- In questo periodo la moderazione è affidata ad: Alessandro, da Albenga (SV)

Sono le ore 01:19:56 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Sfiducia o Fiducia? No, solo sporco mercato!

Da un paio d'ore, alla Camera dei Deputati, si è conclusa la votazione che interessava il voto alla mozione di Sfiducia ...
asini-abbeveratoio

Da un paio d'ore, alla Camera dei Deputati, si è conclusa la votazione che interessava il voto alla mozione di Sfiducia.
314 - Contrari
311 - Favorevoli
2 - Astenuti (cosa stanno a farci quei 2 coglixxx nel Parlamento, se non sanno con chi stare?)
Ma presto lo scopriremo!

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 4 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...

Sfiducia o Fiducia? No, solo sporco mercato!:
ha ricevuto 37 commenti. La partecipazione di 21 utenti rende l'argomento molto interessante.

  • Donato   Donato
       Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

    Buon pomeriggio.
    Oggi abbiamo assistito alla rappresentazione di come il malefico per eccellenza si muove.
    Berlusconi oggi doveva crollare e con lui i suoi Filistei. Non perchè lui fosse Sansone, anzi, è di tutt’altra natura quell’essere e lontano dal bene, ma semplicemente perchè era stata trovata la forza unitaria per farlo cadere.
    Come però accade, la storia lo insegna, la potenza e la forza amica spesso trovano il loro tallone d’Achille tra i deboli e vigliacchi compagni.
    Uomini come Scilipoti, incapaci cioè di profferire parole con senso e significato, ignorante fino all’osso e brutto nell’aspetto (ricorda molto lo storpio Efialte, traditore anch’esso), non dovrebbero MAI essere “alzati” a ruoli di onorevoli. Dici bene Giuseppe, quando vorresti potergli infliggere la punizione morale dello sputo giornaliero. Io aggiungo però, che è più facile che il tuo sputo faccia in tempo a prosciugarsi, anziché rendere offesa a quel verme.

    0



  • Mario   Mario
       Valori: 435 ....... Rango: User

    Felice di potermi unire a voi proprio in questo giorno. Il mio nome è Mario.
    Non dobbiamo perderci d’animo. Ormai gli eventi ci hanno abituati a tenere duro. Il quadro che si prospetta da oggi, rende la situazione politica estremamente non delineata, ma proprio per questo, altamente in bilico, dunque con questa pseudo maggioranza facilmente aggredibile da parte dell’opposizione.
    Da quando Berlusconi governa, non si era mai verificata una simile condizione. Ora dobbiamo cercare di essere ancora più duri, convincenti, pressanti. Ultimamente Bersani ha detto che un Berlusconi bis lo porterà ad una doppia concentrazione d’opposizione. Facciamogli passare per buona quella frase, anche se sappiamo che è infelice. In queste ultime due occasioni, sabato scorso a San Giovanni ed oggi in Parlamento, ha detto parole sagge e con dei significati che finalmente riaccendono lo spirito, non dobbiamo essere noi a “frenare” proprio ora. Vedrete che avremo molte soddisfazioni e chissà che non arrivi anche il momento del nostro lancio di monetine a decretare finita l’epoca berlusconiana.
    Mario

    0



  • Sebastiano   Sebastiano
       Valori: 275 ....... Rango: Esordiente

    I traditori dovrebbero essere marchiati a vita.
    Sono le persone più detestabili. Sono degne di essere prese a calci in cxxx fino a sderenarle del tutto, altro che semplicemente sputate in faccia. Lo so che faccio male a parlare così duro, ma se penso al tempo che ancora perderemo per rincorrere i problemi del disgustoso Silvio, mi viene una tale rabbia che non potete immaginare.

    0



  • Ivan   Ivan
       Valori: 485 ....... Rango: User

    Salute a tutti.
    Oggi mi è andato tutto di traverso, non sono riuscito a concludere un accidenti e son dovuto tornare a casa.
    Se solo riuscissi a trovarmi faccia a faccia con quei traditori delinquenti, non esiterei a prenderli a ceffoni. Mi auguro che il loro diavolo sia soddisfatto di tutte le porcherie che hanno combinato finora sulla terra e che venga a prenderseli al più presto.

    0



  • Maurizio   Maurizio
       Valori: 760 ....... Rango: User

    Buona sera.
    Provo sgomento per quel che è accaduto ancora.
    Oggi non doveva finire così; siamo davvero diventati lo zimbello mondiale. Quello stramaledetto mezzo uomo continuerà a prendersi gioco di noi. Riesco persino ad immaginare i suoi ghigni, la sua profonda maligna gioia. I maiali che prima pensavano di arrivare ad un numero di voti, tali da garantire loro il futuro, per domani avevano anche previsto una votazione per l’emergenza di Napoli. Appena saputo l’esatto esito numerico della votazione, si sono immediatamente prodigati per rimandarla ad altra data, come se l’EMERGENZA non fosse più tale. Maledetti sciacalli!
    Adesso si che spero che tutti gli oppositori si mettano insieme, tutti, per me và bene. Ha ragione Di Pietro. Quei porci bisogna mandarli a casa al più presto, altrimenti con loro in circolazione, tutta le democrazia italiana è a repentaglio.

    0



  • Avatar   Giancarlo
       Rango: Ospite

    Lo dicevamo un pò tutti di aver concesso troppo tempo al caimano. Dovevamo pretendere che, subito dopo la legge finanziaria, si andasse in Parlamento per risolvere la questione della fiducia. Altro che Parlamento chiuso per ferie!
    Ancora una volta ci siamo lasciati abbindolare, ma il peggio è che sappiamo di che pasta è fatto quel malvagio. Infatti le ferie adesso lui le ha date a noi. Cerchiamo di imparare che quello è un serpente, non gli si può concedere tenerezze umane, perchè lui, dopo, ti addenterebbe comunque.
    Bisogna invece continuare a darli in testa, anche quando sembra già morto. E’ una bestia, non c’è altro da dire!

    0



  • Avatar   Micky
       Rango: Ospite

    Cerco di limitarmi ad osservare e ragionare, conoscendo un pò i personaggi in campo. Certamente sono constatazioni amare, ma più ci penso più mi convinco che è già iniziato l’acchiappa acchiappa, anche guardando i vari Sallusti di turno come stanno lisciando il pelo all’UDC.
    Il nano ha bisogno di allargare la maggioranza, non può certo governare così e al contempo imbarcando Casini ottiene il vantaggio di accontentare il Vaticano dopo le freddure che ci sono state nei mesi passati, togliere un possibile alleato al PD e anche far fuori Fini che a quel punto resterebbe isolato non potendo egli, a differenza di Casini, certo finire col PD.
    Casini per parte sua ha perso la cassaforte elettorale siciliana, in Sicilia non ha più nessuno, se perde anche l’appoggio del Vaticano è finito, dunque volente o nolente dovrà entrare.

    0



  • Avatar   Renato
       Rango: Ospite

    E’ partita dai media berlusconiani la grande operazione corteggiamento dell’UDC, col prezioso supporto delle gerarchie ecclesiastiche.
    Sallusti sottolineava come oggi hanno perso quelli che volevano saccheggiare il Parlamento, cioè Fini,Di Pietro e Bersani, dimenticando volutamente di menzionare anche Casini.
    Io sono certo che Casini andrà con Berlusconi, sia per non perdere altri parlamentari dopo che già Berlusconi gli ha saccheggiato il partito in Sicilia, sia perchè è dura per lui dire di no al Vaticano.

    0



  • Avatar   Ernesto
       Rango: Ospite

    Oggi i finiani si sono battuti con coraggio! Tutti noi siamo circondati da gentaglia e un certo numero di mexxx sono finite anche intorno a Fini. Peccato solo che Bocchino si sia fatto scappare una delle sue debolezze con quella sua incontinenza verbale che ogni tanto lo affligge, quando ha detto di stimare Moffa. Bastava che dicesse solo: “rispetto la sua decisione”. che caxxx c’è da stimarlo tanto? Ma gli avete visto quella faccia di cera culesca che si ritrova? Andiamo sù, un viscido così non poteva fare altrimenti! Da mesi fa la colomba e svolazza intorno al premier con il rametto di ulivo nel becco. . Penoso, lo rivedo ancora cantare quella canzone del pdl in sala registrazione. A lui basta poco per essere contento. Un pezzetto di carta, con tanti zeri finali!

    0



  • 10°
    mariocesta   mariocesta
       Valori: 2010 ....... Rango: Veterano

    Caro Giuseppe, cari tutti.
    Forse non riuscirete ad intuire quanta amarezza ho provato oggi. L’uomo che ho da sempre osannato, ma che è divenuto ora la mia ossessione da controbattere, ha prevalso ancora. Più lui vince, più s’alza l’asticella della mia repulsione per lui. E’ questione di cuore, il mio ovviamente; lui di cuore non ne ha. Lui ha fatto delle scelte che molto tempo fà lo hanno allontanato dalla normale sensibilità umana. E’ diventato una macchina da guerra, e l’esplosivo che utilizza, è la infinita riserva d’odio, che non disdegna di usare verso chiunque lo ostacoli.
    Saranno tempi duri per Fini, più di chiunque altro oppositore. Forse lo costringerà a rimanere solo con qualche amico fidato, ma sono certo che, se il malefico caimano dovesse restare a capo del governo ancora per molto, avrà il tempo di veder realizzato anche questo ignobile suo desiderio.
    Traditore è colui che, immettendosi in casa tua con false lusinghe, si nutre e si pasce delle tue fatiche ed alla fine dà fuoco al tuo granaio. Berlusconi ci ha lusingati con le sue false promesse di equità sociale e di sgravio fiscale, ci ha derubati di miliardi di euro ed ora vuole affogare l’economia italiana.
    Il traditore sei tu, maiale!

    0



  • 11°
    Sergio   Sergio
       Radiato dal Blog

    Buona sera.
    Carissimi amici, come temevamo il nano è, ancora una volta, riuscito nell’impresa, un mese fà inimmaginabile, di salvarsi e mantenere il potere. Ma noi non dobbiamo abbatterci troppo, non dobbiamo intristirci rischiando di riporre le armi e le speranze; il drago è durissimo da abbattere, ma, sono certo, la nostra società ci riuscirà con grande soddisfazione. Dobbiamo pensare che il nano solo pochi mesi fà aveva 100 deputati di maggioranza ed ora si salva solo grazie a 3 miserabili.
    Dobbiamo essere consapevoli che il frutto più difficoltoso da cogliere è anche il più saporito e sostanzioso….il drago sarà abbattuto, e quando accadrà assicuriamoci che non arrivi un altro baffino che lo possa rimettere in sella.
    Coraggio ed avanti (c’è sempre qualcosa di peggiore)
    Sergio

    0



    • 17°
      Federico   Federico
         Valori: 520 ....... Rango: User

         In risposta a: Sergio

      Caro Sergio, mi riesce davvero difficile mantenere la tua stessa fermezza e continuità di veduta.
      Io accuso quel che ormai è certo. Tutti quelli favorevoli alla sfiducia, hanno stupidamente concesso un periodo troppo lungo prima di arrivare al voto, senza tenere conto che bisognava battere il ferro mentre era caldo.
      A mio avviso questo vuol dire solo una cosa: Non sapevano neanche loro che pesci prendere e di chi realmente fidarsi.
      Gli stessi accordi tra Fini e Casini hanno traballato, quando s’è venuto a sapere che Bocchino era stato dal caimano. Non fidarsi l’uno dell’altro la dice lunga, ma determina quanta pochezza ci sia in fatto di penetrabilità dell’azione congiunta.
      Aver dato libera divulgazione a notizie di tradimenti, ha fatto si che il tradimento divenisse prassi comune, già avallata da comprensioni per il cambiamento del fronte. Hanno lasciato apparire il tradimento già anticipato, come l’atto di chi ripensa davvero per il bene del Paese. Che errore madornale!

      0



  • 12°
    Avatar   Iannozzi Giuseppe
       Rango: Ospite

    Non mi aspettavo niente di diverso, questo perché la sinistra di fatto non c’è. Non illudiamoci che i comunisti coi milioni in tasca facciano l’interesse del popolo: Orwell e la sua fattoria degli animali insegna, purtroppo una accusa la sua oggi più che mai attuale. Se la sinistra poi pensava di buttar giù Berlusconi grazie a Fini, be’, è stata a dir poco ingenua, ma evidentemente non aveva altre carte da giocare. Il risultato non mi sorprende, Berlusconi ha sempre ottenuto tutto nel corso degli anni e questa volta non è stato diverso: in fondo si è trattato di portare un po’ di parlamentari dalla sua parte, qualche colomba!!! Abbiamo a destra e a sinistra e al centro politicanti che cambiano bandiera ogni ora, manco le prostitute che lo fanno per professione cambiano partner così alla svelta. E’ questo il vero guaio della politica italiana.

    Il guaio lo si è combinato quando gli italiani hanno votato Berlusconi dopo la caduta del governo Prodi. Adesso Napolitano gli dice di allargare il governo. Un capo dello Stato che vale meno d’un burattino. La mente e il burattinaio sono Berlusconi. Napolitano conta meno di niente e non ha potere, lo abbiamo visto tutti in questi ultimi mesi. Tre anni ancora di governo Berlusconi, o una dittatura non dissimile da quella di Mussolini: il passo dalla finta democrazia di oggi alla dittatura dichiarata è breve, troppo breve. C’è dunque di che aver paura. Molta.

    0



    • 14°
      Avatar   Girolamo
         Rango: Ospite

         In risposta a: Iannozzi Giuseppe

      Giusta e corretta analisi, diciamo al 70%.
      Nei confronti del presidente Napolitano sarebbe opportuno non essere altalenanti con le conclusioni. Non conosco le tue precedenti, caro Iannozzi Giuseppe, ma Napolitano ha dimostrato nel corso degli ultimi anni, di essere davvero la roccaforte inespugnabile per il caimano conquistatore.
      Se dovessimo perdere anche lui, sarebbe una catastrofe per l’Italia intera.
      Dicevo il 70% poichè non ritengo superfluo l’accaduto “Fini”. Senza di lui non avremmo avuto nessuna possibilità di un benchè minimo scatto o riscatto o rincorsa. Abbiamo almeno sognato per qualche giorno e forse il sogno non è del tutto svanito. Certo, tutto dipende ora da Casini, dalla sua lealtà alle dichiarazioni precedenti il voto. Ma Casini sà anche che, dovesse tornare con il nano, anche per lui sarebbe finita. Tornerebbe ad essere inghiottito da “colui che tutto può”, riducendosi a speed-bag per i colpi diretti della Lega Nord.
      Non è finita così, quasi percepisco che in fondo in fondo c’è ancora la scritta “continua…”.

      0



  • 13°
    Avatar   giacomo
       Rango: Ospite

    E’ tutto nelle mani di Casini.
    Casini può decidere di entrare in maggioranza e togliersi di torno un concorrente che comunque per lui è scomodo, cioè Fini.
    Oppure può essere riconoscente dato che FLI ha determinato questa situazione in suo favore.
    Ho letto su qualche agenzia che dall’UDC è stato valutato l’allargamente, ma che oltre l’UDC dovrebbe comprendere ALTRI.
    Ora, non so voi, ma questo ALTRI mi sa tanto stia a indicare una volontà a non voler abbandonare FLI al suo destino, salvo ripensamenti opportunistici.
    Certo che se terzo polo sarà, il leader è Casini, Fini ragazzi purtroppo si è bruciato.
    Può sempre aspirare a fare il ministro degli esteri, ministero più che dignitoso. Anzi, molto importante di questi tempi.
    Questo se Casini si dimostrerà più corretto che ambizioso, se prevarrà l’ambizione sulla correttezza allora caro Gianfranco sei fottxxx, mi dispiace davvero.
    Moriremo democristiani.

    0



  • 15°
    Renata   Renata
       Valori: 525 ....... Rango: User

    Sono contenta di essere con voi, io sono Renata.
    Ho gradito iscrivermi, perchè questo è un Blog “sano”. Complimenti a tutti!
    Gli avvenimenti di ieri ci hanno regalato momenti di viva partecipazione. Speravamo nel “miracolo”. Non s’è verificato del tutto, ma lo scossone il Berlusca lo ha ricevuto, non credo che anche per lui tutto potrà essere come prima.
    Oddio, forse l’accaduto lo farà divenire più prudente e pungente, ma almeno ha saputo che anche il 50% del Parlamento non è con lui. Non è più il padrone incontrastato.
    Fini ha fatto quel che doveva fare, onore al merito. Ora credo debba toccare al popolo far sentire davvero la voce e, se lo spettro delle elezioni è stato allontanato, allora sono gli elettori che devono presentare il conto.
    Forza italiani, non disperiamo, non perdiamoci d’animo. Il passo in avanti è stato già fatto, ora è solo questione di non fermarsi con le indecisioni, ma bisogna continuare a pressare.
    Renata

    0



    • 19°
      Clelia   Clelia
         Valori: 285 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Renata

      Benvenuta tra noi cara Renata. Sono contenta che un’altra donna si sia unita a noi.
      Ieri ho visto anch’io il premier turbato e teso. Di Pietro gli ha dato il benservito alla sua maniera; ne aveva tutti i diritti, visto che gli ha sottratto anche due parlamentari. Comprandoli ovviamente, la sola cosa che il caimano sappia fare. Certo anche per Fini non è stata una bella esperienza constatare che una sua “donna” abbia preferito il distacco da lui, piuttosto che la competizione contro il Compratore.
      La scelta del domani sarà invece difficile per Casini. Quello che aspettava di fare da un momento all’altro, prima del voto alla sfiducia, credo che gli verrà proposto dal PdL. Non sarà una scelta dai risvolti politici facili, poichè è lecito supporre, che il vero tradimento arriverà proprio dall’UdC. Ed il popolo italiano non dimenticherà!
      Rutelli inesistente ed inconsistente; PD fermo al palo e con una politica paralizzata, IdV occupata a ricucire i tagli e le ferite inferte. Ora seguirà un periodo di relativa calma.
      Tutto riprenderà, quando il caimano sarà sicuro di aver compiuto gli utili acquisti, necessari a riconoscerlo ancora nelle vesti di Sovrano del Parlamento. Povera Italia!

      0



  • 16°
    Avatar   Laura
       Rango: Ospite

    Ho assistito alla trasmissione su La7 con ospite al telefono SCILIPOTI . Ero sconvolta, non credevo che nell’IDV ci fossero elementi del genere. In studio ridevano tutti! Vergognoso! Auguro a Di Pietro, che sappia trovare le vere e giuste parole per gestire la figuraccia e gli auguro soprattutto di saper togliere di mezzo certa gente.
    Apprezzo chi ha saputo fare autocritica. Non mi è piaciuto l’immediato scambio di confidenze tra il nano e Casini, subito alla fine della votazione.

    0



  • 18°
    Avatar   Enzo
       Rango: Ospite

    Non serve accusare Di Pietro o i suoi parlamentari. Non serve scandalizzarsi solo oggi, per quello che avviene da molti anni, bisogna continuare a scandalizzarsi
    Il sistema proporzionale si basava sui voltagabbana.
    La verità è che a molti non interessa rimuovere i problemi che stanno alla base della corruzione, a molti interessa solo abbattere il nano!
    Bene, dopo 16 anni, anche un asino avrebbe imparato la lezione, invece si continua solo ad ingoiare rospi, senza cercare mai una strategia diversa.
    Noi viviamo in un Paese dove le “regole” sono fatte su misura di chi delinque.
    Queste “regole” hanno permesso ad Andreotti, Berlusconi, Craxi, D’Alema, Prodi, di governare l’Italia;
    alla fam. Agnelli, De Benedetti, Tronchetti Provera, alle banche, alle assicurazioni, all’Eni, ai servizi segreti, alle massonerie, alle mafie, di farla da padroni.
    Ma se l’opposizione scimmiotta alleanze, solo per continuare la sua sterile battaglia, allora vorrà dire che i loro politici non sono così diversi dagli altri.

    0



  • 20°
    Sebastiano   Sebastiano
       Valori: 275 ....... Rango: Esordiente

    Siamo il popolo più tartassato, sia con le tasse, sia con la politica.
    Sento da tutte le parti che nessuno è contento, ma, sapendo come vota la persona a cui mi rivolgo, quando gli faccio la domandina semplice semplice “…e perchè l’hai votato” e mi sento rispondere “che dall’altra parte c’è nessuno”, allora si che mi vengono i brividi addosso. E urlo, proprio così, urlo, perchè urlare è l’unico mezzo per far capire a chi vuol essere sordo, urlo che stà sbagliando tutto. Solo con questo metodo, il sordo che fà il sordo, comincia a sentire.
    Bisogna urlare signori miei, affinchè quello che dici possa entrare nelle zucche delle persone. Urlare che con questo miserabile al governo, vedremo avanzare solo il peggio e che, cambiarlo con chiunque (meno D’Alema & general company), non potrà arrecare più danno di quanto già subiamo, ma che almeno, avremmo la grande soddisfazione di levarcelo dalle paxxx.
    Wiva Piero Ricca, fossi più giovane mi unirei alle tue azioni!

    0



  • 21°
    Avatar   Val
       Rango: Ospite

    E’ ridicolo, ridicolo, tante parole al vento, mai solo i fatti concreti. Ed all’ultimo momento tocca subire anche le infamie dei traditori. Fate una bella cosa: togliete quei caxxx di rimborsi elettorali, ripristinate le preferenze, e abbassate quel numero di parlamentari! Farà politica solo chi è veramente appassionato! Non ce ne frega nulla di salvarvi le vostre poltrone, andate a zappare perchè siete così inaffidabili che è tanto se sapete fare quello!

    0



  • 22°
    Avatar   Tommaso
       Rango: Ospite

    Nella puntata di ieri a TG3 linea notte, l’inviata riferiva che negli States, i pronostici dei media e degli economisti, sono quelli di una possibile prossima bancarotta per l’Italia. E noi ci preoccupiamo solo dei traditori?
    Cari tutti, qui si parla di sopravvivenza!
    Facciano presto a toglierlo di torno dalla politica, o la nostra fine è segnata.

    0



  • 23°
    Avatar   Riccardo
       Rango: Ospite

    Come il vecchio proverbio insegna, il ferro si batte quando è caldo, avete perso troppo tempo nel fissare la sfiducia, dando a Berlusconi e ai suoi servi il tempo di organizzarsi e corrompere.
    Ora non bisognerà dare più alcuna tregua a questo governo, Berlusconi sta nuovamente mostrando la sua tracotanza, non concedetegli ulteriori tregue. Votate la sfiducia a Bondi, e soprattutto in senato non votate la riforma della Università. Ciò discrediterebbe in modo particolare FLI agli occhi di moltisimi giovani, a cui questo governo sta scippando il futuro.

    0



  • 24°
    Avatar   Steve
       Rango: Ospite

    Da ora in poi dovete andare a muso duro su tutto contro Berlusconi.
    Dovete essere come uno schiacciasassi, proprio come fa Berlusconi.
    A noi non piacciono i mollaccioni, dovete risvegliare gli attributi e colpire l’avversario quando è debole, non lasciarlo a terra e dargli la possibilità di rialzarsi come avete fatto troppe volte.
    A noi non interessa la responsabilità verso chi lo ha eletto, a noi interessa che mandiate a casa Berlusconi e che vi riappropriate del Paese che stà andando in malora.
    Andate avanti, e stavolta senza pietà.

    0



  • 25°
    Elena   Elena
       Valori: 2905 ....... Rango: Veterano

    Presto l’Italia finirà come la Grecia, si vedranno ministri e parlamentari inseguiti per strada da folle inferocite e presi a bastonate e sassate come è successo oggi al ministro Greco. Nemmeno reggimenti di Polizia e Carabinieri in tenuta antisonmmossa riusciranno a proteggerli dalla furia del popopolo incavolato.
    I cittadini sono stanchi di pagare, di essere affamati, di essere presi per i fondelli dalla cricca di avvoltoi malavitosi, che siede nel governo e nel parlamento.

    0



  • 26°
    Avatar   Raimondo
       Rango: Ospite

    Lasciamo da parte i discorsi che non serviranno a nulla e lasciamo che le opposizioni si concentrino sul da farsi.
    I traditori sono quelli che bisogna ricordare nella vita corrente, nel fare quotidiano. Le famiglie dei traditori devono sapere che i venditori di verdure e di alimenti sputeranno sui loro acquisti, prima di consegnarglieli.
    Ma non facciamoli entrare nelle nostre discusiioni, perchè distolgono la nostra attenzione, che invece deve essere concentrata sul da farsi ed a dare man forte a chi vuol attuarlo.

    0



  • 27°
    Mariano   Mariano
       Valori: 515 ....... Rango: User

    Inorridire è il solo verbo che ci rimane dopo aver assistito allo scandalo che, ancora una volta, salva quel maiale.
    Voglio sperare che ora sarà davvero lotta dura e senza quartieri, contro tutto ciò che programmerà il despota.
    Si è capito da subito quali devono essere le sue prime mosse, lo ha addirittura già spudoratamente dichiarato. Rimischiare la Giustizia, abbassandola al suo servizio.
    Voglio anche sperare che il gruppo FlI non cada nel tranello di continuare a mantenere fede ad una loro veduta d’impegno, cioè quello che riguarda la Gelmini. Non si dovrà votarla, anche se rappresenta qualche passo in avanti, per il semplice motivo che tutti sono ormai all’opposizione e tiutti vogliono far cadere il vero, brutale Giuda.

    0



  • 28°
    Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Buon pomeriggio a tutti.
    Giacinto mi ha ‘costretto’ a leggere tutti i commenti in sospeso.
    Accidenti… Sono improponibili e tutti fuori tema. Ripeto, tutti!
    Vorrei ricordarvi che non è ammissibile ‘sciupare’ così il vostro ed il nostro tempo. Se qualcosa è degna di essere scritta, si intuisce, basta attenersi alla regola di base: Intervieni se conosci quel che vuoi scrivere, ma discuti di ciò che si stà discutendo.
    Non credo di aver mostrato cambiamenti d’opinione in merito a questo concetto.
    Noi non vogliamo rendere il Blog affollato da mille commenti non pertinenti; gradiamo molto di più, rispetto a quanto stà avvenendo, pochi ma buoni visitatori. Se vorrete dimostrarci simpatia e ‘vicinanza’ saremo ben lieti di farvi ‘accomodare’ altrimenti, cari ospiti, la casa torna a chiudere le sue finestre.
    Spero di essere stato ulteriormente chiaro.
    Giuseppe

    0



  • 29°
    Sergio   Sergio
       Radiato dal Blog

    Buon giorno.
    Caro Giuseppe, già da diversi giorni volevo farti presente che il nostro blog rischia di seguire le orme del PDNetwork; il tuo richiamo perciò lo ritengo assolutamente ineccepibile e la sua osservanza, da parte nostra, doverosa.
    Saluti Sergio

    0



  • 30°
    mariocesta   mariocesta
       Valori: 2010 ....... Rango: Veterano

    Caro Giuseppe, concordo con quanto chiaramente illustri, auspicando che si torni a discutere con “ragion veduta”.
    D’altro canto, argomentazioni per restare in tema, non credo manchino!
    Buona sera a tutti.
    Ho condiviso, molto volentieri devo ammettere, anche l’ultima parte del Post.
    Fà tremendamente rabbia constatare come le azioni del “cattivo” siano condivise dai “brutti”. Io però continuo a chiedermi dove sono finiti i “belli”? Ultimamente non ne vedo e l’unico che vorrebbe apparire tale (Casini) mi sembra un tantino “truccato”.
    Ad Annozero, ieri sera, continuava a menarla col suo imporre una certa condotta politica; aveva anche ragione, poichè non si può continuare a parlare solo di gossip, ma bisogna tornare tempestivamente a parlare di vera politica. Chissà perchè però, quando sento parlare lui, è come se la politica stesse 20 anni luce distante da lui.

    0



  • 31°
    Avatar   Kevin
       Rango: Ospite

    Se ci fossero giornalisti definibili “onesti” nello svolgimento della loro attività, sarebbe molto probabile avere una condizione sociale totalmente diversa dall’attuale.
    Quello che subiamo lo dobbiamo anche a loro, solo che non ce ne accorgiamo e continuiamo a dare importanza ai loro scritti ed alle loro trasmissioni.
    Bisognerebbe imporre, a tutti coloro che vivono col produrre informazione, di “stuzzicare” equamente l’intervistato, così come fà il bravo Piero Ricca, forse ci arriverebbero più verità.
    E’ sempre valida la frase “la verità vi renderà liberi”.
    Ringrazierò volentieri chiunque vorrà produrre informazione vera.

    0



  • 32°
    Avatar   Giorgio
       Rango: Ospite

    Il personaggio “D’Alema” è da tutti considerato l’anima nera del PD.
    Chi ha eletto Bersani, era anche consapevole del legame che lo univa all’anima nera.
    Ma, caso molto strano, sono stati proprio le primarie tenute a sinistra che hanno eletto Bersani, dunque, l’anima nera è fortemente voluta dall’elettorato di base del PD, nonostante TUTTI conoscano ciò che rappresenta.
    Vi esorto a ricordare gli incarichi offerti a D’Alema proprio dalla gestione Berlusconiana: Rappresentante estero dell’Unione Europea ed ultimo Presidente del COPASIR.
    Altra notevole notizia è l’affare DEROGHE. Che significa? Ma allora perchè il PD ha uno statuto, se infine non lo rispettano? Questo sarebbe il loro modo di sentirsi democratici?
    Buone feste a tutti.

    0



  • 33°
    Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Buona sera a tutti.
    Ho ‘ascoltato molto attentamente’ il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica.
    Ho scritto ‘ascoltato’ e non visto, semplicemente perchè dopo tre secondi di visione sono rimasto disgustato osservando i movimenti della bocca, dei denti e delle labbra di Giorgio Napolitano. Le sue parole sembravano uscire sputate da quella bocca insana, come se fossero a blocchi, srotolati più che divulgati. Mal disegnato fù l’attore da cotante insulse immagini. Non ho cenato!
    Ma queste erano solo le impressioni ricevute da quel malfatto, vecchio, stanco ed avvilito fisico.
    Non vi stupirete, credo, se dedico questo messaggio soprattutto ai più giovani tra noi, che vedono avvicinarsi il tempo delle scelte e cercano un’occupazione, cercano una strada. Dedico loro questo messaggio, perché i problemi che essi sentono e si pongono per il futuro sono gli stessi che si pongono per il futuro dell’Italia“.
    Parole che avrebbero creato lo scompiglio, se fossimo stati colti di sorpresa!
    …i problemi che essi sentono e si pongono… …sono gli stessi che si pongono per il futuro dell’Italia“.
    Ha ‘sciorinato’ anche temi di giustizia sociale, di lavoro, di riavvicinamento tra Nord e Sud, di tasse, di fiducia, di sofferenza e di bla bla bla… Parole, fingendo di condividere le mentalità dei giovani e le loro necessità.
    Ma allora, caro Giorgino, le cose le sai o te le hanno solo riferite?
    Non c’è limite al peggio, basta!
    Discutere delle sue frasi dette senza “anima”, senza “battito”, senza “repulsione” fà aumentare in me la repulsione per chi le ha pronunciate, specialmente se, come è capitato, vengo a sapere che proprio oggi ha firmato la riforma universitaria, seppur con una nota di critica. Cari ragazzi, quello vi stà bidonando!
    Solita ambiguità di un essere ambiguo e mellifluo. Basterebbe sapere il suo precedente comportamento politico, oppure semplicemente ricordare che è stato “accettato” dalla destra, ed il discorso Napolitano potrebbe essere considerato concluso. Invece no! La stessa sinistra si ostina a presentarlo ogni volta come nuovo ‘padre’ di un’Italia orfana.
    E mi accorgo ulteriormente di quanto poco “napoletano/italiano” sia il Presidente italiano/napoletano. Oltre ad aver accettato che la sua Napoli fosse riconosciuta col disonore di città sporca, ora lascia che anche il futuro dell’Italia resti molto incerto e preoccupante.
    E’ certamente vero!
    Chi, durante i governi di Craxi e dell’innominabile, ha avuto riconosciuto il proprio periodo come ‘periodo propizio e di maggior splendore’, certamente ha firmato e firma le porcherie a lui presentate.
    Stringetevi le mani. Chi mal governa l’Italia assieme ad un esecutivo spregiudicatamente del fare (ahinoi, solo gli interessi dell’innominabile), abortendo ripetutamente ogni miglioria italiana, pur avendo già dichiarato la grande capacità manageriale, merita di essere dichiarato un fallito. Chi ha giurato fedeltà alla Costituzione, ma firma riforme universitarie seppur con note di critica, ritenute oscene dal mondo universitario, merita di essere definito codardo.
    Abbracciatevi dunque. Scambiatevi baci e sorrisi ed auguri.
    Fate parte di una classe politica dura a morire, ma alla fine morrete, poichè siete già ‘sotto tiro’. La durata dell’agonia dipende dalla forza della vostra disperazione, ma l’importante è sapere che siete in ginocchio.
    Il mio unico augurio invece, è che i giovani, ai quali vi appellate, vi dimentichino al più presto, artefici infine della vostra sepoltura.
    Felice Anno Nuovo a tutte le persone buone e miti!
    Giuseppe

    0



    • 34°
      Avatar   Luigi
         Rango: Ospite

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Pienamente e totalmente d’accordo con te Giuseppe.
      Se poi, al caimano vorace ed al presidente “troppo” super partes da poter essere considerato addirittura “fuori dalle parti”, nel senso che se ne strafoxxx, aggiungiamo un’opposizione che se ne frega e tiene il gioco del più forte, e li uniamo ad un papa che straparla di peccati della chiesa, promettendo soluzioni definitive mentre ogni tre mesi è costretto a chiedere perdono agli umiliati, credo che la situazioni sia chiaramente spiegabile con una sola parola: Destabilizzazione.
      Auguri a tutti.

      0



    • 36°
      Giovanna   Giovanna
         Valori: 390 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Buon Anno a tutti.
      Ho cliccato sulla connessione al Blog, convinta di trascorrere i classici “5 minuti” per la lettura di argomenti già scritti da tempo, così, per conoscere meglio chi frequenta.
      Ho letto ciò che Giuseppe ha scritto e non ho potuto più sentirmi esonerata dall’intervenire.
      Il “caro” nostro attuale Presidente, come tutti i suoi predecessori del resto, era un “comune” parlamentare eletto da parlamentari. E’ colui che ha rappresentato al meglio, il corretto equilibrio tra il volere di chi stava al governo e la relativa opposizione; colui cioè, che metteva d’accordo il potere e l’anti potere. Uomo quindi di “consistenza” sia a destra che a sinistra. Ma uomo prevalentemente “controllabile”, poichè condiviso con la stessa maggioranza di governo.
      Berlusconi, credetemi, non ha potuto dare il suo placet per quell’elezione, solo per accontentare la sinistra o perchè Napolitano fosse l’uomo universalmente già riconosciuto “super partes”. Berlusconi aveva la necessità di oltrepassare lo scoglio della fiducia che gli stava venendo meno; insistere con un suo diretto “uomo” avrebbe aggravato quella situazione. Ma Berlusconi, la cui “onorabile consistenza” tutti hanno ormai intuito, non muove se non sà in anticipo cosa muove. Napolitano ha rappresentato la pedina che già a quel tempo soddisfaceva le sue necessità. Berlusconi quindi, era indubbiamente a conoscenza di cosa portava in sè quella pedina, guardandosi bene dal confidarlo a noi, ma alla pedina stessa, nel frattempo, egli ha senz’altro comunicato di esserne a conoscenza.
      La sinistra viene tenuta in scacco da questa inusuale circostanza, tant’è che a volte, il nostro esimio Presidente della Repubblica si ritrova a condividere azioni declassanti, iniziate dalla destra berlusconiana e che si scontrano direttamente con la persona di Giorgio Napolitano, vedi ad esempio l’intera vicenda Craxi.
      Auspico il cambiamento radicale dell’intero sistema, partendo dall’elezione diretta del consigliere condominiale fino ad arrivare al presidente eletto dal popolo. Ma auspico anche un papa eletto dal popolo e, poichè la stessa Chiesa riconosce l’Opera Infinita della Vergine, arrivare alla scelta senza più distinzione di sesso. Bello sarebbe stato avere un papa a nome “Padre Pio” o una papessa a nome “Suor Teresa di Calcutta”. Non sarebbero state delle Altissime Personalità Cristiane secondo voi?

      0



  • 35°
    Avatar   Alfonso
       Rango: Ospite

    Craxi affermò: “Come credere che il presidente della Camera, onorevole Giorgio Napolitano, che è stato per molti anni ministro degli Esteri del Pci e aveva rapporti con tutta la nomenklatura comunista dell’Est a partire da quella sovietica, non si fosse mai accorto del grande traffico che avveniva sotto di lui, tra i vari rappresentanti e amministratori del Pci e i paesi dell’Est? Non se n’è mai accorto?”.
    Altro che presidente dal passato chiaro ed illuminato!

    0



  • 37°
    Avatar   Saverio
       Rango: Ospite

    Non vi sembra il caso di staccare la spina di tutti?
    Ma intendo proprio di tutti, poichè davvero stiamo arrivando al collasso totale.
    Noi banali cittadini di sinistra siamo degli imbecilli (e non irritatevi con me, perchè abbiamo dimostato di esserlo appieno) perchè continuiamo a credere che la nostra classe politica sia migliore delle altre. I banali cittadini di destra sono altrettanto imbecilli (e non incxxxatevi con me perchè stanno prendendo per il cxxx anche voi) perchè anche loro si ritrovano con tanti podestà in casa.
    Allora, prima di farmi togliere definitivamente il cervello, io voglio tentare qualcosa, qualsiasi cosa. Basta che ci uniamo per farla ed io sono pronto.

    0



Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.