- In questo periodo la moderazione è affidata a: Gaetano, da Zelo Buon Persico (LO)

Sono le ore 03:12:16 ... Sempre che l'orario del tuo computer sia ben sincronizzato!
Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina. Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Sparano sulla nostra Italia.

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 7 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...

Sparano sulla nostra Italia.:
ha ricevuto 13 commenti. La partecipazione di 13 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Vera   Vera
       Valori: 355 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno a tutti.
    Caro Giuseppe il tuo articolo è totalmente condivisibile ed andrebbe divulgato su larga scala.
    Fino a quando l’Italia non riuscirà a far tacere i buffoni ed i mascalzoni, tutti saremo costretti a penare; se Berlusconi, per qualche ignota ragione del crudele nostro destino, dovesse vincere, ci sarebbero certamente anche quelli che gioirebbero, ma per molti di loro il lieto evento durerebbe un battito di ciglie, poi sarebbero costretti ad arrendersi all’evidenza dei fattacci.
    Angela Merkel ha ultimamente ammesso che, aver avuto accanto un leader odioso come Berlusconi, le procurava un disagio mai provato prima.
    E’ un insolente, lo sappiamo tutti, e l’essere in politica lo ha reso ancor più spavaldo. Berlusconi è la classica carogna con indosso la pelle di Abele. Attira i fulmini e le ire di chiunque e, come Abele, fa (vuole apparire) il buono, mite, obbediente ed altruista, ma il vero intento è di evidenziare le semplici brutture degli altri. Detestabilissimo. Infatti, Abele ha fatto la fine che ha fatto e per mano di chi, alle origini, l’amava tanto!
    Che compri o corrompa chiunque, non ci sono dubbi. Gli si può attribuire anche un’ultima (ma solo in gergo temporale) compera: La dichiarazione resa da un tal Lorenzo Brunamonti, suo cameriere (servo) nella casa di Arcore.
    Il probabile venduto servitore, intervenendo al processo che vede indagati Fede-Minetti-Mora ha tardivamente reso noto di essere stato lui a porre la statuetta di Priapo sul mobile (ricordo a coloro che non conoscono la storia di Priapo che questi è conosciuto essenzialmente per l’abnorme grandezza degli organi sessuali), riconoscendo tale atto come “un’idea goliardica e stupida“; ha continuato a dichiarare “Mai, davanti a me, le ragazze presenti si sono lasciate andare, arrivando a rappresentare scene sessuali con quella statua fra le mani“.
    Ora, a parte che la goliardia simboleggia alcuni comportamenti tipici degli studenti universitari e non dei camerieri, non riesco ad immaginare come, un cameriere di villa Certosa, possa permettersi il gusto di arredare la dimora del faraonico dittatore, all’insaputa, questo ha dichiarato Lorenzo il non magnifico, del padrone di casa. Nel Pdl, perchè certamente quel Brunamonti vota per il PdL, non bastavano i disonorevoli possessori di case a loro insaputa, ora hanno anche un presidente che si ritrova arredamenti a sua insaputa!
    Fossi stata al posto del PM, l’avrei immediatamente inquisito per falsa testimonianza.
    Tutto è possibile che accada nella grande Mela. “Accade solo a New York“, si dice.
    Io non ne sarei tanto sicura!

    0



  • Avatar   Serafino
       Rango: Ospite

    Tra burlesque, goliardia e stupidità, il confine è davvero molto sottile.
    L’unica differenza gioca a favore degli universitari, a quella giovane età è concesso fare qualche cavolata. Il Burlesque o la stupidità possono appartenere a qualsiasi persona adulta, perciò esulano dalla comprensiva giustificazione.
    Chi di anni ne ha molti, come quel gradasso paranoico che in ogni occasione ama farsi chiamare “presidente”, dovrebbe provare vergogna e frustrazione per essere caratterialmente molto distante dalla serietà, specialmente se vuole accollarsi la responsabilità di guidare altri.
    Dove? Quello senza alcuno sforzo porta dritto al macello o in qualche profondo e buio dirupo.
    Forse ha ritenuto di non potercela fare da solo, ecco perchè ha creato la sua squadriglia punitiva, il temuto plotone d’esecuzione, che agisce direttamente contro chi ostacola i piani e la strada del loro micidiale comandante.
    Giù le mani dall’Italia, schifosissimi vermi :evil:.
    0



  • Avatar   Tommaso
       Rango: Ospite

    Un vecchio stronzo che si fa chiamare presidente un giorno aveva detto “Se metti una mela marcia in una cesta, alla fine avrai tutte mele marce“. Dopo qualche giorno qualcuno gli ha fatto presente che erano in corso delle trattative per acquisire quella mela marcia, così lui, da vecchio porco sfacciato, decise di dichiarare che ciò che aveva detto, non era riferito a quel giocatore, senza preoccuparsi di chiarire, per quieto vivere, chi fosse il vero destinatario.
    E’ notizia di poco fa che mario mela marcia è stato ceduto al Milan.
    Complimenti vecchio balordo, un acquisto degno della tua cesta, nella quale tutto e tutti sono già marci.
    Come se non bastassero quelli che abbiamo, da oggi con quell’ignorante monetizzato ne sentiremo e ne vedremo delle belle. Quel “moretto”, di italiano ha solo lo sputo di qualche spettatore infuriato. Ma perchè capitano tutti in Italia?
    Cari, per niente, genitori adottivi di quel ragazzaccio, meritate di finire all’inferno. Dovevate prenderne uno più normale, questo invece era meglio se cresceva lavapiatti nella sua terra! Ma voi non vi state pentendo, lo so. Anche voi riceverete delle mazzette, con quelle sarà facile mettere a tacere il disgusto.
    0



  • Emanuele   Emanuele
       Valori: 580 ....... Rango: User

    Buona sera.
    “Mitragliare” editoriali zeppi di menzogne ed odio verso i partiti contrapposti a quello del suo capo è divenuto il passatempo di Sallusti. Il direttore, oggi più di ieri, è disponibile a partecipare a qualsiasi manifestazione, fosse pure quella della riunione tra lupetti, purchè possa dire che Monti e Bersani sono stati e saranno soltanto quelli che hanno in mente l’aumento delle tasse. Vista la tragicità economica del momento, è come dire che Monti e Bersani sono Hitler e Mussolini che si candidano ad amministrare il popolo ebraico.
    Da quando è stato condonato dal napoletano presidente, come se avesse ricevuto la grazia eterna e l’acqua santa, Sallusti ha moltiplicato i suoi schifosi interventi pubblici. Non teme più le ire della Giustizia, divenuta mite e comprensiva con lui.
    Forse aveva ragione a chiedere ad Ingroia spiegazioni sulla sua incandidabilità a Palermo, ma, alla trasmissione dell’Annziata, dirgli così spudoratamente in pubblico che è un “mascalzone” m’è sembrata una violenza eccessiva e gratuita. Penso che per farlo guarire dalla sua “onnipotente voglia di aggressione verbale” necessiti di ricevere qualche sonoro ceffone, ma già intuisco la repellente volontà a mantenere qualsiasi parte del corpo lontano da quello scheletro scarnito, beffardo e sanguinario.
    Vade retro satana!

    0



  • Ivan   Ivan
       Valori: 485 ....... Rango: User

    Saluto tutti.
    Pensare che Vendola rappresenti un moscerino nell’occhio, mi sembra accettabile se riferito all’Italia intera, se invece parliamo alla percentuale rappresentata della sola sinistra, quel moscerino diventa un condor. Proprio così: Vendola è una persona che sta bene a fare casini, mascherato da timida femminuccia mentre da dei cazzotti pesanti, da maschiaccio.
    Vendola ce l’ha con Monti. Forse perchè crede che il prof sia più effeminato di lui e che, se facesse outing, finirebbe per rubergli il palcoscenico. Gli ha persino risposto, sempre a mezzo stampa, che se Monti avesse voglia di vedere “innovazione” dovrebbe recarsi in Puglia, lì vedrebbe che le persone non hanno tre narici, nè l’anello al naso.
    Giusto, al naso no, ma all’orecchio si e talmente pesante da deformare il lobo. Vendola ha il lobo dell’orecchio sinistro che fra poco gli arriva sulla spalla. Quello che non mi spiego, con questo bigotto popolo italiano, specialmente del Sud, come fa Vendola ad uscire di casa, ritrovandosi con quella faccia da maitresse ultra prostituita e navigata. La gente del Sud dovrebbe rompergli la schiena ed evitargli di mettersi a 90°. Ricopre un ruolo che dovrebbe indurlo a fare meno il dolce froscetto.
    Vendola è innamorato di un italo canadese. La sua alleanza costringerà il rammollito Bersani a propendere per l’istituzione del matrimonio tra gay. Vuole sposarsi e non ci trova nulla di male, anche se questo vuol dire rompere l’anima a chi ha la chiara visione che l’unione omosessuale sia una cocente depravazione per l’intera umanità!

    0



  • Alberto   Alberto
       Valori: 475 ....... Rango: User

    Buon pomeriggio.
    Nonostante il clamore suscitato e le ipotesi suggerite dai vari componenti di quello che Giuseppe ha giustamente denominato plotone d’esecuzione, il caso MPS ancora non ha messo in evidenza legami ed intrallazzi tra il sistema bancario e quello partitico di sinistra.
    Quando il segretario Bersani ha minacciato “nessuno si azzardi ad ipotesi irreali o lo sbraniamo“, aveva espresso un risentito presagio verso ciò che senz’altro la sinistra teme: Connivenza con chi di soldi ne ha tanti.
    Perchè? Perchè questa “stupida” sinistra vuole inverosimilmente continuare a dare l’impressione che sia il partito degli operai e del proletariato, escludendo di fatto la vicinanza ai ricchi. Sapete bene che ciò sarebbe anacronistico ed insensato, perchè oggi è del tutto improbabile che il potere politico prosegua su una strada non condivisa dal potere economico e viceversa.
    Basta osservare come il cavaliere oscuro si vanti delle sue amichevoli vicinanze ad esponenti ricchissimi. Niente di male, se non fosse però che con quegli imprenditori, di qualsiasi nazionalità, il caimano stabilisca affari che vanno ben oltre la liceità e, particolarmente, contro gli interessi economici nazionali e della persona. Per Berlusconi è importante guadagnare e vorrebbe farlo in modo più facilitato, come ad esempio se a decidere certe “giunture” fosse un governo a lui non ostile o, meglio, se fossse il suo governo.
    La sinistra deve puntare, col massimo impegno, a far si che personaggi come Berlusconi, intrallazzati come Berlusconi in qualsiasi attività, non possano più affacciarsi alla vita politica italiana, ma che siano, se veramente capaci e disposti, a fare da spinta alla vera economia nazionale, non quella futile e dannosa, cioè quella che costa alla società, senza che la società abbia un tornaconto per il prezzo oscuro che paga. Berlusconi ha in essere questi tipi di attività lucrose e speculative. Berlusconi non è più l’imprenditore con le solite e conosciute mille macchie nere, oggi non è più l’imprenditore che stabilisce chi può fare impresa e l’ammontare economico di quanto deve essere esposto dallo Stato. Berlusconi invece vuol essere, non solo colui che stabilisce, ma prevalentemente colui che per primo sappia cosa è stato stabilito e per primo possa agire per creare le sue occasioni di rapidi ed esclusivi guadagni. Concorrenza slealissima e conflittualità esposta ai massimi livelli.
    All’assurda condizione si somma l’assurda condivisione da parte di una certa percentuale di popolazione italiana, che non riesce ad intuire la negatività che la Fininvest, con annesse le infinite società dalle mille attività, reca al cittadino. Non meravigliamoci di vedere e sentire tantissime voci che parlano solo il berlusconismo sfegatato, sono quelli che col berlusconismo campano, gli altri cittadini, quelli normali, si limitano a leggere e sentire, purtroppo però non sono capaci di rendersi conto di chi parla e di chi scrive.

    0



  • Daniela   Daniela
       Valori: 315 ....... Rango: Esordiente

    Buona sera.
    E’ abominevole il metodo con cui un ometto, inquisito e senza morale, riesca a tenere in scacco la Giustizia italiana. Sono sicurissima che se quel gaglioffo si fosse trovato di fronte ad un tribunale americano, avrebbe dovuto abbassare quella sua cresta di gallinaccio.
    Al processo Mediaset, a far compagnia al boss, c’è sempre la presenza discutibile di altri due parlamentari, che vestono i panni del guardaspalle, appena saputo che i giudici avevano deciso di procedere senza riconoscere al loro assistito il legittimo impedimento, è stata messa in atto la tecnica dell’abbandono; tecnica riuscitissima poichè i due spavaldi difensori del caimano si sentono intoccabili e non punibili. Un uomo, Berlusconi, che mette i discussione lealtà e moralità, mentre lui è sommerso dalla melma della sua indecorosa esistenza.
    Oggi, finalmente, ho sentito parlare Renzi e Bersani, insieme. Sono stati un desiderabile ed auspicabile spettacolo. Matteo ha incalzato, accentrando il suo discorso soprattutto sulla indegna figura del cavaliere. Se viene richiesta moralità e credibilità, Berlusconi, quelle doti, dove le prende? Quando mai le ha possedute?
    E’ logico quindi che un personaggio così abbia la necessità di circondarsi di tanti tentacoli, che sondino per lui l’acqua attorno e che reagiscano appena i “pescatori” gettano le reti.
    Plotone d’esecuzione è chiunque abbia l’intenzione di votare a favore di chi ci ha condotti in così brutte acque.
    Speriamo che non ne esistano più.

    0



  • Donato   Donato
       Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

    Buon giorno a tutti.
    Quando le promesse si fanno con molta leggerezza, o è tempo di elezioni, o è un buffone chi le fa. O entrambe.
    Berlusconi è persona da soluzioni discordanti, per cui, se appena 14 mesi orsono, il fautore di tutte le disgrazie era stato lui, ora la sua mente depravata e corta, come la sua bassa statura, gli permette di essere oltremodo scurrile, patetico, volgare e mendace.
    Ci ha pensato però Mario Monti a mettere i puntini sulle sue i: “Il mio predecessore, noto per le facili promesse elettorali, ha appena annunciato l’intenzione di tagliare la spesa pubblica di 80 miliardi di euro nei prossimi 5 anni. Si tratta dello stesso incantatore di serpenti che ha aumentato la spesa di 154 miliardi“.
    Hai capito a quale cifra era arrivato il piccolo homo sapiens, ecco perchè non accetta il confronto televisivo con Monti!
    Ma il caimano stamattina s’è mostrato pronto a scattare in avanti, con le sue fauci sempre pronte ad azzannare. “Io sono credibile nel mantenere le promesse, come è già avvenuto con l’abolizione dell’Ici sulla prima casa e con i due contratti con gli italiani del 2001 e del 2010 che sono stati totalmente adempiuti“.
    Peccato però, che il cavaliere ricordi male! Probabilmente la sua avanzatissima età gli comincia a giocare qualche brutto scherzo. Dappertutto si levano voci che lo incalzano e lo inchiodano alle sue responsabilità di assoluta assenza e mancanza d’impegno nel cercar di risolvere i problemi verso i quali ci stava trascinando. E’ pur vero che, chi il problema l’ha creato, mai lo risolverà.
    Dobbiamo quindi sperare che questa sarà l’ultima volta che vedremo quel mezzo animale farsi avanti tra gli umani e che anche il suo “popolo” ne abbia piene le tasche di lui. Tolto lo gnomo di mezzo, quel partito di ruffiani scomparirà in brevissimo tempo.

    0



  • Bertoldo   Bertoldo
       Valori: 590 ....... Rango: User

    Buona Salute a tutti voi.
    Qualsiasi accusa che si rivolga al “pifferaio” è fondata ed ha credibilità assoluta.
    Per fare solo un esempio di come la destra sia tutta una messa in scena, basta ripetere ciò che lo stesso caimano va propagandando e cioè: “Prometto che nel primo C.d.M. farò questo, farò quello e farò quest’altro. Etc. etc. etc.“.
    Fate attenzione, per favore. Non è stato il cavaliere nero a dire e ribadire che, se dovesse, disgraziatamente per noi, vincere le elezioni, non sarà lui il nuovo presidente del consiglio? Allora, perchè parla come se lo dovesse essere? Vuol forse dire che comunque sarà sempre lui a dettare legge? Ma perchè prospetta sempre le sue idee ed il suo “contratto con gli italiani”? Hai capito il nanerottolo che bel ministero si è riservato per lui?
    Berlusconiiiiiiiiii……. Ci hai rotto il c..zo!
    Aveva praticamente ragione la Lucianina, ma quel mostro insolente davvero non prova alcuna pragmatica sensazione, quando si tratta di noi italiani.
    Anche voi della Lega Nord dovreste svegliarvi e ribellarvi a quel pazzo ed al vostro scialbo segretario; allontanate subito da voi tutto quel manipolo di lestofanti che compongono il “plotone d’esecuzione agli ordini di Berlusconi“, essi sono le persone più indegne del pianeta Terra, forse dopo potrete chiedere le democratiche norme per il giusto federalismo. Ma siate seri, se potete!

    0



  • 10°
    Claudio   Claudio
       Valori: 2620 ....... Rango: Veterano

    Buon giorno "amiche ed amici" (avervi racchiusi tra gli apici, deve essere inteso come forma gentile, atta a sottolineare che manca solo la conoscenza diretta, per considerarvi tali a tutti gli effetti).
    Caro Giuseppe, se non fossi certo che il Giornale ha pochissimi che lo comprano e tantissimi che lo leggono online, direi che sarebbe stato opportuno rappresentare il militare di centro armato di bazooka. Il dato che ho appena esposto è confortante poichè, per lettori online, intendo anche i moltissimi non di destra che si riversano su quelle pagine, alla ricerca di chi scrive e come lo fa e…….. TENERLO A MENTE.
    E' notevole il materiale che viene prodotto da quei servi del potere berlusconiano. Aver ricevuto la grazia per il loro direttore Sallusti, è stato come aver sganciato il freno con accelerazione già al massimo. Hanno avuto il "via libera", sono scattati, partiti e nessuno riuscirà a fermarli, sia che vinca il loro schieramento, sia che perda. E qui sono già arrivato al punto cruciale.
    Il loro è, come ben evidenziato dall'ottima immagine di copertina, lo schieramento del plotone d'esecuzione. Quella componentistica ben conglomerata, resterà sempre attenta e vigile ed entrerà automaticamente in azione per mantenere e/o riagguantare tre soli scopi; intimidire, se ci riescono, sparare a più non posso su chiunque osi "destabilizzare" il dominio creato dal loro principale sostenitore, fare soldi, spadroneggiando e razziando, peggio di come facevano gli squadristi di una volta. Tutto per loro, ovunque ci sia della "ciccia", ovunque ci sia da succhiare.
    L'altro punto, che mi duole rammentare, è l'imbecillità della sinistra.
    Bersani ha scioccamente sottovalutato le voci che cominciavano a circolare, riguardo la ridiscesa in campo del cavaliere. Avrebbe dovuto immediatamente incontrarsi con Monti, patteggiare con lui probabili incarichi, portarsi avanti ed essere lui a decidere di cessare anticipatamente quel governo, chiamare alle elezioni, ancor prima di dare (offrire) il tempo al caimano di riorganizzarsi. Saremmo arrivati a votare, evitando che al "popolino" (non si offendano, lo sanno che al termine appartiene tutta la massa di zoticoni che vota per il Berluska) di destra fosse riempita la testa con promesse a gogò. Gli stolti della sinistra mai hanno capito che gli eventi bisogna rincorrerli, superarli ed anticiparli; loro sono invece convinti che basta seguire il processo rituale del loro alto sacerdozio, senza accorgersi che, così facendo, lo prendono sempre in quel posto. Mi avete capito, si?
     

    0



  • 11°
    ilLupo   ilLupo
       Valori: 260 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno a voi tutti. Sono Antonio (ilLupo) e sono marchigiano.
    Chi spara sull'Italia, dovrebbe essere sparato e la sua storia cancellata per sempre.
    Ho letto ultimamente un articolo rilasciato dalla signora Barbara, figlia del Berlusconi che tutto il mondo conosce. In quell'articolo la giovane figlia dichiarava che è sua speranza vedere il padre rimanere più tempo in famiglia, attorniato dall'affetto dei suoi cari ed in particolare da quello dei nipoti che lui ama moltissimo. Quel tipo di invito farebbe la felicità di qualsiasi nonno, ma Berlusconi ha altro a cui pensare; il suo altro si tramuta in interessi di ogni tipo ed interesse a salvaguardarsi dalla Giustizia italiana.
    E' accaduto qualcosa che definire semplicemente ridicolo, avrebbe un significato amaro, allora scrivo che è avvenuto un fatto amaro ed increscioso davanti al tribunale di Milano. La ben nota marocchina "Ruby", da tutti ormai conosciuta come una semplice prostituta, perchè tale era, è tornata alla riscossa con ben precise mosse; sono state mosse ben studiate a tavolino, talmente ben studiate da apparire come buona preparazione del terreno alla prossima udienza che tratterà il suo caso. Quella svergognata ragazza, che avrebbe dovuto essere consegnata alla sua Nazione d'origine (Marocco), ha improvvisamente inscenato una spettacolare manifestazione con annessa lunga dichiarazione spontanea, presto ribattuta dalle maggiori testate giornalistiche prontamente accorse sul luogo con mezzi ed uomini.
    Chiamati ed informati da chi?
    Con due cartelli "vestiti" addosso a mo' di ragazza sandwich, ha esposto le seguenti frasi:

    – Caso Ruby: la verità non vi interessa più? – Voglio difendermi dalle bugie e dai pregiudizi.

    Quelle che seguono sono invece alcune delle frasi che la marocchina ha rilasciato (parole lette da alcuni fogli che aveva in mano):

    1) – Non ho nulla di cui vergognarmi e nulla da nascondere. Chiedo di essere sentita dai giudici di Milano, spero che mi chiamino. Chiedo che qualcuno ascolti quello che ho da dire e che questo avvenga nelle sedi istituzionali.
    2) – Non sono una prostituta, devono ascoltarmi. Per colpire Berlusconi la stampa ha fatto del male a me.
    3) – La violenza che più mi ha segnato è stata quella del sistema investigativo. Dei ripetuti interrogatori che ho subito solo alcuni sono stati messi a verbale. Ho subito una tortura psicologica, un atteggiamento apparentemente amichevole ma improvvisamente mutato quando non ho accusato Silvio Berlusconi.
    4) – La colpa della mia sofferenza è anche di quei magistrati che, mossi da intenti che non corrispondono a valori di giustizia, mi hanno attribuito la qualifica di prostituta, nonostante abbia sempre negato di aver avuto rapporti sessuali a pagamento e soprattutto di averne avuti con Silvio Berlusconi.
    5) – Mi dispiace di aver mentito sulla mia parentela con Mubarak, ho fatto una gran cavolata. Mi scuso anche di altre bugie, mi servivano a costruire una vita parallela, un'origine diversa dalla povertà. Ma non mi vergogno delle mie origini.
    6) – Mi spiace aver raccontato queste bugie anche a Silvio Berlusconi il quale, oggi sono sicura, si sarebbe dimostrato rispettoso e disposto ad aiutarmi anche se avessi detto la verità.

    Ora, a parte il tempismo eccezionale per riaprire il conflitto tra Berlusconi e Giustizia, deve apparire chiara tutta la gravità della messa in scena, rappresentata da quella volgare ragazza, ma voluta ed arrangiata da altre menti. A farci riflettere, devono essere varie osservazioni, tutte rilevabili dalle stesse pagine lette da quella svergognata marocchina.
    Anzitutto lei non sarebbe stata all'altezza di esprimersi con un tale corretto italiano e senza errore, a cui segue l'utilizzo di termini tecnici, che avrebbero messo in difficoltà e montata l'invidia dei più preparati avvocati. Frasi che denotano il diretto coinvolgimento della persona che, cercando di apparire NON colpevole, intende trasformare in mostro la figura dell'avversario.
    Due di quelle frasi mi hanno colpito in modo "diretto", causando un misto di orrore e disgusto.
    Alla 3^ e 4^ voce abbiamo letto "atteggiamento apparentemente amichevole ma improvvisamente mutato quando non ho accusato Silvio Berlusconi" e "quei magistrati mossi da intenti che non corrispondono a valori di giustizia". Possiamo permettere ad una puttanella, marocchina fra l'altro, di sconfessare il nostro Ordine Giuridico? Dove ha imparato così precocemente e velocemente a saper distinguere le persone? Non è stato già detto ed insegnato che il cane lecca la mano di chi gli da' da mangiare? E' così che ha fatto lei e quelle sue "colleghe" definite le Olgettine. Sono state 131 le donnine allegre conosciute dal focoso Silvio. Alcune di loro, compreso la marocchina, vivono ancora, alcune lo saranno a vita, mantenute dal nababbo dotato di pompetta.
    Questo "signor" Berlusconi ha rovinosamente scombussolato il nostro quieto sistema. Si è serrvito di qualsiasi mezzo, soprattutto non lecito, per arrivare ai suoi traguardi. Ora gli stiamo permettendo di continuare a fare scempio della Cosa Pubblica, facendo circolare liberamente le sue porche esternazioni o quelle che possiamo considerare le sue "propaggini".
    Quella ragazza è stata certamente una puttanella e lo ha asserito lei in una confessione fatta all'amica con cui conviveva e registrata in una telefonata intercettata "Noemi è la pupilla, io sono il culo".
    Uno sporco culo parlante, all'occasione!

    Karima-Maroug-io-sono-il-culo1.jpg Karima-Maroug-io-sono-il-culo2.jpg Karima-Maroug-io-sono-il-culo3.jpg
    Karima-Maroug-io-sono-il-culo4.jpg Karima-Maroug-io-sono-il-culo5.jpg Karima-Maroug-io-sono-il-culo6.jpg
    Karima-Maroug-io-sono-il-culo7.jpg Karima-Maroug-io-sono-il-culo8.jpg Karima-Maroug-io-sono-il-culo9.jpg

     

    0



    • 12°
      Mariano   Mariano
         Valori: 515 ....... Rango: User

         In risposta a: ilLupo

      Ciao a tutti e benvenuto ad Antonio.
      L'altro punto che Antonio ha escluso di discutere, ma che io ritengo di grande importanza, è la dichiarazione che faceva la sgualdrinella marocchina a proposito della sua parentela con il presidente egiziano. Dapprima lei ha sempre ripetuto che l'unica cosa detta al porco ex premier era di essere egiziana (e nient'altro) e di essere maggiorenne. Ora dichiara a gran voce, anzi, ha letto a gran voce, che lei ha sempre detto, mentendo al "povero" Berlusconi, di essere la nipote di Mubarak.
      Anche questa versione fa dubitare che dietro a quella scenata ci sia stato lo zampino di qualche furbo suggeritore. I nomi che si potrebbero fare sono molti, a cominciare da Bondi, passando da Bonaiuti e finendo a Ghedini, gli angeli neri del suino.
      Avete notato le foto della prima "Ruby"? Una vera puttanella. Avete notato la differenza con le ultime davanti al tribunale? Una vera bruttura a soli 20 anni.
      Tutto ciò che tocca Berlusconi, appassisce ed aggrinzisce. Secca. Abbruttisce.

      0



  • 13°
    Corrado   Corrado
       Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

    Buon pomeriggio. Ciao Antonio, benvenuto.
    Sapete cosa diceva lo sporcaccione Emilio Fede, nonostante sia stato lui a procacciare la giovane carne al suo padrone? Che la marocchina "puzzava", che aveva addosso l'odore acre delle pecore e che lei evitava di muoversi troppo per non far sentire il tremendo, olezzoso odore rancido del suo sudore.
    Per quanto riguarda la parentela con Mubarak, già la stessa notte dell'intervento di Berlusconi, una sua guardia del corpo ebbe a dire "Hai sentito la fesseria del cavaliere? Se ci hanno creduto, significa che sono tutti dei gran coglioni!".
    Questa frase non è stata più ripresa da alcun cronista, tant'è che nemmeno i magistrati inquirenti hanno potuto metterla a verbale. Ma appena era scoppiato il putiferio, era rimbalzata dappertutto. Purtroppo però, anche quella prova è stata seppellita.
    Ho osservato le foto pubblicate da Antonio. Accidenti quanto clamore per la voce della marocchina. Chissà chi ha informato la stampa di ciò che sarebbe avvenuto davanti al tribunale? Sono arrivati prima i reporters o è arrivata prima la ragazza ed ha dovuto aspettarli prima di cominciare lo show?

    0



Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.