- In questo periodo la moderazione è affidata a: Gaetano, da Zelo Buon Persico (LO)

Sono le ore 02:42:15 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

La tensione è alle stelle!.

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 4 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...

La tensione è alle stelle!.:
ha ricevuto 15 commenti. La partecipazione di 15 utenti rende l'argomento molto interessante.

  • Manuela   Manuela
       Valori: 1775 ....... Rango: Frequent User

    Buon pomeriggio a tutti.
    A mio avviso, l'unica cosa che Grillo non ha ben capito, è che se lui ed altri come lui possono aspettare e godersi lo spettacolo, la stessa cosa non la possono fare decine di milioni di cittadini, che aspettano risposte immediate. C'è talmente tanta necessità di sviluppo e di lavoro, che qualsiasi altra incombenza potrebbe essere tralasciata.
    Se Grillo non accetterà il "compromesso storico" col PD, sono fermamente convinta che il M5S dovrà considerare chiusa la sua apparizione, è come se si incatenasse ad una enorme palla d'acciaio, che  gli bloccherà qualsiasi ulteriore rivincita. Sarà per sempre ricordato come il "partito del comico" che in campagna elettorale gridava "M5S al potere, a noi il governo", ma che quando il potere glielo hanno messo nelle mani, non lo ha voluto accettare, non lo ha gradito, perchè ad averglielo offerto era stato "Gargamella".
    La missione originaria del Movimento era quella di spazzare via i partiti. Ma per far che?
    Per comandare da solo?
    Può scordarselo il signor Grillo!
    I voti che ha preso questa volta, che poi, a ben vedere, sono stati voti della sinistra malcontenta, se li potrà sognare. Nessuno si scorderà che ha avuto la possibilità di far fuori il caimano ed invece gli ha permesso di sfuggire ancora. Sarebbe come fare un grosso regalo allo stesso PD, che ha saputo abbassare la guardia e cercare il dialogo. Sarebbe un comico che di politica ha capito un tubo. Gli avversari si fanno fuori all'occorrenza, senza poter contare su presunzioni inverosimili, illudendosi di poter fare il finimondo, quando invece alla competizione si è arrivati solo terzi.
    Caro Beppe Grillo, non far lo stupido domani, dagli una mano a Bersani e digli si!
    Era il primo pomeriggio quando ho iniziato a scrivere, poi ho potuto continuare a sprizzi e sprazzi, fino a dover concludere augurandovi buona sera.

    0



  • Mario Cesta   Mario Cesta
       Valori: 2010 ....... Rango: Veterano

    Saluto tutti.
    C'era da aspettarselo e, a pensarci bene, è anche la scelta più giusta che Grillo potesse fare per il bene del M5S.
    Lo ha sempre detto, ce lo aspettavamo. Qualunque fosse stata la situazione politica venuta a crearsi, lui era costretto a mantenere quelle sue decisioni: Combatterere i partiti che hanno la colpa di questo degrado italiano.
    Quello che adesso diventa inconsueto, è cosa tenteranno di fare PD, PdL e Presidente della Repubblica. Non dobbiamo mai dimenticare Napolitano, il terzo uomo, l'uomo dell'inciucio facile, quello che fa le cose di sinistra, badando ad arrecare giovamento alla destra. Il ricattato, il tenuto a disposizione per sputare ingiustizie nel nome e nel segno del popolo "sovrano". E' inutile chiedervi quanti, ancora oggi, credono al popolo sovrano. Napolitano è da diverso tempo che ha dimostrato di voler prendere le parti del cavaliere. Anche la UE gli ha dato torto ed infatti in articoli internazionali, diversi giornali stranieri hanno pubblicato la loro convinzione: "Giù le mani dai Giudici".
    Berlusconi tirerà fuori qualche sua repellente idea, perchè lui, quando le acque sono torbide, sguazza meglio. Diranno a più riprese che tornare alle elezioni sarebbe da pazzi; magari faranno mettere da parte l'inutile Bersani e chiameranno un altro nome più disponibile ad aprire all'inciucio col PdL. Fino a qualche anno fa sarebbe stato impensabile, nessuno avrebbe saputo prospettare un avvicinamento simile. Dovranno per forza allontanare Bersani, perchè lui ha già dichiarato che, il primo impegno che avrebbe sviluppato col nuovo governo, sarebbe stato quello di affrontare l'ineleggibilità di Berlusconi.
    Il momento è davvero molto critico, ma a Grillo non si possono dare colpe che onestamente non ha. Tutta la parte maschile della casta lui l'ha definita "Padri Puttanieri" (potete ben immaginare come avrebbe nominata quella femminile), a cominciare da D'Alema, Bersani, Berlusconi, Cicchitto, Monti; padri che se la godevano e spassavano mentre lasciavano i propri figli a casa e con nulla da mangiare. Padri che hanno cancellato il futuro dei loro figli, "i figli di nessuno", gli "NN".
    No, non me la sento davvero di dare torto a Grillo!

    0



  • Giulia   Giulia
       Valori: 785 ....... Rango: User

    Buona sera a tutti.
    Io la diretta streaming  dell'incontro tra PD e M5S l'ho vista. Mi è anche piaciuta. M'è pure piaciuto Bersani, più di altri e più di altre volte che l'ho sentito parlare.
    Ora che si conosce l'ululato di Grillo, abbiamo capito solo una cosa, la più importante, anche perchè era la più attesa, se volevamo e speravamo dei cambiamenti: Anche questa volta, almeno per altri mesi e spero solo per mesi, Berlusconi è riuscito a farcela.
    Ecco, questa delusione a Grillo non gliela perdono.
    Quel cocciuto comico non ha inteso intuire che gli avversari, se vuol farli fuori non avendo lui grandi forze, deve farli fuori un poco alla volta. Doveva accettare le proposte di Bersani ed avrebbe dovuto imporre alcuni traguardi importanti e significativi, sia per il bene della Nazione, sia per mantener fede agli impegni presi col suo elettorato. Intanto Berlusconi andava fuori e questa, credetemi, sarebbe stata una grande consolazione per tantissime persone. Magari, scacciato dal Parlamento, sarebbe stato l'ideale. Avremmo sempre portata con noi una sua immaginetta mentre, con i piedi degli usceri che gli arrivano sul fondo schiena, lascia desolato il portone di Palazzo Madama. Dopo sì che si poteva cominciare a ragionare di sana politica  e di sani costumi nella politica.
    Io però, un certo pensierino me lo son fatto e mi son detta: Vuoi vedere che in fondo in fondo il Grillino ca l'haa morte più con Bersani che con Berlusconi?
    Io credo che Grillo non abbia mai scordato cosa è avvenuto quando aveva mostrato l'intenzione di partecipare alle primarie del PD; non è stato ammesso. E' stato cocente per lui accettare il rifiuto di quel partito. Se l'è legata al dito ed oggi, forse ignobilmente, s'è vendicato.
    Spero non sia così, altrimenti sai che politica!
    Comunque, per breve, la tensione è stata alle stelle…. Alle cinque stelle!

    0



  • Luigi   Luigi
       Valori: 260 ....... Rango: Esordiente

    Buona sera.
    Il male che ha generato il risultato di queste ultime elezioni, si comincia ad intuire solo oggi.
    Napolitano ha sconfitto Bersani e con lui la stessa sinistra. Il vecchio politico, incapace anche per scelta, infine si ridesta; per scombussolare mentre tutto vibra, per dare scosse mentre le fondamenta vacillano, per demolire. Con lui si intuisce ancora una volta come la sinistra sia autolesionista, poltronista ed indegna di passione e di attivisti,
    Lasciano che si oda solo il bubolare del "gufo". Sempre il solito lamento o sempre la solita aria. Dipende per cosa canta. "Non accetteremmo un governo presieduto da Bersani" … "Il PD faccia il nome del presidente del consiglio, per noi va bene anche Bersani". Ecco, in queste due dichiarazione, c'è la dimostrazione che il cav ha paura. Ha paura di non farcela ad entrare in un qualche governo. Ha paura di sottostare al gioco duro del M5S. Ed ecco che allora si reca da Napolitano, suo sottordine e suo sottomesso. Gli intima il prosieguo delle consultazioni, estraneando stavolta proprio Bersani, l'indesiderato Bersani, il colpevle Bersani. Colpevole all'epoca di non aver aperto la strada delle primarie a Grillo. Colpevole, per sua enorme fortuna! Immaginarsi cosa sarebbe stato del caimano, se Bersani fosse stata persona gradita a Grillo!
    Ora si procederà a promuovere leader un qualche nome di un qualche venduto. Si faranno vere e proprie associazioni a delinquere di stampo politico. Si cercherà di comporre la larga intesa.
    Ve la immaginate come sarà orgogliosa d'esistere la grande intesa? PdL – Lega Nord – PD – Scelta civica. S'intende, sotto la grande effige dal nome roboante: Responsbilità!
    Come fanno ad essere ritenuti responsabili coloro che fino a ieri sono stati responsabili del disastro italiano. Berlusconi, responsabile? Maroni, responsabile? Bersani, responsabile? Monti, responsabile? Per on dimenticare i nominicchi, quei nomi che corrono stando dietro: Cicchitto e ……. Fetenzie varie, responsabili?
    "Io sono sceso in campo per non vedere cadere la Nazione, che amo, l'Italia, sotto l'oppressione comunista".
    Con lui insieme, invece, è tutto un altro andare. Vero?!
    Luigi

    0



  • Sanlusti   Sanlusti
       Valori: 690 ....... Rango: User

    Buona sera a tutti.
    Scrivo solo questo commento e poi, giuro, cambio il mio avatar; fa schifo a me stesso.
    Eccoci giunti al bivio. Napolitano vuol mantenere fede al suo impegno e quindi, chi si aspettava qualche giorno in meno della sua presenza al Colle, purtroppo deve rassegnarsi, il vecchio non demorde. Fa ancora freddo a Napoli ed il gasolio per il riscaldamento costa troppo, meglio stare nei caldi palazzi a sbafo.
    Nel frattempo, come poteva trascorrere il tempo cercando di apparire indaffarato? La tormentata questione, il nostro implacabile Presidente, l'ha risolta mandando a casa Bersani e promettendo che, dopo la siesta pomeridiana, avrebbe pensato a quattro saggi ed altre personalità eminenti del culto pubblico, insomma due squadrette da far lavoricchiare in queste ultime settimane di mandato presidenziale.
    Siamo rimasti col fiato sospeso e con la mente pervasa da mille ricordi. Ma come? Qui in Italia abbiamo non uno, ma quattro saggi e non lo sapevamo? Che meraviglia il nostro Presidente, meno male che c'è lui a saper valorizzare! Nessuna voce in giro. Abbiamo dovuto aspettare il risveglio del nostro primo condottiere il quale, come se fosse stato toccato da mano santa, si affacciò sull'uscio dello studio e finalmente mormorò i nomi che tutti volevano sentire: Valerio Onida (va bene), Mario Mauro (uhmm, il saltimbanco, ma, insomma), Gaetano Quagliariello (chi? quel quagliariello? nooooo!), e, dulcis in fundo, udite udite, Lu……… Non ve lo dico….. è meglio credetemi. Nooo, ti dico di no. E va be' se proprio insisti, Luciano Violante, ecco, l'ho scritto.
    Adesso cercate di saper correre col cervello acceso, ce ne sarà bisogno. Dunque, abbiamo un giurista – costituzionalista che proprio oggi ha compiuto 77 anni, non male come regalo di compleanno. Segue un accademico già aggregato a Comunione e Liberazione, poi passato tra le fila di Forza Italia confluente successivamente e fino a quest'anno nel Popolo della Libertà, trsferitosi solo ultimamente nela lista Scelta Civica – un vero uomo di scelte, un po' tante, per un "saggio". Quagliariello e Violante, meglio soprassedere, non mi va di farmi il sangue acido.
    Ecco dunque il quartetto dei "Saggi" voluto e scelto dal grande Napolitano, salvatore delle italiane genti. Detti "signori", a partire da martedi, si riuniranno per trovare un programma che possa essere sostenuto da tutti i partiti. Insomma le nostre eminenze sono state selezionate, perchè esperti di inciuci, di ammucchiate, di scambi d'anelli e di affettati sorrisi.
    Se la storia vi piace, seguitela voi, perchè a me è già sopraggiunto un dolorosissimo cerchio alla testa.
    Aspirina, please!

    0



  • Gustavo   Gustavo
       Valori: 315 ....... Rango: Esordiente

    Buona Pasqua a tutti.
    E’ una buona domenica, che trascorre tranquilla, all’insegna della famiglia.
    La famiglia politica italiana però non può conformarsi ad un solo pensiero politico, quindi non capisco perchè e perchè proprio in questi suoi ultimi giorni, Napolitano abbia deciso di formare il governo del presidente. Se il governo che si tenta di far nascere dovrà essere formato per durare, non sarebbe stato meglio che la decisione fosse stata rimandata al suo successore? Tutti i partiti sono stati nuovamente “parcheggiati” e, con la solita storia delle enormi difficoltà presenti (come se quelle precedenti fossero ormai cosa passata), richiama a responsabilità sia il PD che il PdL, non dimenticando la sua ultima creatura: Monti.
    Bersani dunque ha fallito totalmente? Ma se Bersani ha fallito e Bersani era la voce del PD, cosa potrebbe essere cambiato nel frattempo in quel partito? Dobbiamo sospettare che Bersani è stato messo da parte dai suoi stessi dirigenti? O dobbiamo semplicemente prendere atto che Bersani sarà ora costretto a dire signorsì a Napolitano? Ed il voto degli italiani che fine farà? Risulterà ancora inutile, come lo è sempre stato?
    Intanto Berlusconi tiene banco come al solito. Cioè, la persona politicamente meno influente, almeno dopo queste elezioni, torna a voler fare l’attore principale. Però è inutile che si dia tanto da fare, perchè, se Pier Luigi Bersani ha davvero rappresentato l’idea del PD, per il caimano non ci sono vie d’uscita se non quelle delle nuove elezioni, se teniamo in considerazione l’impossibile avvicinamento del M5S al PdL. Questo lo sa anche Napolitano, per cui, o sta giocando anche lui una partita sporca, all’insegna della perdita di tempo, oppure sta cercando di muoversi, sapendo di poter influenzare le decisioni del PD.
    In definitiva un altro governo formato dalle schifose decisioni delle menti dei partiti che hanno sostenuto Monti e, stavolta, anche con la Lega Nord implicata. Preferiscono pensare che il prossimo governo possa essere diverso, migliore, poichè sarà un governo politico e non tecnico, dimenticando che per noi, in sostanza, cambia ben poco, perchè quelli che contano sono sempre gli stessi, sono i vecchi, coloro che, seguendo ora Bersani ed ora Berlusconi, hanno rovinato l’Italia.

    0



  • Renata   Renata
       Valori: 525 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Ci vuole saggezza per poter individuare i saggi, quindi Napolitano ha voluto ulteriormente confermare la sua notevole autostima, ponendosi non al di sopra delle parti ma sopra le parti, nel gesto inusato di tendere le proprie braccia in avanti e ritrovarli tutti arroccati là sotto, disponibili e ligi ai doveri imposti.
    Ma quali sono i doveri ai quali i cosiddetti saggi dovranno assoggettarsi? Cosa dovranno cercare? O cosa dovranno infine prospettare?
    A qualcuno di voi è forse noto che esistono altri partiti fuori dalle consuete mura?
    Dovranno essere partiti non già ascoltati da Bersani, non già individuati fal M5S come probabili ed insperati aiuti per la sinistra o per la destra. O forse, con un po' di faccia tosta, si vuol chiedere aiuto a chi di politica non ha voluto saperne neanche a questa ultima tornata.
    Perchè perdere ulteriore tempo? E perchè cercare l'esecutivo di nuovo tra individui estranei alla politica, pur avendo da pochissimo eletto un Parlamento e, dunque, il vero fulcro della politica? E' veramente lecito per il Presidente Napolitano pescare altrove? Ed intanto, perchè Monti non si è presentato alle Camere?
    I saggi scelti da Napolitano, seppur neanche loro sapessero di essere tali, dovranno comunque fornire l'appoggio alla diplomazia a cuneo, quella tipica di apertura e di confronto, mentra l'altra squadra, di mero carattere sociale, dovrà fornire gli esempi concreti di ciò che si potrà e vorrà eseguire, nonchè le modalità pratiche con cui verranno messe in atto, al fine di rendere verosimile ogni singola proposta.
    Ci saranno  molti compromessi, questo è ovvio ed oltremodo chiaro da subito; ciò che mi ha permesso di non rimanere incantata, è la totale mancanza del saggio popolare, il nostro buon Bertoldo, per intenderci, magari anche con Bertoldino e, perchè no, Cacasenno. Nessuno ha ritenuto che tra il popolo "sovrano" possano vivere dei saggi. Che tremenda offesa!
    Errore gravissimo, esimio signor Presidente. Lei, oltre a dover rispondere di eventuale abuso di potere, dovrebbe rendere conto a quel popolo, che Lei tanto sovente cita nelle sue frasi fatte, del perchè non si è mai confrontato con Lui, il Popolo, Quel Popolo che se vuole, e Le garantisco che la tentazione è fortissima, potrebbe decidere di farvi passare davvero malamente il resto delle vostre bigotte vite.
    Avete tirato troppo la corda, ora sta quasi per spezzarsi. Prestate attenzione, molta attenzione!

    0



  • ClaudioV   ClaudioV
       Valori: 360 ....... Rango: Esordiente

    Buon pomeriggio.
    Signor Presidente, va bene che va bene che lei può fare tante cose e può anche far venire il mal di testa a Giacomo, ma quello che io le chiedo è esattamente quale motivo l'ha spinta a dover ripetere il cattivo esperimento di far intervenire personalità diverse da quelle politiche, per far comprendere ai politici (fra l'altro con moltissimi nuovi di zecca) alcune proposte programmatiche. E' come dire che i veri politici, di programmi da condividere, ne capiscono un tubo.
    Sarà anche vero, sarà chè lei è diventato un tantino troppo invadente e presuntuoso, sarà chè ormai vede vicina la sua meta, sarà chè non le importa più come prima, sarà chè vuol togliersi qualche sassolino prima di "scendere" da lassù, ma a me lei ha dato l'impressione di voler "pazziare" dicono a Napoli (se ricordo bene).
    Quale necessità c'era di far preparare un filmino a quei poveri incantati politici?
    Ora, per sua colpa, potrebbe accadere che a qualcuno quel mestiere risulti non gradevole. Qualcuno che è arrivato lì perchè pensava "ora mi aggiusto".
    Lei vuole sbattergli sul muso programmi. Programmi vuol dire lavoro.
    I soldi, quando li farebbe?

    0



  • Daniela   Daniela
       Valori: 315 ....... Rango: Esordiente

    Buona sera.
    E' bastato che la figlia di Berlusconi, la gallinella Barbara, accennasse a Renzi come leader del PD a lei gradito, che subito il galletto fiorentino ha cominciato a cantare.
    Quel che mi pare illogico, politicamente ed intelligentemente, è la stranezza di comportamento di una personalità di spicco come Renzi.
    Appena può parlare e dire qualcosa che lo eccita, che fa? Becca Grillo e morde Bersani. "Bersani non doveva accettare quella ripresa streaming, in cui elemosina una mezza promessa di accordi. Ci ha fatto una figura da bischero. Cosa può pensare di lui una volontaria che prepara i ravioli ad una festa dell'Unità?".
    Hanno fatto bene i bersaniani ad insorgere contro il toscano. Specialmente dopo averlo sentito dire che bisogna aver coraggio ed essere coerenti. Se è il momento di accettare le proposte – ha detto Renzi – si deve dare ascolto a chi ha i numeri per fare proposte (riferendosi palesemente a Berlsuconi), altrimenti si ritorni presto alle urne.
    Ecco, mille grazie, ineffabile Matteo, ora abbiamo ben chiare le tue prospettive. Esse riguardano l'eventuale accordo con il PdL, il che vuol dire che se fossi stato tu a vincere le primarie, a quest'ora poteva dirsi fatto l'accordo con Berlusconi, ti saresti recato nuovamente a colazione dallo psico-nano ed avresti scambiato tenerezze con la giovane ereditiera.
    Ed il PD? Che fine avrebbe fatto il PD?
    Bisogna prestare molta attenzione con i giovani; essi sono certamente il futuro, ma quei giovani che hanno già conosciuto la potenza della politica, credo che abbiano ben poche speranze di non divenire come il mondo che vorrebbero eliminare o che dicono di voler combattere. Troppo repentinamente Renzi è passato dalla lealtà al segretario ad essere il suo accusatore.
    No, no, no. Credo che il don Matteo abbia qualche grillo per la testa.
    Ovviamente non quello del M5S.

    0



  • 10°
    Antonio   Antonio
       Valori: 2485 ....... Rango: Veterano

    Buon giorno, pigra Italia.
    Un caloroso benvenuto ad Antonio (ilLupo).
    Allora, carissimi, siete pronti?
    Siete pronti a subire un'ulteriore presa per il culo, preparata da Napolitano-Berlusconi-Bersani-Monti?
    Ieri il Presidente ha indetto un vertice al quale sono stati chiamati il premier Monti ed il segretario Bersani. Berlusconi non c'era. Perchè?
    Semplicemente perchè, chi doveva ascoltare ciò che Napolitano aveva da dire erano solo loro due, perchè il discorso riguardava la chiamata di responsabilità di loro due. Dovevano capire ed annuire solo loro due che il momento richiede la loro espressa responsabilità, che il momento li costringe ad accettare larghe intese, per il bene del Paese. O sarà la fine!
    Non ha potuto invitare Berlusconi, perchè altrimenti gli toccava far intervenire anche Grillo. E' così che agisce lo zotico "Super Partes". E' così che ha sempre agito!
    Se ha nominato i 10 saggi, perchè Napolitano ha sentito l'urgenza dell'incontro di ieri? Ha forse ascoltato le voci che arrivavano da ovunque? "Perdita di tempo" si dice. E lo dice anche Renzi, il quale vede di buon occhio l'avvicinamento al PdL di Berlusconi, con le dovute condizioni. E Berlusconi, checchè se ne possa pensare, di Renzi ha un certo "timore". Invece con Gargamella il patto è ormai consolidato e rodato. Lo preferisce al nuovo Renzi. E' una scelta comprensibile e pur sempre d'interesse.
    Se questi sporchi "impiegati dello Stato" prediligono ancora simili comportamenti, è giustissimo che sia nato il Movimento 5 Stelle. E' giustissimo che M5S non faccia alcun compromesso con ciascuno di loro. E' una linea coerente con il motivo della loro nascita: Mandarli tutti a casa. Tutti!

    0



  • 11°
    BenAng   BenAng
       Valori: 1965 ....... Rango: Frequent User

    Di minacce gli italiani ne hanno fatte parecchie, ma non verso chi le merita per ciò che di male ha combinato, no! Gli italiani le minacce le fanno contro sè stessi: "Se vince quello io divento eremita….. Se vince quell'altro io me ne vado all'estero e straccio il passaporto italiano".
    Ci sono 9.000.000 milioni di cittadini che invece hanno dichiarato, con il proprio voto, di aver ricevuto benefici dai governi Berlusconi e che non vedono l'ora che lui ritorni a condurre l'Italia.
    E' da tantissimo ormai che cerco e spero una risposta da chiunque dei citati votanti. Non la ricevo, nessuno mi spiega cosa hanno ricevuto di così benefico, da "amare" la persona Berlusconi, da "amare" il politico Berlusconi, da "amare" l'imprenditore Berlusconi.
    Sappiamo che circa 55.000 persone lavorano per lui. Le sue sono aziende che non producono beni di consumo, pertanto, se dovessero chiudere, tutti quelli addetti non credo troverebbero impieghi analoghi. Berlusconi produce spesa; le sue aziende, tutte, producono spese e 55.000 lavoratori concorrono a tenere in piedi queste aziende che producono spese. Ma 55.000 persone possono mantenere convinte altre 9.000.000 di persone a votare sempre Berlusconi? La risposta è NO!
    Allora da dove viene il convincimento di quei 9.000.000?
    Va bene, mettiamo sulla bilancia anche l'ipotesi che ci siano quelli che Berlusconi riesce a "comprare" direttamente. Forse saranno dai 30.000 ai 100.000. Forse molto meno. Non lo sappiamo. Come non sappiamo perchè 9.000.000 di persone ammettono di amarlo.
    Intanto, proprio oggi, nelle Marche, altre tre povere vite umane sono state sacrificate all'ingiustizia di una vecchiaia squalificata e mortificante. Avevano 62, 68 e 73 anni. Non ce la facevano più a tirare avanti. Si sono uccisi senza minacciare chi li ha costretti a tali gesti estremi. Io mi vergogno di partecipare a questa vigliacca irresponsabilità. Io prego affinchè quei 9.000.000 di adulatori, ovunque loro siano, chiunque essi siano, capitino ad uno ad uno sotto le ruote della mia macchina. Io minaccio loro!
    A voi, il mio saluto.

    0



  • 12°
    Nando   Nando
       Valori: 115 ....... Rango: Esordiente

    Buona sera a tutti.
    Caro Benedetto, voglio possedere la tua rabbia e centuplicarla, rendendola cocente, punitiva ed insanziabile.
    Mentre altre tre vittime s'immolavano, lui, l'animale Berlusconi, pensava a farsi leggere i sondaggi. Dice di essere lui in testa, ma dichiara che non sono le nuove elezioni la sua prima opzione. Questo vuol dire che nulla di quanto va dicendo è vero. I sondaggi gli avranno fatto capire che è in caduta libera e che sarà meglio per lui accettare qualsiasi occasione gli venga offerta dal PD.
    Falsità è l'unica parola del suo motto, e lui la pronuncia all'origine di ogni suo giorno. Berlusconi ora vuole stringere accordi con coloro che anzitempo dichiarava il male comunista, con coloro che utilizzano la magistratura per sconfiggerlo penalmente, visto che non ci riescono politicamente. Lui si ritiene un responsabile, poichè cede il suo vantaggio alla necessità di affronatre insieme la peggior crisi del dopoguerra, dimenticando il porco, che lui, durante i suoi governi, mai ha riconosciuto che dalla crisi eravamo stati aggrediti.
    "Ottimismo" ci voleva. Ottimismo lui aveva, anche quando fotteva e mangiava e noi pagavamo.
    Se il vecchio assonnato che gioca a fare il super partes riuscirà a convincere il grigio segretario, credo che la ribellione civile sia l'unica strada che ci rimarrà da percorrere.
    E che venga di nuovo piazzale Loreto!

    0



  • 13°
    Donato   Donato
       Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

    Lasciatemi dire che la situazione politica s'è fatta davvero orribile e che nulla, a confronto, merita più attenzione.
    Lasciatemi dire che questa classe politica è la peggiore in assoluto.
    Lasciatemi dire che se stavolta i "vecchi" del PD riusciranno a convincere i giovani ad oltrepassare la siepe, vuol dire che gli ultimi vent'anni berlusconiani hanno vinto, le massonerie hanno vinto, hanno vinto le mafie.
    Mai ho notato tanta schifezza di persone messe tutte insieme come in questi ultimi vent'anni. Mai in vita mia ho visto tanti FIGLI DI Piera impadronirsi così dell'Italia, nemmeno i fascisti neri ed i brigatisti rossi. Ciascuno di questi mascalzoni ha perso l'onore, a cominciare dal grande capo concusso e colluso, corrotto e sotto ricatto, fino all'ultimo tassello che chiude il cerchio, tutti questi farabutti politici meritano la forca. Anche gli ultimi arrivati, quelli che dicono "non è nostra la colpa".
    Ora è diventata anche colpa loro, visto che avevano la possibilità di operare il cambiamento ed invece, per puro calcolo, si sono chiamati in disparte, tradendo ogni promessa fatta o impegno preso.
    La sinistra ancora una volta lancia corde in direzione del porco Berlusconi, impedendogli di affondare. Speranza ripete le parole del lurido vecchio e valorizza 9.000.000 milioni come se fossero 45.000.000.
    Sono tutti dei GRAN figli di Piera, compreso gli ultimi ad essersi consacrati, Franceschini e Bindi. Insieme a tutti i politici ci sono altri 9.000.000 milioni di delinquenti che tengono sotto scacco tutti i restanti. Le mafie hanno vinto, lo sporco sud è arrivato totalmente al potere ed i loro pedoni, arrivati ciascuno al posto prestabilito, stanno levandosi la maschera.
    FIGLI DI Piera!

    *** Il commento è stato sottoposto a moderazione. Se l'autore non gradisse la nostra scelta, è pregato di comunicarcelo.

    0



  • 14°
    Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Buona sera a tutti.
    Se proprio c'è bisogno di dirla, diciamola tutta: Beppe Grillo ci ha rotto le scatole!
    Con la sua aria da saccente, mentre spara a squarciagola le sue poco riuscite trovate, l'unica cosa che gli riesce è di far aria attorno. Non ne azzecca una il non raccomandabile Grillo.
    Non riguarda certamente me il suo comportamento (e difatti non mi innervosisce lui), non l'ho votato e mai lo farei. Ma colgo solo il senso di ciò che egli vuole rappresentare, per poter convincermi che, con lui, è arrivato un altro gradasso; un altro che tiene sotto controllo un intero partito. Grillo si sta divertendo a restituire, quasi giornalmente, quella sonora sberla ricevuta dal PD nel 2009. Lo estromisero dalle primarie, alle quali lui, Beppe, voleva partecipare; s'era pure iscritto al PD (ma la tessera fu annullata).
    Un cuore che pulsava a sinistra, tutto d'un tratto, smise. E giurò vendetta. Da quel momento Bersani diventò Gargamella, poi lo zombie, il morto che cammina. Diventò il nemico da agguantare e da attirare in trappole. Certamente da deridere e da far inginocchiare, da far supplicare e da ridergli in faccia, con la grande voglia di sputargli addosso.
    Grillo è un violento d'intenti. Non si fermerà, non lo fermeranno.
    Fosse stato serio, anche se col rancore nel cuore, avrebbe dovuto accettare la temporanea alleanza col PD. Fare le riforme da troppo tempo attese, far fuori il nemico cavaliere, distruggerlo, annientarlo e creare le condizioni per non farlo più risorgere. Fuori uno!
    Intanto gli uomini del suo partito si sarebbero allenati a tenere le redini del potere ed a prendere confidenza con manovre e decreti. Sarebbero circolati liberamente nei corridoi e nelle stanze che contano e, quando si sarebbero sentiti pronti a dare la spallata al PD, sarebbe stato anche facile prendere una montagna di voti, una volta sgominato il PdL per merito loro.
    Dal suo blog (che, neanche a farlo apposta, è anche il blog ufficiale del M5S) rivendica la grande idea e volontà di formare immediatamente  le Commissioni parlamentari, che hanno il compito di esaminare i disegni di legge presentati. Grillo vuol far notare ai cittadini che lui ha a cuore le sue riforme e che tiene a portarle avanti… Da SOLO!
    Se consideriamo che non avere un nuovo governo significa non avere una maggioranza parlamentare, quale sarà la prima azione che dovrà compiere il nuovo Presidente della Repubblica? Sarà proprio quella di sciogliere le Camere ed indire nuove elezioni. Questa eventualità l'ha tenuta presente Grillo, mentre continua a perdere tempo, nella vana speranza di formare le Commissioni parlamentari? Qui si sta rischiando di non avere nemmeno più il Parlamento ed invece Grillo cincischia  Commissioni parlamentari. E poi, se in questi giorni PdL e PD decidessero di dar vita ad un esecutivo, proprio perchè il PD vede che il M5S è detestabilmente cocciuto e recalcitrante, vorrei proprio intuire con quali alleati Beppe Grillo potrà far promuovere a leggi, quei suoi presentati disegni di legge, che le loro "solerti Commissioni parlamentari" hanno così coscienziosamente messo in calendario. Sarebbe in ogni caso una pura perdita di tempo, caro il mio Beppe!
    Quello che Grillo non ha ancora capito, o almeno fa finta di non sapere, è che, una volta formatasi l'onda d'urto PdL+PD+Centro+SeL+Lega Nord, il M5S sarà spazzato via, messo da parte, sarà un pezzente in cerca di ossigeno, perchè mancherà finanche l'aria. E' un peccato per quei giovani nuovi eletti, essere bruciati così, senza un loro visionato demerito, ma solo per una stupida vendetta personale, che il loro capo vuol far passare per astuta mossa politica.
    Ai suoi ragazzi ed al partito ha imposto (per coerenza) non più di due mandati, ma se continua così, credo che non ce la faranno ad arrivare al secondo; saranno mandati là dove a Beppe piace tanto mandare gli altri. I loro elettori non perdoneranno di essere stati lì ad un passo dalla "preda" ed essersela lasciata sfuggire per paranoici calcoli. Da veri incompetenti.
    Ha ragione Bersani; Grillo ha avuto si 8.000.000 milioni di voti, ma ha deciso di tenerli in frigo, al fresco come dei salami da stagionare.
    Quando deciderà che saranno buoni da gustare?!

    0



    • 15°
      Vittorio   Vittorio
         Deceduto R.I.P.

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Buon giorno a tutti.
      Nonostante io abbia una buona considerazione delle mie doti intellettive, con rammarico devo ammettere che non sono ancora riuscito a stabilire il senso di Grillo politico. Eppure dovrebbe essere semplice, specialmente se, come è avvenuto a me, lo si ascolta da una vita. Ma proprio il suo vissuto da bestia di palcoscenico fa di lui il controsenso demagogico.
      Mi limiterò a portare degli esempi, con la speranza e la voglia di non stilare una lista, sarebbe patetico.
      Grillo è risorto con il web. L'ha usato e lo usa con vezzeggiativi tipici degli amanti.
      – "Il web è il futuro". Come dargli torto?! Peccato però, che lui se ne serva al presente, con pubblicità ingannevole, per facilitare alcuni suoi incassi.
      – "La diretta streaming sarà il trait d'union fra noi in Parlamento ed i nostri elettori". Anche questa dichiarazione sfrega parecchio con ciò che avviene realmente.
         L''altro ieri dovevano decidere il piano di comportamento. Non c'è stata diretta streaming, c'è stato un ritiro in massa in un luogo appartato e sconosciuto.
      – "Troppe leggi a favore dei mascalzoni e dei ladri". E' inutile sbraitare, quando infine sei già divenuto utilizzatore dei condoni che quelle leggi ti hanno permesso.
      – "Fuori i delinquenti dal Parlamento". Fantastico Grillo! C'è un particolare che però lo riguarda. Grillo è stato condannato in via definitiva a 14 mesi di carcere per omicidio colposo; pena sospesa e non iscritta. Lui ha dichiarato candidamente che infatti non si candiderà, ma, caso dei casi, in Parlamento può entrarci in qualità di leader del Movimento, tant'è che lo stesso Napolitano è stato "costretto" a riceverlo, per le consultazioni preliminari all'incarico di formare il Governo.
      – "Noi del M5S siamo il nuovo evento". Non è detto però che il nuovo sia migliore del vecchio, specialmente se, come nuovo, non sai combinare alcunchè.
      Giuseppe ha saputo illustrare magnificamente l'illusione che desta il movimento di Grillo (avete visto come vien naturale attribuirgli il possesso del M5S?). In quella loro frenetica volontà di cambiamento è racchiuso il vero inganno. L'unica cosa certa è che è nato l'AntiBerlusconi, ma allo stesso tempo è sorto un altro idolo, che forse è peggio di Berlusconi, perchè ce l'ha contro tutti e la rigidità con la quale esegue e fa eseguire ogni sua decisione o ogni pseudo dictat proveniente dalla base dell'elettorato, porta all'immobilismo concreto. Anche ieri sera se ne è avuta traccia, durante l'occupazione del Senato; ad un certo punto (erano le 22:00), Crimi s'è presentato chiedendo a tutti di lasciare l'aula, poichè gli arrivavano insistentemente segnalazioni che LORO, in quel momento, rappresentavano uno spreco di energia elettrica. E' allucinante! Quei signori del M5S non hanno ben chiaro fin dove loro stessi si possono spingere; hanno il timore costante di far qualcosa che vada contro le loro stesse regole. Si bloccano per questo; sono legati a questo. L'individualità operativa, l'attenzione verso i problemi del momento, dovranno infrangersi contro le loro barriere ideologiche e contro l’imposizione di una disciplina, impartita, selettiva e cieca.
      A volte non bastano i soli partitici propositi, necessitano certe azioni che aiutino ad intuire, che ognuno di loro possieda una Mente Pensante, capace di analisi globale e di rigoroso rispetto delle necessità del Popolo.

      0



Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.