- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 21:27:08 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Un saluto… Un augurio.

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 2 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...


Un saluto… Un augurio.:
ha ricevuto 14 commenti. La partecipazione di 9 utenti suscita discreto interesse per l'argomento.

  • Corrado   Corrado
       Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

    Sergio, hai considerato ‘utile ed impeccabile’ il tuo articoletto, titolato “Un salutocinquepuntiniun augurio”. E poi ci meravigliamo del perché abbiamo certi politici?
    Quelle quattro parole scritte, le potevi anche riportare in un banalissimo commento; ma è probabile che tu non abbia ancora intuito la differenza tra un articolo ed un commento, da qui l’invito che ti rivolgo, di eliminare questo tuo modesto pensiero, addirittura mal espresso, dalla lista delle argomentazioni da trattare.
    Buona sera a tutti.

    0



    • Sergio   Sergio
         Radiato dal Blog

         In risposta a: Corrado

      Buon giorno a tutti.
      Carissimo Corrado, vorrei avere la forza di non risponderti, ma non ci riesco e cercherò di spiegarti alcune cose; prima di tutto non ho affatto considerato “utile ed impeccabile” il mio articolo (non sopporto chi mi mette in bocca parole ed intendimenti da me mai espressi), il mio era solo un augurio, un urlo dell’anima mia nella speranza di vedere i nostri deputati fare il loro dovere, liberarci di un bandito ed impedirgli qualsiasi ruolo istituzionale; se quelle mie “quattro parole scritte” erano banali o stupide, come tu lasci intendere, la redazione avrebbe potuto cassarle o derubricarle senza problema (dovrebbe essere uno dei suoi compiti); in “quelle quattro parole scritte”, per una mente acuta, ci sono più spunti di riflessione che in tanti articoli pieni di improperi parolacce offese gratuite ed altre nefandezze simili come luoghi comuni, eterne ripetizioni di insopportabili proponimenti stupidi ed eversivi; anche per quanto riguarda le differenza fra articolo e commento dimostri la tua modestia….dopo Giuseppe sono il più vecchio frequentatore del blog (e non solo di questo), conosco benissimo tale differenza come sono certo di non avere niente da imparare da te; per quanto riguarda il tuo invito….. stendiamoci un velo pietoso, la differenza fra me e te è certificata dai nostri avatar e se non la capisci sei perfettamente in linea con il tuo cagnone. Saluti
      N.B. per la redazione, se pensate che ciò che ho scritto sia offensivo per Corrado, liberissimi di stracciarlo, ma è esattamente ciò che penso, ed è per questo che non gli risponderò mai più.
      Saluti a tutti
      Sergio

      0



      • Corrado   Corrado
           Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

           In risposta a: Sergio

        Tu cerchi proprio la guerra!
        Non sai accettare un pensiero diverso dal tuo. Non sai cosa sia il confronto. Vuoi vedere che in fondo sei semplicemente un fascista e non lo sai?
        Ma che urlo e urlo dell’anima. Quel tuo soffocato gemito ha fatto ridere i polli.
        Riporto: “Parlamentari Italiani, prendete esempio dalla CONCORDIA. TUTTI IN PIEDI, SPALLE DRITTE, MANO FERMA, e procedete ad AFFONDARLO. Mandatelo a picco o siate maledetti per sempre. Sergio”.
        Non sai esprimerti e fai confusione; in più ipotizzi vendette che mai realizzerai. Parlamentari “Italiani, prendete esempio dalla CONCORDIA”. La concordia è stata semplicemente portata ad “inchinarsi”, affondando perché nel frattempo aveva trovato il pane duro sulla sua rotta. Forse, ma è soltanto una mia supposizione perché tu non l’hai scritto, ti riferivi ai tecnici che hanno saputo tirarla di nuovo dritta.
        E cosa ha significato, nel tuo ultimo intervento, tutta quella tua malevolenza verso gli scritti di tutti gli altri utenti?
        Riporto ulteriormente: “articoli pieni di improperi parolacce offese gratuite ed altre nefandezze simili come luoghi comuni, eterne ripetizioni di insopportabili proponimenti stupidi ed eversivi“.
        Mannaggia a te mannaggia! Quello è tutto il rispetto di cui sei capace?
        Per non parlare di come hai preso di mira anche il mio avatar. Se avessi insegnato al mio Bull anche a leggere, a quest’ora ti avrebbe risposto lui per le rime. Ti avrebbe scritto che il suo padrone lo ama e rispetta a tale punto da eleggerlo ad avatar della sua persona, non essendo (io) il classico Narciso che crede di essere il solito Adone da ammirare a tutti i costi, anche quando giocava a tennis (molto tempo fa, suppongo)!
        Della tua promessa di mai più risposta, ne faccio trionfale emblema, per aver, quantomeno, allontanato da me un siffatto autore.
        Perdonino, tutti gli altri, la mia copiosa supponenza, ma, quanno ce vò, ce vò!

        0



    • Barbara   Barbara
         Valori: 375 ....... Rango: Esordiente

         In risposta a: Corrado

      Buona sera a tutti.
      Caro Corrado, da romana a romano te lo scrivo con tutta la tranquillità possibile:
      Nun te potevi fà un pò li affari tua?
      Che bisogno c’era di dare addosso a Sergio?
      Secondo me, per lui è già abbastanza cocente la punizione di vedere che il suo scritto non viene nè visionato, nè tantomeno commentato.
      Oddio. A dire la verità da visionare c’è ben poco, ma se quello ha voluto essere un “urlo dell’anima” che ci puoi fare? Lasciaglielo fare quest’urlo, o no? Dopo magari si sente più tranquillo e magari scrive qualcosa di più comprensibile e documentato.
      Come lui ha scritto, fa visita a parecchi siti. Forse s’è scordato che qui non è come su Twitter, qui le persone possono scrivere più lungo dei soliti 250 caratteri imposti di là. Forse gli è davvero sfuggito che un articolo dovrebbe contenere più nozioni e non affidare il messaggio con un semplice urlo.
      Ma temo di sbagliare anch’io, perché ora mi ricordo che esiste anche una bella poesia che comunque è cortissima: M’illumino d’immenso. Solo queste due parole ha pronunciato il professore quando l’ha presentata.
      E noi tutti stavamo aspettando, fino a quando non gli abbiamo chiesto: E va bè, il titolo l’abbiamo capito. Ma quali sono i versi?
      E lui: E no regà, allora nun avete intuito proprio. Quelle due parole sono la poesia.
      Concisione ci vuole, Corrà, concisione!
      Ma che ne puoi sapè tu, che pensi ancora che “quanno ce vò, ce vo”!

      0



  • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Ho gradito creare questo libero spazio, per dare forma ad un piccolo ed ingenuo sogno.
    Non mi piacciono le indifferenze ai soprusi, non tollero le ingerenze. E nemmeno apprezzo la superficialità dei sapienti, quando prospettano i loro studiati argomenti.
    Su questo Blog i partecipanti hanno chiesto ed ottenuto piena libertà di espressione, era ed è una mia chiara condivisione.
    Ma a tutto c’è un limite e Corrado l’ha oltrepassato!
    Non ho scelto la bilancia come avatar, affinché si rappresentasse la mia propensione ad essere giudice, non possiedo simili convinzioni; il simbolo richiama solo il mio segno zodiacale. Persone, come appunto Corrado, hanno però bisogno che qualcuno disponga per loro un giudizio netto, che le informi del loro distruttivo atteggiamento e dell’assoluta loro volontà di umiliare il prossimo.
    Aver preso di mira Sergio è stato l’errore più squallido in cui si potesse cadere.
    E’ indecente aver tentato di mettere in ridicolo ed in discussione la limpida coscienza di Sergio; è un affronto alla giustizia mentale.
    Essere stato io costretto ad intervenire, è una umiliazione per questo intero nostro ambito, poiché c’era da aspettarsi, invece, che ciascuno di voi manifestasse la propria indignazione. L’insano (socialmente scrivendo) pretesto di Corrado, avverso l’amico stimato Sergio, ha, in definitiva, ‘toccato’ direttamente ogni vostra sensibilità.
    Mi dispiace dover arrivare a simile decisione, ma a Corrado prospetto di presentare immediate scuse a Sergio, o mi vedrò costretto a procedere alla cancellazione del suo nominativo e dei suoi interventi dal nostro database.
    Buona domenica a tutti.
    Giuseppe

    0



    • Donato   Donato
         Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Buona sera a tutti. Ciao Giuseppe.
      Ho parlato al telefono con Corrado, che oggi è fuori Roma, per riferirgli della violenta “ramanzina” che gli hai scritto. Mi ha pregato di riferirti che gli sarà impossibile risponderti prima di domani.
      Da parte mia resto esterrefatto per la durezza con la quale hai trattato il mio amico, consapevole tra l’altro che lui, nei confronti di Sergio, potrebbe avere ragione. Se il Blog è veramente di tutti, cosa che comincio a dubitare, tutti dovrebbero mantenere una certa etica espressiva nei confronti degli altri e, principalmente, cercare di migliorare lo stile ed il contenuto di ciò che si scrive, altrimenti giocano contro, facendo perdere la voglia di tornare a chi semplicemente vuole leggere per distrarsi.
      Ti pare davvero un grido dell’anima quella scritta da Sergio? Così come ha intuito Corrado, anche io trovo che sia stata una frase buttata lì, senza troppa convinzione, sbagliata nella forma e solo con l’intento di scrivere comunque qualcosa.
      Conosco Corrado sin dall’infanzia e ti posso garantire che è un uomo degno di qualsiasi rispetto ed affetto. Questa storia mi addolora e rende molto sterile la voglia di restare qui. Essere in democrazia non significa sottostare a chi si reputa più forte o intellettualmente più audace, ma significa dare a tutti la possibilità di esprimere il proprio pensiero, anche sbagliato, ma pur sempre con la prerogativa che resti libero.
      D’altronde qui le parole mica ammazzano qualcuno. Chi vuoi che sia Tizio o Caio per tutti gli altri? Un Nome, seppur quello vero, non identifica la reale persona. Sergio potrebbe essere il prete di campagna che cerca anime da salvare, ma anche il delinquente di camorra che vuole farsi amici e compari. Chi risponde al suo scritto, al mio o a quello degli altri utenti, risponde allo scritto, non alla persona, dunque non c’è intenzione di offesa alla persona, ma solo volontà a controbattere una tesi mentale. Sergio potrebbe anche sminuire l’effetto, se solo fosse più partecipativo. Ma, come lui stesso ha ammesso, ha invece tanti altri siti, sui quali appoggia le proprie parole. Chissà da quelle altre parti come viene tenuto in considerazione? Ci fornisca pure i link, andremo volentieri a leggerlo altrove, visto che lui non predilige scrivere qui. Sarei curioso di sapere quante ne pubblica, ma anche in questo caso ho i miei dubbi, visto con quanta poca frequenza si unisce a noi.
      Complimenti al nostro Andrea, un webmaster davvero coi fiocchi. Io non ho mai visto un Blog così bello come il nostro.

      0



    • Corrado   Corrado
         Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Buon giorno a tutti.
      Appena giunto a casa, ieri notte, ho letto e riletto il tuo messaggio che, man mano, mi appariva sempre più chiaro. Avrei voluto rispondere, subito, ma ho riflettuto e deciso, che sarebbe stato meglio far sbollire la rabbia.
      Sono incredulo, quasi risentito di questa tua “pubblica lavata di capo”, ma anche civilmente propenso a voler capire.
      Mi faresti la cortesia, appena puoi in mattinata, di chiamarmi al telefono? Grazie.
      Corrado.

      0



    • Corrado   Corrado
         Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Buon pomeriggio.
      Ho avuto un lungo colloquio telefonico con Giuseppe (cui va il mio ringraziamento per la cortesia e la disponibilità), durante il quale mi sono state evidenziate la mancanza di stile e certamente la mancanza di rispetto dell’altrui pensiero; sono miei evidenti errori, che mi hanno indotto ad avere un atteggiamento sbagliato nei confronti di Sergio e tipico di chi non intende allearsi, ma farsi nemico.
      Stento ancora a crederci che mi sia comportato così, ma Giuseppe ha saputo mettermi spalle al muro e, dunque mi sono arreso all’evidenza, vergognandomi.
      Che dire? Mi dispiace. Mi dispiace per l’amarezza che ho, mio malgrado, procurato a Sergio, al quale vanno riconosciute tutte le mie scuse. Sergio, ti chiedo pubblicamente di scusarmi.
      Ora so che avrei dovuto fare a meno di prenderti in giro, perché, devo riconoscerlo, questa era la mia intenzione. Mi è capitato di voler ridicolizzare il tuo scritto, si proprio così. Ma senza motivo, senza alcun altro desiderio, se non il mio egoistico piacere di riuscirci.
      Evidentemente, ho potuto commettere questo tipo di errore perché non mi riconoscevo capace di farlo e, di conseguenza, non lo individuavo tra i miei difetti da dover eliminare.
      Ok. Eccomi qua. Chiedo scusa anche a voi tutti, a Claudio, a Donato.
      Chi mi conosce sa che faccio sempre tutto con molta franchezza ed anche questa mia “confessione” ne è la prova.
      Ciao a tutti.
      Corrado
      P.S. Meritare la stima riservata agli uomini seri, comporta saper assumersi le responsabilità di ciò che si dice e di ciò che si fa e, innanzitutto, saper riconoscere i propri sbagli. Della serie: “Quanno ce vò, ce vò“!

      0



    • Donato   Donato
         Valori: 1075 ....... Rango: Frequent User

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Bravo Corrado, sei grande!
      Ancora una volta hai saputo dimostrare di essere un uomo.
      Non sono gli atti di riconoscimento dei propri errori a buttare giù l’onorabilità di un uomo, bensì la continuazione della propria protervia.
      Io sono fiero di essere amico tuo.

      0



  • 10°
    Fausto II   Fausto II
       Valori: 525 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Ho seguito con una certa apprensione l’evolversi di una situazione che ora sembra, fortunatamente, rientrata. E’ proprio il caso di dire che il buon senso ha prevalso. Meno male e complimenti a Corrado, perché saper ritirarsi dalla tenzone, mostra maggiore responsabilità e serietà.
    Anch’io avevo letto l’articolo di Sergio, senza peraltro mai aprirlo, perché era tutto ben visibile già in Homepage. M’era sembrano troppo “ristretto” ed avevo avuto la certezza sulla valutazione (sono tra coloro che hanno votato l’indifferenza).
    Ora però, l’articolo ha assunto i toni veri dell’urlo al quale ha fatto riferimento l’autore. Bravo Sergio. Le correzioni che hai apportato, hanno ricreato l’effetto magico di un pensiero condivisibile e perciò largamente diffuso.
    Speriamo che i nostri politici riescano a mantenere saldo il principio di democrazia e che la applichino anche per il caso del più potente tra i malfattori italiani.
    C’è da ricordare che a dover essere affossato, non è solo il caimano, ma anche le sue imprese; devono essere sequestrate e rivendute. Così come sono state concepite e realizzate, rappresentano solo la fonte di uno spreco per l’economia italiana, con benefici immensi per una sola famiglia. Senza lasciarsi intimorire dal grande numero di coloro che lavorano in quelle aziende, poiché devono rimanere al loro posto, ma facendo piazza pulita dei servitori inchinati.
    Ricordatevi che le imprese di Berlusconi non producono ricchezza per il cittadino, ma solo spesa, fra l’altro aumentata di molto, proprio per la dilatazione dei costi che subiscono tutti i prodotti assoggettati alla pressante pubblicità. Berlusconi, in tutti questi anni, ha semplicemente creato e curato un canale di dipendenza tra tutti gli imprenditori e lui, imponendo i suoi servizi, proprio come accade per i pizzini mafiosi, per le proposte di protezione: Tu fai pubblicità sulle mie televisioni, io vedo cosa posso fare per te o, quantomeno, ti lascio in pace.
    Dobbiamo nuovamente spingere affinché venga approvata in tempi brevissimi una nuova proposta di legge, che determini severamente l’incandidabilità d soggetti in odore di conflitto d’interesse.

    0



  • 11°
    Sergio   Sergio
       Radiato dal Blog

    Buona sera a tutti
    Una improvvisa bassa pressione ha creato una pericolosa turbolenza provocando apprensione ( bravo Fausto condivido tutto il tuo commento ) e fratture fra i naviganti; fortunatamente il nostro Maggior Azionista di Riferimento è prontamente intervenuto con decisione e, visti i risultati, con intelligenza. Corrado ha dimostrato di meritare le valutazioni positive che molti di voi gli hanno accreditato riconquistando stima e simpatia. Per quanto mi riguarda la faccenda è già finita senza rancori….con una piccola precisazione che spero faccia piacere a Corrado : sono ancora un bravo tennista, gioco 3-4 volte a settimana e gli amici del circolo giocano tutti volentieri con me per 3 motivi 1) gioco bene a tennis (in relazione alla mia infima categoria) 2) metto il mio avversario in condizione di giocare bene 3) e per finire…perdo sempre ( che è molto apprezzato ). Perdonate le mie piccole sciocchezzuole personali, me le sono permesse perché, credo, ora siamo tutti vaccinati.
    Saluti Sergio

    0



  • 12°
    Selvaggia   Selvaggia
       Valori: 585 ....... Rango: User

    Saluto tutti.
    Non ho mai dubitato di trovarmi al cospetto di una classe di uomini “eletti”. Su questo Blog si sente, come l’effetto “a pelle”.
    C’è qualcuno che scrive duro (sbraita), c’è qualche altro che prova ad essere tipicamente volgare, ma tutti con lo stesso originale “odore” di maschio serio.
    E’ stato perciò giusto che questa ultima sfuriata perdesse intensità, riconducendo i livelli di testosterone alla normalità.
    Ooohhhhhhhhhh! Sono davvero contenta!
    Ora che l’articolo è divenuto interessante di diritto, intervengo scrivendo anzitutto che le necessità impellenti ed inderogabili per l’Italia sono una buona legge elettorale ed una legge, già anticipata dal bravo Fausto, sull’incandidabilità in tema di conflitto d’interesse. Mai più un despota come il nano di Arcore. Mai più un losco individuo che frapponga i suoi agli interessi del Paese.
    Queste due leggi potranno essere predisposte, solo se avremo la fortuna di avere sin da ora parlamentari capaci di attuare la parte finale dell’augurio di Sergio, cioè una classe politica che non permetta più alla vergogna di riemergere.
    Però la vedo dura. Finchè quell’animale di Berlusconi potrà continuare a blaterare le sue vergognose bugie ed offese, la realtà apparirà stravolta ancora a tante persone, troppe. Per domani il caimano e la sua troupe hanno organizzato il raduno davanti la casa romana (la casa della vergogna, appunto), tentando di fare pressione sui senatori che saranno chiamati a votare per la la decadenza da senatore. L’ora è stata fissata per le 19:00.
    Il mio personale augurio, che va ad aggiungersi a quello di Sergio, è di poter perlomeno brindare, già all’ora di cena, al temporaneo azzoppamento del maiale. Poi si sa. A Natale si cucina lo zampone. E pace eterna sia. Per lui!

    0



  • 13°
    Claudio II   Claudio II
       Valori: 555 ....... Rango: User

    Buon giorno a tutti.
    Complimenti ad entrambi i “contendenti”. La battaglia non ha causato morti, ma ha soltanto evidenziato il valore di Corrado e di Sergio.
    Oggi forse si compirà un atto molto importante per il recupero di credibilità del nostro Paese. Gli occhi di tutto il mondo democratico sono puntati su ciò che accadrà in Senato, pur se le discussioni pro e contro sono accese nei toni e nelle convinzioni.
    Il caimano dimostra di essere il solito Falso/Sincero montanelliano e ha deciso, opportunamente, di lasciare Roma e tutta la ciurmaglia che in Via del Plebiscito si radunerà, per raggiungere la più sicura residenza di Arcore. “Per pressanti consigli famigliari” è stato fatto sapere. Io sarei propenso a credere, visto il personaggio in questione, per vile incapacità a fronteggiare le sue colpe e per timore che la Magistratura metta repentinamente in atto le temute misure cautelari, per le altri indagini in corso.
    Berlusconi in manette. Ma ci pensate? Un quattro volte Presidente del Consiglio, che finisce in manette!
    C’è, tra i suoi, non escluso il sempre opportunista Casini, chi lo vorrebbe “martire” innocente. Non riescono a fare i dovuti distinguo. Non si rendono conto, avendo sempre goduto della presentza politica dello psico nano, i danni enormi che invece ha procurato.
    Ci vorranno anni di sana amministrazione pubblica, per ricollocare nelle dovute forme tutte le mostruosità che i governi berlusconiani hanno cagionato.
    Io non dico che le modernizzazioni del sistema non vadano fatte, tutt’altro. Solo che mi aspetto norme che giovino alla collettività e non più al singolo.
    Errori giudiziari sono possibili, per esempio, perché una determinata legge non è stata scritta decentemente chiara dal Parlamento. Ci vuole sì una brevità per la durata dei processi, ma senz’altro dopo e soltanto DOPO aver messo i tribunali nelle condizioni di espletare i processi in tempi rapidi, altrimenti quella di fare leggi che blocchino altre leggi, diventa una inconsueta autorizzazione a non applicare le leggi esistenti. Non è mica la Magistratura, nè alcun altro, che può stabilire la mole di lavoro che si presenterà e quindi garantire con le solite forze la celebrazioni di tutti i processi. Se prima loro non sono messi nella condizione di espletare i propri ruoli, non si potrà dare loro alcuna colpa di ritardi e rallentamenti.
    Se dopo anni ci ritroviamo con montagne di fascicoli, innanzitutto bisognerebbe studiare i motivi che generano le denunce e, tempestivamente agire su quelli, cercando di legiferare opportunamente e con cognizione, giusto per prevenire i vari fenomeni.
    Non mi stancherò mai di scrivere che, esiste vera democrazia dove è garantita la certezza dell’esecuzione della pena.
    Ecco perché, per me democratico, il non democratico Berlusconi non ha più attenuanti e deve espiare la condanna ricevuta.

    0



  • 14°
    Elena   Elena
       Valori: 2945 ....... Rango: Veterano

    E, come giustamente si dice, “Tutto è bene ciò che finisce bene”. D’altro canto, come non aspettarselo! In ballo c’erano due persone che hanno da sempre dimostrato di avere un alto senso del rispetto e meritevoli quindi della stima di tutti.
    Più gli animi sono accesi, più si individua dove la fiamma rimane vivida speranza. Bisogna avere animosità, perché senza questo sentimento tutte le cose diventano prive di interesse e senza attenzioni.
    Era comunque evidente che Sergio intendesse proprio ciò che successivamente ha chiarito; è stato anche per non affrontare in malo modo l’argomento, che avevo deciso di non intervenire subito.
    Oggi gli ultimi fatti accaduti ci insegnano che in Italia tutto è sbagliato, tutto è marcio e che questa classe politica tutto ha, meno che la competenza di saper gestire, neppur al minimo, una Nazione come l’Italia. Di spalle diritte se ne vedono poche.
    Tutto da rifare ed è inutile che il vecchio capo ne tiri fuori una ogni tanto. Cominciasse col levarsi lui di torno, perché solo con l’esempio sarà possibile migliorare e istigare la rinascita di un orgoglio.

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.