- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 03:34:09 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

La porca ipocrisia del PdL!

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo < 1 minuto del tuo tempo ... Potrebbe valerne la pena!


Mostra il resto ...


La porca ipocrisia del PdL!:
ha ricevuto 12 commenti. La partecipazione di 11 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Elena   Elena
       Valori: 2945 ....... Rango: Veterano

    Buon giorno.
    Don Giorgio ed i sacerdoti che la pensano come lui, possono e devono rappresentare solo il contrappeso per altri sacerdoti che sono favorevoli al governo e, vi assicuro, ce ne sono tanti.
    Don Giorgio quando parla con tutto quell’astio e quel disprezzo, smette di essere sacerdote. Ma può un sacerdote smettere e poi tornare ad esserlo? Non credo o almeno, non mi troverei d’accordo con chi approva!
    E’ vero che don Giorgio riempie le chiese. Però non c’è riuscito infondendo Fede Cristiana; c’è riuscito riscaldando ulteriormente gli animi accesi.
    Certo che le sue “prediche” fanno discutere e non di calcio, ma soltanto perché i bravi paesanotti trovano alquanto strano ciò che sentono e da parte loro pensano che forse è quella la novità che avanza in un paese “raffermo” e senza altri sbocchi!
    Ciò premesso, io consiglierei a don Giorgio di spogliarsi della veste sacerdotale e raggiungere le piazze vere, quelle delle lotte serie, quelle in cui ci si ritrova per continuare NON per andare a casa e prolungare la discussione attorno alla tavola imbandita.
    L’atteggiamento della Chiesa è deplorevole, da qualsiasi parte si osservi il suo comportamento. I sacerdoti favorevoli al governo (tipo Baget Bozzo: amen e vaf.. etc.) o lo stesso don Giorgio (sfavorevole al governo), rappresentano le due facce della stessa falsa medaglia.
    Quello che non si capisce è il perché la gente permette ai rappresentanti della Chiesa di dialogare e di interessarsi di fatti politici. Non è di loro competenza!
    Se continua così, non dovremo scandalizzarci se in seguito potremo vedere dei preti Onorevoli, comodamente seduti tra i banchi del Parlamento.
    I preti lo vanno dicendo: “Io sono come tutti gli altri, come voi, come te. Con le stesse sensazioni e le stesse angosce. Con gli stessi patimenti e gli stessi ardori”.
    Non v’è dubbio! Ma tu gli ardori devi saperli reprimere per scelta, caro mio buon prete uguale a tutti noi! E con gli ardori anche l’astio, la violenza, l’aggressività, l’oppressione e l’odio.
    Se così non fosse, ditelo, ed io entrerò nelle vostre Chiese quando avrò voglia di sentire qualche bell’affronto, ma mai per prendere l’Ostia dalle vostre mani!

    0



    • Clelia   Clelia
         Valori: 285 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Elena

      Ciao a tutti, ciao Elena.
      Quando una persona ama ed in modo spontaneo ama tutte le buone creature, cosa potrà fare per quelle se non proteggerle?
      Il buon don Giorgio ama il popolo italiano e vede nella persona del “porco” il vero e proprio “diavolo”. Da buon prete, come egli è, detesta il demonio, perché ha consapevolezza della sua malvagia potenza. Ovviamente il demonio non è mai solo; ha bisogno di avere molti altri attorno a sè, che lo idolatrino e ne ingigantiscano il potere. Così il demonio prende più spazi, non più per sua diretta mano, ma per l’onda d’urto creata dal magma terrificante che lo circonda; il perfido deve solo messaggiare i suoi voleri, le anime nere agiranno in vece sua, per renderlo più forte e gaio del loro operato. I più “meritevoli” gli siederanno più vicino ed avranno incarichi sempre più temibili, sempre più sporchi, sempre più efferati.
      Il buon prete don Giorgio cerca di fermare quella malefica onda e lo deve fare con le parole terribili di chi vuol castigare ancor prima di comprendere quanto malvagia sia l’entità che lo ostacola.
      Vedi, cara Elena, a volte, fermarsi alla prima apparenza, induce in errore e quel che appare non è esattamente la verità, anche se vediamo ciò che noi crediamo la verità. “Vedere per credere” recitava una volta una nota pubblicità. Sono risultati degli imbroglioni, nonostante facessero vedere ciò che volevano farti comprare con l’inganno!
      Non voglio perorare la causa di don Giorgio, anche perché non lo conosco, ma mi sono documentata ed ho visto su youtube i suoi video (è da un pò di tempo che và avanti, ma solo ora lo scopriamo). Io non trovo assolutamente fuori luogo il suo modo di inveire, se lo si vede con l’ottica di chi stà opponendosi con vigore al demonio ed ai suoi accoliti. Forse il “maiale” per te non fà l’effetto del maiale (e del delinquente), ma chi ha avuto modo di trovarselo contro, ha ben definito il suo normale modus operandi: “Persecutore maniacale”.
      Vale a dire che la vuole sempre vinta lui, con le buone o con le cattive, con metodi legali od illegali, e dove pone gli occhi ,lì , lui, vuole farci pascolare i suoi capricci.
      Bravo don Giorgio, io sono con lei, continui!

      0



  • Federico   Federico
       Valori: 520 ....... Rango: User

    Buona sera.
    Due donne, due pensieri. Due iscritte, due pensieri. Due elettrici, una incerta, l’altra decisa.
    Potrei già finire qui il mio intervento. La situazione è proprio questa e non si riesce a capire perché dura così a lungo. Don Giorgio credo anch’io stia facendo qualcosa per la sua gente. E’ evidente, la fà anche per sè stesso e per come egli pensa riguardo alla nostra politica.
    Il disprezzo per una “parte”, cara Elena, è anche amore verso l’altra “parte”. Lo stesso Gesù, a volte, ha dovuto essere duro, severo e minaccioso. Lo stesso Gesù voleva aggredire il diavolo che lo tentava e con lui tentava tutta l’umanità che Gesù invece amava ed ama.
    E’ normale che i preti devono astenersi dal provare i profondi ardori, ma solo quelli dedicabili a voi dolci signore e signorine, per effetto della volontà espressa quando hanno scelto il sacerdozio.
    Per me chiunque faccia sentire “porco” il “porco” non fà altro che metà di quello che servirebbe davvero; lo dice molto bene ed apertamente anche don Giorgio: “Bisogna eliminare Berlusconi”.
    Io sono d’accordo con lui!

    0



  • Luciano   Luciano
       Valori: 350 ....... Rango: Esordiente

    Il “porco” ha dimostrato di essere porco anche oggi, all’udienza che per l’ennesima volta lo vede imputato. Una faccia tosta da depravato mentale come non se ne vedono in giro. “Ho avuto centinaia di udienze, tutte per gettarmi fango addosso in processi mediatici e voluti da una magistratura politicizzata, tant’è che da tutti i processi sono stato assolto”.
    Porco! La verità è che NON ti sei fatto processare, ma hai emanato una qualche leggina che ti sottraeva ai processi.
    Il “maiale” ha anche avuto parole per il caso Ruby.
    “Le ho dato dei soldi per non farla prostituire”.
    Maiale! Per darle dei soldi, al fine di non farla prostituire, non la fai venire a casa tua ripetutamente a trascorrere la notte, non la fai assistere agli spettacoli delle tue depravazioni e poi le dai i soldi per non prostituirsi. Brutto disgustoso animale! Credi davvero di avere a che fare con i soli La Russa (squallido e pericoloso “cocainomane”), Santanchè (“schifosa” persona) e Verdini (“venditore” della famiglia).
    La stessa sporca marocchina ha ben definito il tuo pensiero per quanto la riguardava: “Noemi è la sua pupilla. Io, per lui, sono il culo”.
    “Le ho dato dei soldi per non farla prostituire”. Bastardo te ed il lurido magnaccia che dalla Sicilia te l’ha portata fino in casa!
    Putrido schifoso, ci stai togliendo anche l’onore, ma quanto è vero Iddio, se solo ci sarà la possibilità di fartela pagare, la merxx ti dovrà uscire anche dagli occhi.
    Crepa maledetto!

    0



  • Mario   Mario
       Valori: 435 ....... Rango: User

    La porca ipocrisia del PdL e di questo sciagurato governo, nonchè di ogni singolo abitante che ha votato e tifa ancora per loro.
    Sono tutti maiali, impegnati a brindare e festeggiare per le vittorie politiche conseguite in Parlamento. Chi se ne frega se un giovane viene sequestrato? Dovè quel laccato, asettico e salamellato ministro degli esteri? Che azioni ha condotto e quali trattative ha avviate per non vedere attuate le minacce dei sequestratori?
    Niente!
    Nessuna parola, nessun interesse, nessun volo immediato, nessun ambasciatore incaricato di trattare.
    Così, il povero Vittorio muore!
    Ne ritrovano il corpo senza vita. Un giovane di 36 anni che dedicava con amore le sue azioni alla popolazione della striscia di Gaza.
    Ed il porco brinda e pensa già a come aggrovigliare il dissenso col consenso per incanalare su un piano a lui consono il problema delle intercettazioni.
    Ha esordito asserendo che la gran parte della popolazione non le vuole; che tutti hanno voglia di sapere che i loro discorsi intimi non vengano registrati.
    Ha voglia sempre di prendere per il culo le persone. Chissà quanti sono davvero in Italia coloro che non vedono di buon occhio le intercettazioni? Forse 200.000 o 300.000? Non di più.
    I numeri appena scritti non sono altro che la quantità dei probabili delinquenti fra tutte le specie, compresi dunque tutti quelli di questo schifosissimo governo. E’ ovvio che a loro non sono gradite le intercettazioni!
    Se lo chiedessero a me, io risponderei “chi se ne fotte se mi intercettano, al massimo mi sentiranno dire parolacce contro tutti i familiari di questi dannati mostri che ci governano”.
    Forza don Giorgio, che la Chiesa, quella composta da persone che ancora vivono di sani principi, non certo come il piccolo prete tedesco teorico dottrinale e senza alcuna mediocre affinità con l’evangelico, è con te. Dacci sotto con le tue prediche e non parlare solo di Vangeli, altrimenti anche tu dimostri di voler dare un colpo all’incudine ed un altro al martello, mentre qui c’è bisogno di persone decise e schiette.
    Se vuoi fare il prete rivoluzionario, in modo che la gente ti segua per davvero, fallo con continuità, anche durante le tue prediche. Di questo c’è bisogno. Con questo si possono risvegliare le coscienze. Mai abbassare la guardia ed i toni; il nemico è spietato!

    0



  • ClaudioV   ClaudioV
       Valori: 360 ....... Rango: Esordiente

    Saluto tutti.
    Per caso e cercando un articolo, sono stato indirizzato qui.
    Mi è piaciuto restare a leggere quel che finora avete pubblicato. Ciò mi ha “costretto” alla iscrizione, perché partecipare con voi risulta essere molto promettente.
    Non nego che ormai tutte le discussioni sono arrivate al capolinea. Non ho granchè da aggiungere a quanto avete finora espresso, ho solo da accrescere il numero di coloro che vogliono il cambiamento e che lo vogliono al più presto, non fosse altro perché si sono resi conto, forse prima di moltissimi altri, che il cambiamento è inevitabile farlo prima che sia troppo tardi.
    Non dobbiamo aver paura di farci avanti e mostrare i denti. Tutti i balordi e vigliacchi che stanno in parlamento sono dei nemici giurati, non meritano più la nostra attenzione e comprensione.
    Forse sarò ripetitivo, ma bisogna che ci muoviamo, perché se l’italiano arriva ad innervosirsi per davvero, perde i lumi e nessuno lo ferma più, fino a quando il macello non sarà stato compiuto.
    Berlusconi ci ha rotto tutto quello che poteva romperci; ora anch’io sono pronto a rompere lui e tutti coloro che gli stanno intorno.
    Dovremmo cercare di organizzarci. Dovremmo cercare di “tirare su” qualche buon personaggio che funga da “stella polare”, che si chiami don Giorgio o che si chiami Franceschini e poi dare addosso ai porci, senza ripensamenti, perché i porci non avranno ripensamenti fino a quando non ci avranno inginocchiati tutti.
    Scriviamolo, scrivetelo anche sui muri, che la nostra nuova rivoluzione stà per esplodere. Non permettiamo più al lurido porco di essere tranquillo, sorridente e con la stessa voglia di prenderci in giro raccontando le sue barzellette, ma anzitutto non permettiamogli più di continuare a fare scempio della nostra storia.
    Io sono qua, con voi, pronto a tutto.
    Claudio

    0



  • VivaNapoli   VivaNapoli
       Valori: 480 ....... Rango: User

    Ciao a tutti da Arnaldo.
    Io qualcosa posso aggiungerla. Posso parlare di Napoli, di come le cose “raccontate e sentite” sono per lo più delle prese in giro. Non ci vuole un grande sforzo, qui a Napoli, per saper raccontare panzane. La parte più complicata viene infatti svolta dal raduncolo di pseudo abbocconi che immediatamente fa circolare la voce per quel che hanno finto di udire. Il gioco è fatto.
    I compari ci guadagnano piccole somme, pur se tenuti stupidamente alla riconoscenza per l’eternità. Con Bassolino Napoli ha avuto il peggiore offuscamento, altro che splendore democratico. Bassolino ha di fatto consegnato la regione a Berlusconi. non capisco perché il PD se lo tenga ancora in casa; dovrebbe espellerlo per indegnità.
    Berlusconi invece è uno che gli altri cercano di avvicinare, ma quel che capita, dopo che si sono trovati a tu per tu con lui, è che le parti stranamente si invertono ed è lui che riesce a tenerli avvinghiati. Probabilmente paga, perché solo così il napoletano si sottomette. Per soldi ricevuti direttamente o per il potere acquisito che permetterà di fare soldi!
    Il concetto che vorrei esprimere è quello che Berlusconi esiste perché esistono quelli che si vendono. Lui prima era un semplice compratore, la cui fama è arrivata in frettissima a chi doveva arrivare. Però chi compra ed ha ancora soldi, viene ripagato 100 volte di più di quel che ha pagato ed in quegli ambienti a volte le cifre diventano esorbitanti, un giro vortiginoso da cui non si esce più, propio come quando si entra a far parte della mafia o della camorra e senza neanche la cerimonia del giuramento col sangue.
    Berlusconi non è un mafioso. Berlusconi però è più temibile della mafia e della camorra messe insieme, perché Berlusconi può permettersi di dire tutto quello che gli passa per la testa, facendo credere di parlare in nome della politica ed a nome della “maggioranza degli italiani che è con lui”. Ma non è vero! Con lui ci sono solo quelli che ha comprato e pagato a caro prezzo, un prezzo altissimo che altri non avrebbero potuto pagare. I venduti vogliono dare l’apparenza di poter esprimersi liberamente. Nulla di più falso! Possono esprimersi liberamente solo se l’unico scopo del loro intervento è quello di accrescere il valore del loro Boss. Per riuscire meglio nell’intento, devono intervenire all’unisono, in modo che tutti gli altri abbiano l’impressione che siano milioni a dire la stessa cosa.
    Non credete a quella bassa “sceneggiata”. Noi qui non ci caschiamo nella trappola ed al pagliaccio Berlusconi non gli riesce di tirare dei pacchi in Campania, come invece gli accade nel resto d’Italia.
    In Campania noi siamo capaci di riconoscere subito la “bufala” ed i fischi non mancherebbero di certo, oltre alle parolacce pesanti. Solo la presenza dell’esercito l’ha salvato e lo potrebbe salvare, ma se venisse come un normale presidente del consiglio, state certi che lo ricopriremmo di pomodori guasti ed inaciditi e poi, sia ancora spazzatura a Napoli, tanto più “sporca” di come è questa povera città, non può esserlo.

    0



  • Cesarino   Cesarino
       Radiato dal Blog

    Salute a tutti da Cesarino.
    Cosa stà succedendo?
    Sembra che tutti siamo imbalsamati ed incapaci di reagire.
    Ti sei appisolato? Ti sei annoiato? La politica del mal governo non ti scuote più? Ti sei forse abituato al nano?
    Certo che se le mie domande avessero risposte affermative, vorrebbe dire che siamo alla frutta, che il porco ha raggiunto il suo scopo. Ci ha chinati tutti!
    Niente ci ferisce più. Niente ci mortifica più. Siamo un popolo di invertebrati, meritevoli di quello che ci siamo preparati ad avere.
    Bravo don Giorgio! Fai bene ad accanirti contro il porco diavolo Berlusconi.
    Purtroppo la tua ispirata Umanità stà andando a farsi fott…
    L’Italia non è più la terra da dove si cominciavano le conquiste, poiché l’Italia è divenuta la terra degli addomesticati. Per ribellarci c’è forse bisogno che qualcuno muoia sotto i nostri occhi, perché solo così capiremmo che anche noi potremmo fare la sua stessa fine.
    Siamo un popolo di cogl…. perché ci facciamo sottomettere da un numero esiguo di porci imbrattati, che ci prendono per il culo quando dicono di essere la maggioranza.
    Tutti siamo colpevoli di questo sfacelo. Tutti siamo vigliacchi. Tutti siamo depravati.
    Chi si sente offeso è il primo maiale schifoso, perché altrimenti avrei dovuto sentire il suo nome mentre urlava la sua ribellione. Invece no!
    Siamo tutti dei culatt… E mi piace pensarlo anche del mio capo ufficio, che è capace di sbraitare solo quando è al lavoro, ma come tutti gli altri, all’uscita si sveste e diventa l’italiano innocuo e caprone.
    Contenti noi! Che schifo siamo!
    Anche tu che leggi! Fanc… a te, sei un porco come me!

    0



  • Marina   Marina
       Valori: 840 ....... Rango: User

    Ciao Cesarino, ciao Arnaldo, ciao ClaudioV.
    Accidenti come siete stati bravi ad esprimere il vostro pensiero, ognuno con la propria esperienza e con la propria indignazione.
    A Cesarino devo un pò tirare le orecchie. Lo sai o no che qui ci sono anche delle gentili signore e signorine. Come ti permetti di mandarci tutte a quel paese dandoci del porco come te? Noi siamo scrofe, semmai!
    A parte la battuta, capisco lo sdegno e la rabbia che s’impadronisce di noi, fino a farci temere che siamo tutti nemici di tutti.
    Ma vedrete che qui, su questo Blog, a parte una o due teste, troverete chi davvero vi tiene testa. Siamo duri quà!
    Comunque, sono contenta che la partecipazione si arricchisce di nuovi volti e nuove idee (spero).
    Fà davvero impressione l’Avatar scelto da ClaudioV. Quella pistola con un colpo solo a disposizione.
    Mamma mia, credo di immaginare chi può essere il destinatario di così alta attenzione.
    Caro “VivaNapoli” Arnaldo, io sono stata a Napoli una sola volta e sono rimasta incantata più che affascinata, dalla dialettica e dalla musicalità delle viuzze del quartiere popolare. Anche un’altra cosa mi ha colpita, ma non direi nell’intimo, mi ha colpita proprio sulle spalle. Una pallonata! Se incontrassi ancora quei discoli, fosse per me, non li farei diventare adulti. A parte tutto Napoli è davvero una città sporca, perché sporca è la vita, se la vita và vissuta con l’espediente di strada.
    Coraggio, “adda passà a nuttata”!
    Forza don Giorgio, Marina è con te!

    0



    • 10°
      Cesarino   Cesarino
         Radiato dal Blog

         In risposta a: Marina

      Ciao adorabile Marina.
      Testa più dura non poteva capitarmi, ma sono felice che sia la tua.
      Hai dimostrato di saper reggere il confronto e quindi, riconoscendo il tuo valore, ti chiedo di perdonare la mia volgarità. Ho iniziato la mia avventura su questo Blog, con l’intenzione iniziale di presentarmi come un qualunque spaccamarroni. Spero di poter avere l’occasione di dimostrare che non sono solo quello.
      Anche le parole che hai scritto per gli altri due nuovi iscritti sono semplicemente azzeccate, quindi me ne compiaccio e rallegro. Non poteva capitarmi migliore “accompagnatrice”.
      Se sei anche bella, per quanto maliziosa e di mente sciolta, direi che racchiudi tutte le speranze che un uomo possa ricercare in una donna. Io mi esulo, non gradendo turbare il già super collaudato attributo di marito fedele.
      A presto ritrovarci.

      0



  • 11°
    Manuela   Manuela
       Valori: 1775 ....... Rango: Frequent User

    Un caro saluto a tutti.
    L’avete letta l’ultima della “dolce” Ruby?
    La marocchina ha voglia di sposarsi, ma sembra che una e-mail stia circolando tra tutte le chiese del genovese, nella quale il vescovo richiama all’attenzione i preti di non celebrare il matrimonio se la squinternata ragazza ed il suo costruito fidanzato non porteranno a termine i riti pre nuziali.
    Con questa notizia è dunque confermata l’intenzione, che la islamica marocchina vorrà celebrare il suo matrimonio con rito cristiano.
    Il Parlamento italiano cosa ne pensa? Come mai non si pone anche alla votazione se, quella che tutti loro hanno stupidamente e volgarmente riconosciuta la nipote di Mubarak, possa arrecare un simile affronto allo zio?
    Forse non lo sapete, ma per una islamica che si converte al cattolicesimo c’è una condanna spaventosa per chiunque: la pena di morte!
    Comunque, proprio questo passo falso, ci autorizza a pensare che i disonorevoli delinquenti del PdL e Lega non sono altro che dei fott… magnaccia e venduti al volere del padrone. Che schifo! In particolare che schifo le deputate di quei partiti, anche loro hanno dimostrato di essere delle zocc… coprendo le vili azioni del loro montone dal vello d’oro!
    La voglia della putt….. dovrebbe ancor più convincere i giudici che stanno seguendo la causa contro il porco, che quella notte non è intervenuto in veste istituzionale, ma nella solita veste maniacale di porco impaurito.
    Caro don Giorgio, fai bene a chiedere al tuo Signore che almeno ci pensi la morte a salvarci da quell’animale. Contro il diavolo in persona, c’è bisogno di ricorrere ad altissimi aiuti, nella speranza che la tua preghiera venga accolta.

    0



  • 12°
    Piero   Piero
       Valori: 690 ....... Rango: User

    Ciao a tutti.
    Riprendo il tema del caro don Giorgio, poiché le nuove, pur sempre vecchie, manovre del PdL riconducono inevitabilmente a lui, lo psiconano.
    “Le primarie servono a tutto tranne che a sapere che il leader è Berlusconi, che tra due anni sarà ricandidato”.
    Queste sono le parole del “nuovo” segretario del PdL.
    Devo necessariamente sottolineare che mai s’era visto un agglomerato di politici così ben disposti alla salvaguardia del loro leader, neanche durante il fascismo.
    L’Alfano nazionale è siciliano. Ho dei preconcetti quando leggo o scrivo dei siciliani. Ma non di tutti i siciliani, è ovvio. Ho dei preconcetti per tutti quei siciliani che sono arrivati “tranquillamente” ai vertici delle occupazioni parlamentari.
    Oggi ci sono “troppi” siciliani seduti a Montecitorio. La dico tutta: con il “porco”, chissà perché, sono subito arrivati i “siciliani” a dargli man forte ed a sorreggerlo incessantemente.
    Quello che qualche mese addietro aveva sussurrato il malfattore nazionale, si è dunque in parte avverato. La prima mossa investe solo il PDL. Quale sarà la successiva?
    C’è o no un attacco indiretto, rivolto alla Lega Nord?
    Ha ragione don Giorgio; bisogna “eliminare il porco”. Finchè ci sarà lui, nessuno che frequenti il PdL sarà esentato dal marchio di malfattore.

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.