- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 04:20:11 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Non è un significativo ‘punto e a capo’

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 4 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...


Non è un significativo ‘punto e a capo’:
ha ricevuto 8 commenti. La partecipazione di 8 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Claudio II   Claudio II
       Valori: 555 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti e che Dio ci protegga!
    Dopo aver letto qualsiasi articolo di Giuseppe, sembra impossibile intervenire, perchè non si hanno punti di contrarietà, non ci sono punti scoperti. E' stato detto tutto. Il pensiero riesce a prendere forma, come se fosse stato traghettato nel luogo esatto, ove l'azione si svolge.
    Col mio intervento, dunque, vorrei soltanto tentare di rafforzare, in chi già lo prova, quel sentimento di sgomento che pervade chiunque si fermi ad osservare ciò che accade nei negozi, negli uffici, per le strade. Se cercassimo di comparare il nostro elaborato pensiero e la nostra visione della realtà con le parole dei politici, ci verrebbe voglia di sfasciare il mondo, con la speranza di sfasciare anche la loro testa.
    Tutta un'altra cosa, tutto un altro pianeta.
    L'inganno è il fattore di sostentamento di qualsiasi oppressione. Noi siamo sotto attacco e non ce ne accorgiamo. Siamo stati messi in disparte e non ce ne accorgiamo.
    Oppure ci accorgiamo di tutto, ma  ci scopriamo impotenti.
    Siamo le formiche, di un formicaio che sta subendo la violenza di un formichiere. Si continua ad essere operative, mentre ci sono quelle che periscono. E' inutile nascondersi, le protezioni sono nulla contro la voracità di una lingua strisciante e vischiosa. Il formichiere non distrugge mai il formicaio, sarebbe controproducente e stupido; lascia invece che il tempo generi la ripopolazione e che la sua memoria lo riconduca nella zona dove s'è già abbondantemente saziato.
    I nostri politici non sono formichieri.
    I nostri politici sono formiche ingigantite, appartenenti al nostro formicaio.
    Si nutrono, in maniera ingorda, non dei nostri corpi, ma di ciò che noi, povere operaie, siamo capaci di accumulare, magari anche privandoci di qualche piccola tentazione. Ci depredano, ci scaraventano altrove, ci oltraggiano calpestandoci al loro passaggio. Sanno dove devono recarsi, perchè conoscono i nostri depositi. E' facile per loro averla vinta. Hanno un metodo infallibile: Accerchiare solo una zona alla volta.
    Qando sono pronte, attaccano, vincendo, sempre. E noi, pronte a ricominciare, a sudare, a sgambettare.
    Siamo formiche.
    S'est la vie!

    0



  • Elena   Elena
       Valori: 2945 ....... Rango: Veterano

    Buon pomeriggio.
    Ecco la prima notizia che disgraziatamente conferma, che il dominio Napolitano è già in atto: Rapporto Stato-mafia. Distrutte le intercettazioni di Napolitano.
    Qualche giornale, ilGiornale certamente, ha riportato il risultato di un ipotetico sondaggio, che fissa al 55% il gradimento degli italiani a Napolitano Presidente. Io di quei 55 su 100 non ne conosco nemmeno 1, quindi significa che l'opinione divulgata è falsa, che i media creano condizioni false, che il 99% (l'un per cento lo lascio incerto) degli italiani è stufo di quel vecchio comunista inciuciatore perchè, se va bene a Berlusconi, vuol proprio dire che vale meno di una mezza cicca.
    A 87 anni quell'uomo crede ancora alle favole. E' stato subito pronto, egocentrico e megalomane come si ritrova, a dare ascolto alle "suppliche" che gli giungevano da tutte le parti. C'è solo un piccolo particolare di cui non s'è tenuto conto e che lo inchioda alla buffonata commessa. Chi lo ha supplicato?
    Il Popolo certamente no, anzi, il Popolo ha cominciato a manifestare contro la sua decisione, nello stesso momento in cui s'è venuto a sapere che aveva scelto di accettare.
    Non vorrà mica farci credere che ha ritenuto importanti le richieste di accettazione, provenienti dai suoi complici inciuciatori?
    Presidente Napolitano, se lei pensa di essere ancora un cervello acceso, dovrebbe essere così gentile da dover supporre che l'intelligenza non è una grazia concessa ai soli napoletani, ma che anche cà, nisciuno è fesso! Ha capito, si?
    Ora non ci resta che aspettare qualche giorno, per poter constatare a quale livello di bassezza arriveranno i nostri politici.
    Berlusconi s'è già visto posticipare al 13 maggio l'udienza Ruby che era fissata per stamattina. Mese dopo mese di rimandi e controrimandi stanno favorendo l'allontanamento della condanna certa del porco. E' inverosimile come a quell'individuo gli vada sempre tutto bene. La mia non è certamente invidia, me ne guarderei bene visto che, fortunatamente una moralità la posseggo e certamente voglio farla possedere anche a mia figlia. Secondo me è solo colpa di chi lo vota, quegli elettori hanno orecchie, nasi ed occhi ben tappati e chiusi. hanno trovato il loro passatempo-divertimento e della politica e di ciò che ne deriva, se ne strabattono pacificamente.
    Caro Claudio, come non darti ragione?
    Giuseppe è una persona che ispira simpatia ed amicizia, la classica persona che si vuol conoscere, perchè se il suo comportamento è pari al modo concreto, corretto e chiaro con cui esprime i suoi concetti, è certamente anche una persona rispettata ed amata.
    Ciao a tutti.
    Elena

    0



  • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Buon pomeriggio.
    Questa Italia continua a sorprendermi. Negativamente!
    Il PD affonda nelle sue incongruenze, ma la Serracchiani riconquista il Friuli Venezia Giulia, mandando a gambe all'aria il M5S, che alle elezioni politiche di appena due mesi fa, aveva ottenuto un risultato di tutto rispetto. – Gli abitanti di quella regione hanno avuto occasione, di seguire ciò che accadeva nel resto del Paese?
    Massimo D'Alema condanna l'operato del suo 'uomo in avanscoperta', accusandolo di aver deciso una scelta inopportuna per quei momenti e, decidendo, di fatto, di mandare Prodi al massacro. – Ha fatto Outing dei propri peccati.
    Renzi che si dichiara pronto a fondare nuovamente il partito, assumendo da subito l'incarico di segretario. – Ha dato risposta, il rottamatore, su chi ha "tradito" le linee direttive del PD?
    Bindi, dimissionaria, non considera maturo l'Enrichetto nipote del Gianni, per assumere la guida del nascituro governo. – E' molto probabile che Amato sia il suo prescelto. Lo ama! C'è da chiedersi chi mai considererà lei matura, non mi riferisco all'età, visto che comunque si riproporrà, come se la Presidenza da lei guidata, fosse stata la presidenza del 'Cavikonciù'.
    Grillo lamenta che solo il M5S verrà "confinato" all'opposizione, dopo aver compiuto la missione di creare scompiglio tra i partiti. Si difende dietro un rametto d'ulivo della pace, scaricando su Bersani l'intera colpa per non avergli avanzato, esplicitamente, un invito a formare insieme il nuovo Governo. – Non mi risulta che Grillo ed i suoi abbiano così poca faccia tosta, da sentirsi intimoriti e trattenuti dal farne diretta richiesta. Sempre se veramente volevano quel risultato.
    La Lega di Maroni si avvicina a Casini. – Non importa se sfruttano il nemico Monti.
    Il PdL è tutto contento, per aver avuto l'opportunità di rivedere, finalmente, sorridente e giulivo il suo "imperatore. – Ah, quanto sono importanti le garanzie, specialmente quelle sulla vita giudiziaria dell'innominabile! Per tutti gli altri del PdL è importante la certezza di esserci, di contare e di avere.
    Il Presidente Napolitano è andato in Parlamento; il giuramento lo attendeva. "Giuro di essere fedele alla Repubblica e di osservarne lealmente la Costituzione".
    Ma come, lo stesso giuramento di sette anni fa? Napolitano non è stato fedele alla Repubblica italiana, forse, a quella delle banane, non so. Napolitano non ha osservato lealmente la Costituzione. Ha visto il Popolo piangere e disperarsi e lui ha continuato ottime relazioni con chiunque lo inciuciasse. Perchè dovremmo credere, che manterrà fede a quest'altro giuramento?
    Difatti, non ci credo! E ciò che non me lo fa credere, è proprio il suo discorso, composto da parole che richiamano il suo personalissimo concetto della morale politica; ogni singolo, libero ed onorato eletto, per far piacere al 're Giorgio', dovrà ricordarsi di sorridere, inchinarsi con rispetto e lusingare le insignificanti proposte presentate dal qualsiasi suo nemico politico, se questi fa parte degli inciuciatori. Tutti i cittadini, compresi gli inetti di destra non ancora completamente rincicitrulliti, sanno perchè il porco mostrava piena soddisfazione; ha persino ordinato alle sue fedelissime ancelle, di cambiare il destinatario dell'inno a lui dedicato. In quel momento doveva essere "Meno male che Giorgio c'è!".
    Applaudivano ieri i deficitari esponenti, coagulati in una sacca intestinale che presto li vedrà evacuati. Giorgio li bacchettava, e loro su, con applausi. Giorgio li maltrattava. E su, altri applausi. Elencava i vigliacchi passi compiuti e quanto schifosa fosse stata considerata la legge Porcellum. Ed ancora applausi. Giorgio lo diceva apertamente che stava accusando loro, suoi discepoli-scolari, di essere stati sordi e sterili, costringendolo così, a riprendere anche in quella occasione l'indottrinamento della sua grande verità, quella di un politico che ha la più lunga e continuativa responsabilità (dopo Andreotti): Le larghe intese non sono orroreLe missioni militari sono uno strumento di pace.
    Ecco, a me bastano queste due osservazioni per concludere che il nostro Presidente è un colluso con la politica di sempre, perchè se un quasi novantenne non riesce a determinare i ruoli che obbligano a scelte di onestà, eliminando costantemente le scelte di convenienza, non si può certo definire un uomo corretto. Egli ha drammaticamente offeso valori e privilegi, acquisiti col credere fermamente in un'Ideale. Egli confonde l'onestà di veduta che porta alla condivisione, con l'ammucchiata a tutti i costi. Egli non rispetta democraticamente i confini degli Stati esteri, e mente riguardo ai benefici che apportano i contingenti militari, specialmente quando vengono ritenuti invasori. Lui è stato un figlio allevato e cresciuto con i benefici prodotti dal sangue degli eroi sbarcati in Normandia, uomo che ha cancellato il suo passato, trasformandolo in una indefinita maschera, inizialmente volta al fascismo, altre volte al comunismo ed ultimamente al liberalismo, dunque, senza fondati ideali se non quelli del miglior vivere.
    Cosa ha fatto, Napolitano,quando vedeva il Popolo italiano costretto alla fame ed oppresso da una politica corrotta e deturpante?
    Perchè non ha sciolto quel cesso di Parlamento quando si rendeva conto da chi e perchè veniva frequentato?
    Lui considera eletto democraticamente il cittadino che io definisco 'innominabile'.
    Puàh… Democraticamente! Non mi faccia ridere il vecchio Napolitano, non ho voglia delle sue insipide battute.
    I punti di programma che qualsiasi governo dovrebbe immediatamente affrontare, sono proprio quelli elencati nel programma di quel debosciato di Grillo, senza dover aspettare che dieci supposti saggi, lavorino notte e giorno, per 10 giorni, e presentare infine semplici scarabocchi, frutto di interpretazioni di vita sociale.
    Quei 'punti' oggi sarebbero già in discussione, se il comico Grillo avesse saputo rinunciare in tempo alla sua personale, stupida lotta.
    No. Napolitano non può essere e mai sarà il mio Presidente!

    Grazie, Claudio.
    Grazie, Elena.

    0



  • Daniela   Daniela
       Valori: 315 ....... Rango: Esordiente

    Buon pomeriggio a tutti.
    Dopo aver assistito alla teatralità di Napolitano e delle sue comparse (botte a voi appalusi a me, colpevoli voi più colpevole io), oggi siamo passati all'anteprima del tormento.
    Il suo nome è Enrico Letta, vice segretario del PD, ma già macchiato da dimissioni, con Bersani e con tutto lo staff dirigente. Certamente qualcuno doveva raccogliere l'incarico che Napolitano stava buttando a terra, pronto a metterlo sotto i piedi. Chi meglio di un fallito fresco fresco?
    In un'intervista rilasciata l'anno scorso, ebbe a dire: "Preferisco che i voti vadano al Pdl, piuttosto che disperdersi verso Grillo".
    Riusciamo persino a comprendere la sua dichiarazione di allora, se consideriamo che Gianni Letta, l'ombra nera nera del nero Berlusconi, è suo zio.
    Siamo in piena attività di inciucio, quindi uno più uno meno, forse farà meno schifo. Va bene che Amato è stato tenuto lontano da palazzo Chigi per l'aut-aut della Lega (anche se tale richiesta mi sembra eccessivamente presuntuosa e fatta magnificamente ad hoc per lasciare il posto libero al nipotino), ma di personalità con più esperienza e maggiore carismo, credo che, sotto le macerie del PD, ce ne siano rimaste! Lo stesso Renzi, che aveva staccato il biglietto Firenze-Roma di sola andata, s'è lasciato sfuggire un'imprecazione quando gli hanno comunicato che poteva tornarsene a casa: "Maledetti grulli, potevano dirmelo che non se ne faceva più nulla, non sarei venuto, o quantomeno avrei fatto andata-ritorno, mi sarebbe costato meno". Chi gliel'ha fatta, s'è levato il sassolino dalla scarpa!
    Comunque, chi sta veramente al settimo cielo è nientemeno che…. il demonio in persona. Sta ottenendo tutto ciò che voleva e vuole, ora anche il pieno controllo del governo, visto che resta tutto in famiglia. E si, perchè se Enrico sarà il capo, Gianni gli starà subito dietro, ma solo apparentemente, perchè in pratica Giannino il nero nero farà sia da zio che da padrone. Come a dire che tutto ritorna in casa Berlusconi.
    Anch'io stavolta, come ha già fatto Giuseppe, mi sento di ringraziare tanto Grillo. Ha avuto un'occasione d'oro con quel deprimente Bersani ed entrambi se la sono lasciata scappare.
    Quello che non capisco è cosa faranno gli uomini di sinistra. Chi dovrebbe esser nominato ministro? Nessuno ha avuto l'ardire  e la lealtà di ammettere di esser stato lui a votare no a Prodi. Tra quei 101 traditori (e non son pochi) forse ci capiterà di averne qualcuno che verrà scelto per la formazione del nuovo governo. Ve lo immaginate? Un governo traditore già in partenza, proprio come il Presidente traditore.
    Cosa faranno Bersani e la Bindi? Spero non trovino il coraggio di ripresentarsi, sarebbe vergognosamente inaccettabile, dopo tutto il disastro che hanno combinato!
    Enrico Letta comunque, non ha mai speso un giorno a gestire qualcosa, neanche la sua agenda Dove troverà la capacità e l'esperienza necessaria, per affrontare i gravosi problemi dell'Italia?
    Sono problemi che farebbero tremare le gambe ad un "ferrato" statista.
    Poi vengono a dire che Napolitano è un Presidente eccezionale. Invece è' un Presidente con le mozzarelle sugli occhi ed il latte nel cervello. Come ha fatto a scegliere l'uomo che ha scelto? E' come se fosse scoppiata la terza guerra mondiale e lui abbia promosso a generale il trombettiere del reggimento.
    Ma mi faccia il piacere, avrebbe detto, ridendo, Totò!
    Ricordalo, Napolitano, sei una persona indegna ed inetta e sei stato eletto da un Parlamento maledettamente fetente.
    Abbasso questa Repubblica, rappresentata da uomini senza onore!

    0



  • Giovanna   Giovanna
       Valori: 390 ....... Rango: Esordiente

    Buona sera a tutti.
    Anche se sta nel lontano Texas, il caimano riesce ad essere costantemente presente in Italia. Infatti, le sue incessanti direttive, che impartisce al PdL, ai suoi media ed a tutti gli inciuciati politici, continuano ad arrivare, come se non si fosse mai allontanato.
    Chissà se anche lì fa attendere gli ospiti, occupato come è con le sue conversazioni. Dicono sia l'unica personalità italiana ad essere stata invitata. Speriamo lo trattengano a lungo, anche se, purtroppo, non ci credo. S'è portato dietro la sua fidanzata; forse ha voluto farla notare a Michelle Obama, altrimenti quella signora non gli avrebbe permesso di avvicinarsi.
    "Why, my darling President, hai invitatto ancoura il vecquio pourcou meniaco e naino italienou?". "Non ti preocqupa're Mich, ti ho compraeto un paiou di guenti, you indossalei p'rima di da're a lui tua mano pe'r saluto".
    Stiamo assistendo a qualcosa di veramente triste e penoso. Il PD è il primo partito eletto, ma chi comanda è sempre Berlusconi. Come farà Enrico Letta a prendere sonno la sera? Fossi stata al suo posto, anzitutto avrei rifiutato quello strano incarico ed in secondo luogo, mai avrei accettato di fare un governo col mio nemico; ma badate bene, Berlusconi non è il mio nemico politico e basta, Berlusconi è il mio nemico nella società, nella mia vita, nei miei affari. Ecco perchè non lo vorrei nemmeno seduto al tavolo dove son seduta io.
    Napolitano ha imposto la formula del governo delle larghe intese, evidentemente lui c'è abituato ad allargare il suo campo d'azione, ma vedrete che saranno gli stessi pidiellini a non mantenere fede alla promessa fatta. Vogliono ottenere il massimo e solo per certe cose; quando tutti gli altri si accorgeranno che non si potrà combinare nulla, vedrete che si rifarà avanti la possibilità con il M5S. E' una piccola speranza, ma la sto colptivando con una certa ansia.
    Nel frattempo è già sorto il primo battibecco per la questione IMU. Toglierla o non toglierla? Monti intanto l'ha fissata, così, prima di cedere il passo, ha ben pensato di fare qualche rumorino.
    Nel PD ci sono rimasti ancora dei vecchi signori che, per fortuna hanno ancora a cuore l'idea della sinistra. Chi si è allontanato e sta godendo a lungo, guadagnandoci una considerevole cifra (Napolitano non s'è mica ridotto lo stipendio!), ha dimenticato cosa significa "sentire" qualcosa.
    Invece, ciò che io sento, è che il vecchio non durerà a lungo. Vedrete che, quanto prima possibile, lo osserveremo scendere definitivamente le scale.
    Cara signora Clio, ti consiglio di non svuotare gli scatoloni, perchè stavolta il trasloco non sarà rimandato.
    Ciao ciao, mister President!

    0



  • Emanuele   Emanuele
       Valori: 580 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    La spigliatezza non è certo una dote mancante in Enrico Letta. Però, se essa viene espressa anche con troppa sicurezza e con ingenuità,diventa pari alla spudoratezza.
    Non intendo "assalire" a tutti i costi il nuovo Presidente del Consiglio. Esprimo semplicemente il concetto che, se la spigliatezza viene messa a disposizione degli affetti naturali che conducono direttamente agli accordi innaturali, si innesca un processo che rende drammatico ed inaccettabile il rinnovamento ed il ringiovanimento della Repubblica.
    Non so se lo sapevate, ma pare che, a presiedere la convenzione per le riforme istituzionali, possa essere Silvio Berlusconi.
    Il lupo si ripresenta, quieto quieto, in tutta segretezza, per non creare quel rumore che, inevitabilmente, si amplierebbe. A me pare anche logico.
    Se hanno inciuciato per responsabilità, per quale oscuro moticvo è stato promesso a Berlusconi l'affidamento di una così importante presidenza? Non era stato detto che i vecchi politici dovevano restar fuori da funzioni rilevanti? Fra l'altro il PdL ha ottenuto che fosse Gaetano Quagliariello ad occupare il ministero delle Riforme istituzionali. Due ruoli cruciali per due vecchi "giocatori" che spingeranno il pallone verso una sola rete! Come faranno a creare l'equità di controllo?
    Berlusconi non mi sembra un giovane politico, allora perchè il giovane Letta ha accolto questa pretesa? Suo zio Gianni centra qualcosa? Hanno ben organizzato le date degli impegni istituzionali per farli coincidere con le date dei processi in corso?
    Sempre che non venga fuori qualche novità dalla neo ministro Cancellieri.
    Perchè è stata scelta lei, quando, in verità, la signora Paola Severino, già titolare di quel ministero, ha ampliamente dimostrato coerenza, capacità ed efficacia del ruolo svolto?

    0



  • Donato   Donato
       Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

    Buon pomeriggio.
    L'inciucio è sempre inciucio, non è che cambia se lo si trama in momenti critici.
    E poi. Perchè meravigliarsi di Berlusconi, se resta ben saldo alla direzione occulta dell'Italia?
    Bene faremmo, a meravigliarci di noi stessi, o quantomeno, del popolo italiano, che lo vuole, lo adora ed oggi l'ha fatto arrivare a sfiorare il 32% dei consensi.
    Qui le ipotesi sono tante e tutte bislacche. A cominciare dal comportamento di Bersani. Molto strano quel suo insistere senza mai cedere. Molto strano nel non aver capito che doveva chinarsi a Grillo. E' stata una combutta per avvantaggiare l'ipotesi di inciucio?
    Cosa dire di Grillo? Perchè non ha dato apertamente appoggio al PD, solo temporaneo, per eliminare il caimano dalla scena politica? Era lui forse, ad essere d'accordo col cavaliere?
    Per non parlare di un vecchio presidente che detta legge, come se già avesse in mano l'articolo della Costituzione che lo autorizza a fare del presidenzialismo.
    E' forse una congiura di tutti i plitici per cercare di mantenerci calmi e fregari ancora?
    La stranezza è SeL. Proprio così, è strano ciò che è successo a Vendola, o meglio, al tiro mancino giocato a Vendola da parte del PD. Sono stati eletti con la coalizione e per la coalizione, ma sono dovuti restarne fuori, quasi senza nemmeno essere stati invitati. Senza spiegazioni, senza ragioni.
    ​E pensare che c'è qualcuno, che vuol continuare ad illudersi sul conto del giovane Letta. Come se egli fosse riuscito in tre giorni tre, a fare qualcosa di coerente e di responsabile. Non dimentichiamoci della frase famosa, rilasciata l'anno scorso e che giustamente Daniela ha riportato ben evidenziata.
    Enrico Letta è un altro di quelli, che se non fosse stato legato alla sinistra da quando portava i calzoncini corti e se qualcuno a sinistra non avesse ritenuto interessante di dargli la sproporzionata importanza, ma vi pare che Letta avesse già dimostrato di valere la vice segreteria del PD?
    Poveri noi, inciuciati a forza!

    0



  • Maurizio   Maurizio
       Valori: 760 ....... Rango: User

    A rigor di logica direi che Napolitano non può arrogarsi il diritto di essere lui, in qualità di presidente, a determinare quali debbano essere i legami e gli accordi che i partiti politici stringono tra loro o, addirittura, a costringere il suo alfiere (Letta), a prendere decisioni sotto sua imposizione.
    Gli ultimi interventi e gli ultimi suoi discorsi mirano invece proprio a queste inconsuetudini e sforamenti di ruolo.
    Che sia Napolitano a non prevedere altre coalizioni di governo, all'infuori dell'attuale, eliminando quindi l'eventualità di partecipazione del M5S, mi sembra una forzatura delle condizioni e dele opinioni, degna di un regime comunista. Napolitano è tornato a fare il comunista, ecco perchè si trova magnificamente bene e d'accordo col caimano. Quest'ultimo infatti, pur dichiarando peste e corna per i suoi "nemici acerrimi", contraddice, come è suo solito, le sue stesse parole, accostandosi sempre più con persone, che definire dittatori comunisti è comunuqe far loro un complimento.
    Esempio sono Putin e Nazarbayev, ritenuti a tutti gli effetti i suoi amici più vicini, insieme a Blair ed altri che hanno, nel frattempo, perso molto della loro popolarità. E sono amici a dir poco strani, perchè con loro si sono rivelati esserci intrecci d'affari, per lo più sporchi ed affari di donne, di orge e di porcherie varie, ma pur sempre con meretrici, escort, puttane o che dir si voglia.
    Uomini vecchi, mentalmente sporchi e depravati al punto giusto. Anche Putin non ce la faceva più ed ha deciso di piantare la moglie, alla vecchiaia.Che dire? Il comunista Napolitano però sta durando con la signora Clio. O no?
    Avete sentito o letto di come i partiti siano tornati all'attacco sulla questione del finanziamento pubblici? E' sempre la solita porcheria.
    Ha ragione Benigni. L'anno scorso avevamo un governo che non rappresentava la volontà popolare… Quast'ultima volta invece…

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.