempre profferite a sua discolpa e per gettare discredito su altri: "E' un attacco con il bunga bunga, che è un'operazione di mistificazione e di diffamazione che non si regge su nulla: nelle 150mila intercettazioni telefoniche infatti non è uscito nulla".
    Avete letto come lui si esprime? Bene, anche un alunno delle elementari saprebbe ed ha già imparato che due negazioni affermano. "Non si regge su nulla" equivale a dire che si regge su qualcosa; "non è uscito nulla" equivale a dire che è uscito qualcosa. E poi dice che non viene capito e che le sue parole sono state mal interpretate!

    E' un porco in libera circolazione. Ovunque lui si muova, sparge letame ed offese, specialmente sulle donne. Nessuno vuol più avvicinarlo. Solo i suoi servi, ovviamente, riescono a digerirlo, ma perchè generati da lui, quindi, della stessa specie. E questo essere disumano dovrebbe restare a rappresentarci nel Parlamento Italiano?
    Mille volte no. E mille volte maledizione a tutti coloro che lo votano.

    0



    • 15°
      BenAng   BenAng
         Valori: 1965 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Manuela

      Buon giorno a tutti, siete andati a votare? Chi non l'ha ancora fatto, è pregato di recarsi immediatamente alle urne, senza ulteriore indugio. E se ancora sei incerto su chi votare, non ha importanza, ti verrà in mente; l'importante è: non votare Berlusconi e la sua cricca.
      Ho letto qualche pagina di notizie online. E' sbalorditivo dove arriva l'arroganza e la mistificazione de ilGiornale.
      il-giornale-accusa-il-padroneSull'articolo pubblicato stamane al seguente link e del quale qui a lato riporto uno stralcio in formato immagine con alcune mie considerazioni, la stessa redazione di quell'odioso direttore Sallusti, fa un autogoal al cavaliere dei miei stivali. In effetti lo accusa di sfruttare una occasione calcistica, per far propaganda elettorale. Senza alcun ritegno scrive la frase, evidenziata, "E, ovviamente, non solo".
      Avete capito? La redazione di ilGiornale è convinta che
      il caimano possa ovviare al silenzio elettorale, se parla in qualità di presidente del Milan calcio. Ecco un'altra occasione per ribadire il perdurare dell'esistenza del conflitto d'interesse.
      Lo stesso caimano, in evidente panico, oltre a non sapere più cosa promettere, non sa più nemmeno cosa dire. Nel commento precedente, Manuela (ciao Manuela, brava, sei sempre molto attenta alle sfumature importanti) riporta alcuni passaggi che sono espliciti sulle reali capacità del drago Berlusconi. In altri tempi e momenti, mai avrebbe commesso errori grammaticali così puerili, perchè comunque tutti noi siamo convinti che lui intendesse invece dire, mentendo, è ovvio, che le accuse a lui rivolte si reggono sul nulla e che nulla è venuto a galla dalle migliaia di intercettazioni telefoniche.
      Gravi errori dunque, che stanno però a rafforzare l'ipotesi che Berlusconi, credendo che Monti, Casini e Fini non otterranno il 10%, si sia già ubriacato.
      Che ci vogliamo fare? Lui, come ben sappiamo, le promesse fatte, le mantiene.
      Peccato che siano
      solo quelle che fa a sè stesso!

      0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.