- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Vergognoso epilogo di un atto giudiziario:
ha ricevuto 22 commenti. La partecipazione di 20 utenti rende l'argomento molto interessante.

  • Tullio   Tullio
       Valori: 690 ....... Rango: User

    Una sentenza vergognosa per la stessa Magistratura!
    Come si fa a definire totalmente innocente uno che ha già dimostrato la propria spregiudicatezza; uno che ha indotto a mentire altre persone e che, per questo, ad oggi risultano indagate; uno che è indagato in mezze Procure d’Italia e che s’è sbattuto centinaia di mignotte?

    0



  • Ivan   Ivan
       Valori: 485 ....... Rango: User

    Una sentenza inconcepibile

    0



  • Andrea   Andrea
       Valori: 500 ....... Rango: User

    Meglio non commentare, altrimenti li mando tutti a cagare.

    0



  • Mario Cesta   Mario Cesta
       Valori: 2010 ....... Rango: Veterano

    Oggi è una giornata di sconfitta sociale, in cui il male ha rivoltato le coscienze ed ora sa di non avere rivali.
    Avevamo la magistratura a salvaguardarci, o almeno si sperava. Ora anche quella parte si è arresa al volere dei potenti.
    Miseri noi, che fine!

    0



  • Marco   Marco
       Valori: 1430 ....... Rango: Frequent User

    Adesso sparo la mia: Andate tutti cagare, a cominciare da quelli che dovrebbero saper giudicare.
    Dovevano farsi ammazzare quei giudici della Corte d’Appello, ma mai giungere a conclusioni che nemmeno la difesa si aspettava.
    Berlusconi è colpevole di tutte le cose sapute ed anche di quelle non sapute.
    Berlusconi è un bastardo, così come lo sono tutti coloro che gli stanno vicini.

    0



  • Corrado   Corrado
       Valori: 1920 ....... Rango: Frequent User

    Dire che quasi me l’aspettavo è come accettare che l’acqua sia fluida.
    Invece no. Ho un brutto amaro in bocca, che mi torna su come un sommergibile in emersione.
    Ma cosa sta prendendo a tutti? Ma in che mondo viviamo?
    Ecco perché il vecchio napoletano rincoglionito non si preoccupava di togliergli il titolo, nè di concedergli la grazia.
    Loro (Renzi e Napolitano) comandano e, la Magistratura di sinistra, obbedisce.
    perché è stato proprio così; quella Corte d’Assisi di ieri è una Corte di sinistra, composta da giudici di sinistra che obbediscono al Capo di sinistra.
    Renzi è troppo sicuro che otterrà appoggio totale, ecco perché gioca con i Grullini.
    Cari amici, mi dispiace, ma anche stavolta ce l’hanno messo proprio in quel posto.
    Agli italiani io aggiungerei un sostantivo vegetale: FINOCCHI!

    0



  • Rita   Rita
       Valori: 2035 ....... Rango: Veterano

    Buona sera a tutti.
    Un’altra pagina è stata strappata per alimentare il fuoco dell’inferno.
    E’ colpa di Grillo e della stupidaggine dei suoi rifiuti e delle sue arroganti affermazioni. “Siete morti” doveva dirlo ai suoi, perché ha sbagliato indirizzo quando lo pronosticava agli avversari.
    Berlusconi è un mostro dai mille tentacoli e dalle mille braccia.
    Ma perché mai non si ritrova tra le braccia della morte o, almeno, nel braccio della morte?
    Io sono consapevole che ogni suo operato sia stato per noi solo una grande spesa in più. Aprite gli occhi, care donne, e smettetela di fare le donnine facili pur di ottenere qualche vantaggio. Ciò che avrete vi riporta indietro di tanti passi, di tante opportunità che solo con una mente onesta si riuscirà a valutare.
    Siate voi stesse, sempre, se vorrete essere Donna.

    0



  • Ottavio   Ottavio
       Valori: 485 ....... Rango: User

    Magistratura, hai toppato!
    Avete perso in un sol colpo la stima di un’intera Nazione.
    Non rallegratevi dei berluscones che oggi vi acclamano, quelli sono dei venduti, l’avrebbero fatto anche per il peggior delinquente , fosse il loro capo e con voi pronti a dichiararlo innocente.
    Ma come vi è passato per la testa? Come avete potuto sovvertire una convinzione?

    0



  • Massimo   Massimo
       Valori: 500 ....... Rango: User

    Berlusconi maledetto, adesso so che sei tu il vero male dell’Italia. Adesso è tutto molto più chiaro e si capisce fin dove puoi arrivare. Non è colpa tua. Io me la prendo con questi coglioni di italiani schifosi e tutti inchinati, che ti permettono di osare l’assurdo.
    Maledetta Italia e maledetto questo vecchio, inciuciato presidente. E’ tutta colpa sua, che non sa prendere altre vie. O, forse, che ha saputo prendere questa maledetta via!

    0



  • 10°
    Luisa   Luisa
       Valori: 295 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno
    Non voglio gioire di fronte a tanta disperazione, ma ieri i Giudici italiani hanno potuto ottenere una revisione su quanto si pensava di loro, si sono riscattati ed hanno riscattato la categoria Giustizia. Era ora che si cominciasse a vedere e giudicare i fatti con un’altra ottica, lontana da quella persecutoria a tutti i costi.
    La verità ieri ha trionfato, e sono stati i fatti reali a gridare già da subito la sentenza che è ben presto arrivata.
    Il mio Presidente è INNOCENTE!
    Viva il Presidente!

    0



  • 11°
    Daniela   Daniela
       Valori: 315 ....... Rango: Esordiente

    Non voglio restare male nè voglio prendermela con qualcuno, però dopo tutto quello che si scrive e si sente dire, leggere che qualcuno è ancora convinto della non colpevolezza di un dannato come berlusconi, allora vuol dire che l’Italia non ha più alcuna via di scampo.
    Non me la prendo con te, cara Luisa. Tu puoi continuare a ritenere il tuo Silvio come l’ha visto e lo ritiene la marocchina che l’ha sfruttato, o amarlo teneramente come tu hai inteso fare dall’inizio.
    Io ritengo invece, dall’alto della mia gridata onestà intellettuale, che per me donna, dare la mano ad un tipo come berlusconi, sarebbe come aver immesso la mano in una cassa di vermi. Ho reso l’idea?
    Mi spieghi perché, visto che siete comunque una minoranza e dunque toccherebbe a voi allontanarvi da questo nostro territorio, non formate un vostro staterello, vi ci trasferite e mettete in pratica tutte le cose belle che ha in mente per voi il vostro comandante? Pensaci.

    0



  • 12°
    Salvatore II   Salvatore II
       Valori: 550 ....... Rango: User

    Oggi, 19 luglio 2014, alle ore 16:58, esattamente dopo 22 anni dal fatidico attentato a Paolo Borsellino ed alla sua scorta, subiamo purtroppo altri grandi dolori; avere un Presidente della Repubblica ostinatamente omertoso e promotore di strani ordini al CSM, un tribunale che ha annullato una sentenza di condanna contro un mostro che fece crollare la dignità dell’Italia, ed un presidentello del Consiglio che pensa sia corretto fare le riforme costituzionali con un delinquente, non sono i valori ai quali si ispirarono i nostri martiri della Democrazia.
    A cosa è servito il sacrificio che oggi commemoriamo, se abbiamo lasciato che mafiosi e delinquenti sporcassero gli scranni del Parlamento?
    E’ un affronto. E’ uno schiaffo alla memoria di tanti uomini che nella Giustizia avevano riposto ogni loro speranza e continuavano a crederci per davvero, nonostante tutto, fino a sacrificare la propria vita per Essa.
    Poliziotti, Carabinieri, Agenti carissimi, chi ci governa non merita il Vostro ed il nostro rispetto. Quando vi comunicheranno che dovete bloccare il traffico, perché voi veri uomini servite anche a questo, per permettere ad una ignota vettura coi vetri oscurati di oltrepassare tranquillamente l’incrocio, ricordate che quell’ordine è valido anche quando all’interno c’è un pregiudicato di nome berlusconi. Ricordate che siete agli ordini di un criminale.
    Ricordatelo anche quando vi ordinano di arrestare qualcuno, che forse quel qualcuno merita più onore di chi a voi toglie onore.
    Vergogna gente italiana, vergogna!

    0



  • 13°
    GianRoberto   GianRoberto
       Valori: 265 ....... Rango: Esordiente

    Buna domenica a tutti.
    Se la Giustizia italiana sa esprimere queste sentenze, io non mi sento protetto, non mi sento neppure tranquillo di poter ricevere da Essa la “GIUSTIZIA” di cui mi sono sentito privato, se mai mi dovessi rivolgere ad un tribunale per riaverla, specialmente se sapessi di andare contro qualcuno forte di conoscenze o di ruolo.
    Tra le varie Istituzioni è tutto un gioco di strategie, in cui nessuno paga duramente e con dolore gli errori che tanto altro dolore hanno procurato.
    Vecchio e turbolento Presidente Napolitano, sei inopportuno ed inidoneo a vegliare (tu, da vegliardo) su una Nazione che necessita di uomini seri, che sappiano guardare dritto negli occhi i nemici della Patria.
    Ieri, Falcone, Borsellino e tutti gli ammazzati a causa della ottusa concussione e convivenza dei governi con qualsiasi forma di mafia, si sono rivoltati nelle tombe, disgustati da cotante infami presenze che, spudoratamente hanno avuto l’ardire di farsi vedere in Palermo, quasi come un affronto, quasi come a voler spavaldamente dimostrare che sono loro i veri vincitori!

    0



  • 14°
    Avatar   giancarlo
       Rango: Ospite

    Ora abbiamo il diritto di chiedere che tutti coloro che si sono impegnati in tutto questo tempo, sprecando tante loro energie e dei collaboratori, senza aver saputo mettere in pratica ciò che le leggi prescrivono, vengano sbattuti fuori dai tribunali, vengano messi alla berlina e bollati come degli inverosimili incapaci.
    Oppure, per questo caso così clamoroso, sia la Cassazione a pronunciarsi subito, senza perdite di tempo, per stabilire quale delle due sentenze è priva di coerenza legale.
    Quello che in effetti chiedo, è che qualunque Corte abbia formulato il verdetto sbagliato, ne paghi appieno e personalmente le conseguenze.
    Gip, PM, Corti non devono poter agire penalmente contro chiunque, se non ci sono le prove previste da legge.
    Siamo infatti arrivati al paradosso per cui, per tre anni abbiamo accusato Berlusconi, ora e per almeno un anno, dovremo considerare il caimano una persona perbene; solo la parola della Cassazione potrà mettere fine all’enigma. Forse, perché Berlusconi è sempre più convinto di poter ottenere la revisione del processo per frode, con conseguente altra assoluzione.
    Siamo messi proprio male.
    0



  • 15°
    Domenico   Domenico
       Valori: 375 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno a tutti e ben ritrovati.
    Prima di “staccare la spina” ed andarmene lontano a rilassarmi, volevo intervenire commentando questo articolo, ma avevo deciso che ero troppo arrabbiato per farlo con serenità e tranquillità.
    Oggi mi sono sentito più idoneo a farlo, ma rileggendo ogni frase, mi accorgo che l’incavolamento, permettetemi l’espressione, non è svanito.
    La Magistratura s’è dato un calcio nel sedere da sola, ha fatto un autogol, s’è schiaffeggiata da sola, s’è dato dell’inetta e dell’incapace da sola, dimostrando così di essere formata da uomini e donne capaci di esprimere con le sentenze non più l’applicazione delle leggi, alle quali devono sempre fare riferimento, ma il proprio morboso sentimento, il proprio indirizzamento d’opinione.
    Come è stato possibile che un primo verdetto di colpevolezza abbia indotto una pena severa di ben sette anni ed una seconda l’abbia annullata del tutto?
    Mi domando: Quei magistrati traggono conclusioni dalla lettura degli stessi libri, o ognuno di loro legge fonti diverse? Cosa vuol dire per la Corte d’Appello “Il fatto non sussiste – Il fatto non costituisce reato”?
    Le prove presentate anche in appello sono sempre rimaste quelle del primo giudizio, che avevano portato però alla condanna che sappiamo. Se ora sono state riconosciute non caratterizzanti e non idonee a determinare una colpevolezza (il fatto non costituisce reato), allora i giudici di primo grado a cosa si sono appellati nella motivazione di condanna? Hanno volutamente forzato un giudizio? Hanno semplicemente giudicato i fatti con la propria personale interpretazione e sensazione? Hanno utilizzato la Giustizia per dare sfogo al proprio avverso sentimento politico?
    No, cari miei giudici di appello. I giudici dr. Giulia TURRI, dr. Orsola DE CRISTOFARO, dr. Carmela D’ELIA hanno semplicemente compiuto il proprio dovere, indifferenti alle pressioni esterne, a differenza del comportamento irriguardoso espletato dai giudici di appello dr. Enrico TRANFA, dr. Concetta LO CURTO, dr. Alberto PUCCINELLI. Queste persone, togate e responsabilizzate, hanno suscitato la sorpresa finanche dell’avvocato della difesa l’esimio “Principe del Foro” professor COPPI, il quale subito dopo la lettura della sentenza ebbe a dichiarare: “… oltre ogni più rosea previsione“.
    Oltre ogni più rosea previsione sono parole forti se dette da un principe del foro nonchè ex professore di Diritto Penale, vuol significare che neanche lui se l’aspettava una sentenza come quella pronunciata, vuol dire che nemmeno lui credeva possibile che il suo assistito fosse totalmente estraneo alle vicende e perciò innocente, vuol dire che i giudici di appello hanno preso quella decisione per stravolgere gli eventi, pressati da argomenti urgenti di carattere nazionale.
    Politica, signori miei. C’è di mezzo di tutto e di più. C’è di mezzo il Presidente, il PD, Renzi ed i suoi accordi segreti col caimano, il fronte compatto di NcD e FI, il Parlamento con la sua maggioranza di Governo, la volontà di questo stramaledetto Governo di sinistra/destra di continuare ad innovare, facendoci però tornare a quando in Italia non c’erano regole.
    La chiamano semplificazione, ma è invece la forma più scorretta per dire a tutti: “Lo Stato non esiste più. Da oggi in poi arrangiatevi da soli e viva chi vince”.

    0



    • 16°
      Antonio   Antonio
         Valori: 2485 ....... Rango: Veterano

         In risposta a: Domenico

      Caro Domenico, il tuo stupore ed il tuo sbigottimento sono anche i miei.
      Non hai idea di cosa ha rappresentato per me quest’ultima sentenza: Il raccapriccio, il disgusto per i poteri nell’ombra, la consapevolezza che se potessi fare qualche cosa per ridare dignità a questa Giustizia tristemente afflitta da pressioni la farei.
      La frase dell’avvocato Coppi ha lasciato anche me di stucco. E’ la comprova che questa sentenza è stata voluta perché imposta; anche l’orario, così meticolosamente osservato, la dice lunga sul fatto che tutto era stato ormai definito anzitempo. Esattamente dopo tre ore di camera di consiglio, esattamente alle 13:00, giusto in tempo per darla immediatamente in pasto ai notiziari, che fosse e suscitasse il clamore più rimbombante, che si sapesse subito che il porco aveva vinto la sua battaglia e che l’accordo era stato mantenuto.
      berlusconi è il braccio forte di Renzi, così come Renzi è l’assicurazione per berlusconi.
      L’altra squallida notizia che si ebbe, fu la lettera con la quale quei rospi del partito di parte fecero conoscere la loro contentezza: “In questa ora di gioia, guardiamo indietro ammirati per la testimonianza che hai dato a noi e all’universo intero, nemici compresi, della tua forza morale, che si appoggiava sulla certezza della retta coscienza. Siamo orgogliosi di averti per leader, ancora per cento anni”.
      Non ti nego che mi sentirei rasserenato se venissi a sapere che quelle bestie si sono suicidate in massa  o che almeno fossero annegate ed inabissate. Topastri insulsi!

      0



  • 17°
    Rita   Rita
       Valori: 2035 ....... Rango: Veterano

    Buona sera e benvenuto a tutti i nuovi iscritti.
    Sono letteralmente disgustata da questi soprusi imposti da leggi fatte a beneficio dei forti.
    Ora sappiamo come e perché la sentenza che ha assolto Berlusconi, il grande porco Berlusconi, sia stata motivata dai giudici di primo grado. In effetti quel tribunale ha sostenuto che il pregiudicato non fosse a conoscenza del’età della sua sgualdrinella di turno.
    E’ come imprimergli addosso lo stampo di uomo inutile, incapace ed irresponsabile, ma questo a lui non ha interessato; a lui importava farla ancora franca. Della moralità e dell’onorabilità berlusconi se ne serve per sciacquare la tazza del bagno.
    Abbiamo avuto un presidente del consiglio di bassissimo valore morale e di dubbia onestà, che pensava solo alle sue sporche faccende ed ai suoi bassi istinti; per lui non contava l’Italia e gli italiani, a lui interessava come trascorrere le serate, circondato da animate e schifose prostitute.
    E già, ora lo possiamo sostenere: Quella ragazzaccia marocchina che tanto manifestava a favore del suo “povero berlusconi”, in definitiva non è che una miserabile prostituta, capace di circuire come solo le professioniste della volgarità sanno fare.
    Bruttissimo esempio per le nostre oneste ragazze, che vedono avanzare il marcio e lo sporco, senza poter ostacolare l’andazzo.
    Io, da mamma, auguro a lei ed a tutte le altre sue colleghe sgualdrine, la completa amarezza dalla quale cercavano di sfuggire, commettendo però dei sacrilegi contro la stessa loro persona. E berlusconi contribuiva a questo; berlusconi è e sarà per sempre responsabile di aver maltrattato e reso indegna chi aveva bisogno dei suoi speciali regali.
    Era lui che godeva per i suoi pagamenti, era lui che chiedeva ai suoi eunuchi e maitrasse di essere circondato da ragazze ribelli ma disponibili, facilmente influenzabili dal suo sporco denaro.
    Che berlusconi muoia, altro che prosciolto dalle accuse, e con lui tutto il suo marcio sistema.

    0



  • 18°
    Claudio   Claudio
       Valori: 2620 ....... Rango: Veterano

    Saluto tutti.
    Sentirsi amareggiati è come provare un sentimento di approvazione e di sostenibilità del ruolo innocente di berlusconi. Io mi sento OFFESO ed INDIGNATO da cotanto ardire delle nostre istituzioni più alte, anche chiamando in causa l’ente giudiziario.
    Con la deposizione delle motivazioni della sentenza di assoluzione del pregiudicato berlusconi, i giudici di primo grado hanno letteralmente evidenziato che anche questa magistratura è succube di un potere che li indirizza e li costringe a seguire direttive contro qualsiasi logica di civile comprensione.
    Berlusconi è stato assolto perché non è stato possibile appurare che si scopava una minorenne; cioè il noto porco di fatto, come anche la cara Rita lo ha giustamente definito, è stato assolto poiché non s’è potuto provare che lui fosse realmente a conoscenza della giovane età della disgraziata e svergognata marocchina.
    La motivazione di quella sentenza assolve tanti depravati pedofili, semplicemente perché si concede a quei debosciati delinquenti la facoltà di asserire che loro non sono colpevoli se non erano a conoscenza dell’età minore delle loro profanate vittime. E’ come accettare che ormai in Italia ignorare una legge sia divenuta un’attenuante importante. Ma credo invece, che esista ancora e sia del tutto operativa la formula “La Legge non ammette ignoranza”.
    E per i poveri Cristi infatti è così; essi saranno sempre responsabili, anche di ciò che ignorano ed a volte senza reale consapevolezza di reato.
    Il maiale berlusconi è anche un laureato in legge. Il figlio di puttana berlusconi ha tutti i mezzi per accertarsi chi entra in casa sua e se anche non fosse passato per la testa a lui, certamente molti altri sapevano e l’hanno messo al corrente, a cominciare dal suo simile, un altro porco, stavolta però un porco venduto, con un nome improbabile:FEDE!
    Il farabutto Fede aveva conosciuto la marocchina tempo prima dei fatti che l’hanno resa famosa, ad un concorso di bellezza, di cui lui era membro di giuria (ricordo che i giudici di concorso hanno a loro disposizione i dati anagrafici dei concorrenti) e che per l’avvenenza fisica e la faccia tosta, l’aveva invitata a raggiungerlo a Milano, incitandola con chissà quali promesse ad allontanarsi dalla famiglia e dalla Sicilia.
    “Vedrai che bocconcino ti sto servendo”, avrà sussurrato all’orecchio del suo gestore. “E’ bella, fresca, e forse la più giovane che tu abbia mai sbattuto. Ha solo 17 anni. Che mi dici eh? Sono o no sempre io quello che te le procura più appetibili?”.
    E’ bene ricordarsi che anche l’altra giovane pupilla, la bella Noemi, fu opera di conoscenza dell’ex direttore di quel cesso di telegiornale trasmesso da quel cesso di canale che è rete4.
    La mente perduta del porco berlusconi sarà andata a fuoco e le allucinazioni saranno divenute sempre più opprimenti. Era ovvio: Doveva averla, a qualsiasi costo!
    Ma i giudici gli hanno concesso la possibilità di definirsi un emerito, vecchio, coglione. Meglio coglione che carcerato.
    Il coglione berlusconi è stato assolto quindi anche per l’altra vicenda “In ordine al delitto di concussione non vi è prova della ascrivibilità a Silvio Berlusconi di una intimidazione costrittiva”, riferendosi quei giudici alla telefonata fatta dal porco al capo di Gabinetto della Questura di Milano Pietro Ostuni.
    E già, ora ad un porco è concesso anche prendersi gioco delle autorità di pubblica sicurezza.
    Come hanno potuto, i giudici di primo grado, sentenziare che quella telefonata non era intimidatoria? Hanno forse dimenticato che tutti noi abbiamo letto le parole espresse dall’ex porco ex presidente del consiglio? Esse erano state più o meno le seguenti: “Ehi, Ostuni, bada che, se non rilasci la ragazza, potresti far nascere una crisi diplomatica tra l’Italia e l’Egitto, perché quella ragazza è la nipote del presidente Mubarak”.
    Questa frase, detta da un allora presidente del consiglio, è certamente pregna di minacce; è come scagliare sulla testa di qualsiasi malcapitato funzionario l’ipotesi di doversi accollare una quantità enorme di responsabilità.
    Chi glielo faceva fare ad Ostuni di opporsi a quel tipo di avviso, fatto da un cotanto personaggio?
    Altro che, se ci sono state minacce!
    Il porco berlusconi certamente se la rideva per le puttanate che stava pronunciando (e lui lo sapeva), mentre il funzionario se la sarà fatta letteralmente sotto!
    Quel che m’interessa ora è cosa accadrà successivamente. La Procura di Milano si opporrà al verdetto? Chiederà il giudizio della Cassazione?
    L’evento che balza subito agli occhi di tutti noi però è che una certa giuria ha stabilito che un’altra è stranamente e totamente incapace di svolgere quelle mansioni. Una delle due giurie è dunque da ritenere pericolosa ed andrebbe eliminata dalla scena giudiziaria. Quando avverrà questa ipotesi? Come facciamo noi semplici cittadini ad avere ancora fiducia nella Giustizia?
    Giudici, datevi una mossa, altrimenti per me, potete andare affanculo anche voi, tutti. Ed affanculo l’intero sistema.
    Maledetto berlusconi, non dovrai dimenticare mai come hai ridotto l’Italia, e per te il ricordo dovrà essere sempre come un dolorosissmo e ricorrente incubo. Affanculo principalmente tu, porco ed anche la tua stronza scorta, fatta da uomini venduti e privi anch’essi di onore. Voglio sperare che il più presto possibile anche loro paghino in qualche modo l’indegno loro impiego!

    0



  • 19°
    Luigi   Luigi
       Valori: 260 ....... Rango: Esordiente

    Buon giorno a tutti ed un caloroso benvenuto ai nuovi arrivi.

    Il pregiudicato riprende gli onori della cronaca e fa parlare ancora di sè; stavolta avviene indirettamente, cioè si torna a discutere di lui dovendo discutere di fatti a lui pertinenti. Non la finiremo mai!

    Ciò che stravolge e sconvolge, oltre a scoprire continuamente che siamo stati, e forse siamo ancora, nelle mani di reali pregiudicati, è la qualità orripilante della classe politica che s’è impossessata del Parlamento. Bugiardi, affaristi, corruttori e corrotti, tutti senza alcun riguardo per il ruolo, tutti con l’unico scopo di arricchirsi e diventare potente.

    Berlusconi è uno che a mezzo dei suoi avvocati, ha sempre dichiarato di non aver mai (MAI) fatto sesso con la marocchina.

    Se oggi dalle motivazioni si evince che sesso ci fu, detta constatazione avrebbe dovuto indurre quei giudici a non essere tanto gentili e clementi con il pregiudicato berlusconi, non fosse altro perché, aver dichiarato il falso in udienza, o aver inteso fuorviare i motivi che spinsero tutte quelle prostitute verso un unico indirizzo ad Arcore, doveva rappresentare una necessaria precauzione per il caimano. E se uno mente su ciò che liberamente fa a casa sua, è perché vuole nascondere ciò che di brutto avviene in casa sua, ergo, berlusconi sapeva della minore età, altrimenti perché avrebbe dovuto nascondere ciò che è avvenuto tra lui e quella verginella. Per non parlare poi delle deposizioni sotto giuramento di tutti i commensali. Burlesque dicevano. E si burlavano delle leggi e di tutta la comunità. D’altronde, puttane, magnacci e viziosi non hanno mai freni.

    I giudici, quelli di secondo grado, non hanno compiuto il loro dovere ed hanno applicato malissimo delle leggi che naturalmente ed a ragione smascherano di fatto quel bastardo imbroglione. Quei giudici hanno dovuto andare contro corrente, sminuendo il lavoro di altri loro simili, per imposizione. Non c’è altra ragione. Se qualcuno deve essere allontanato dall’impiego in Magistratura, sono loro.

    Il patto del Nazareno regge e sono pericolosi entrambi i partecipanti. Brutta è la specie, brutta è la combriccola.

    0



  • 20°
    Daniela   Daniela
       Valori: 315 ....... Rango: Esordiente

    I miei calorosi saluti a tutti.

    Giorni fa ho letto l’importante novità che Banca d’Italia ha ritenuto di rivedere al ribasso l’onorabilità del pregiudicato berlusconi, inducendolo di conseguenza, a dismettere la sua pressante presenza economica in Mediolanum.

    Chiedersi come sia lecito lasciare quell’individuo alla guida di un partito politico credo sia rigor di logica. Vorrei che mi rispondesse la cara Luisa, giusto per curiosità tutta al femminile.

    Oggi è clamorosamente significativo sapere che un giudice del secondo grado (il magistrato Tranfa, tra inciso addirittura presidente di quel tribunale di secondo grado) si sia immediatamente dimesso dopo aver firmato (essere stato costretto a firmare) le numerose pagine della motivazione. Restano infatti in piedi numerosi interrogativi, ai quali non riusciamo a dare risposte. Forse è auspicabile che il processo arrivi rapidamente a conclusione in Cassazione; forse la Giustizia (intesa come Magistratura) dovrebbe smettere di essere legata ad una politica falsa e spregiativa, specialmente a sinistra.

    Sì, proprio a quella di sinistra, perché rimane innegabile che intervento da parte dell’attuale maggioranza ci sia stata, subito dopo il patto del Nazareno. Presidente della Repubblica non escluso! Il vecchio la dice lunga sulla sua militanza. Oggi è più che mai battagliero contro chi vorrebbe spalancare le porte del suo ignaro passato e del suo diretto interessamento e partecipazione ad atti vili ed indegni. Io ho smesso di credere in lui, da quando ho saputo che ha preteso la distruzione delle sue intercettazioni telefoniche per poter accettare il nuovo settennale incarico. Che diavolo di presidente è? Come s’è permesso di ricattare il popolo? Presidente meschino!

    Se poi siamo costretti a ridiscutere anche del presidente di FI, allora vuol proprio dire che siamo arrivati al fondo, al buio, allo sbando.

    Bastava poco ai giudici capire che berlusconi è un pezzo di M, come l’ha definito la stessa Minetti. bastava infatti ripetersi che una prostituta brasiliana aveva memorizzato sul suo telefonino il numero del presidente del consiglio italiano. Bastava ricordare che la Minetti, appena avuta in affido la ragazza marocchina, l’ha di fatto riconsegnata nelle mani di quella stessa prostituta che aveva telefonato al Silvio caro di Luisa. Prostituta che torna a casa di una prostituta. perché?

    perché i rsponsabili della Questura che hanno optato per quella soluzione, una volta che s’è saputo come si sono svolti quei fatti, non sono stati indagati per la troppa semplicità con cui hanno svolto il loro lavoro? Affidare una minorenne ad una prostituta? Il capo Ostuni avrebbe dovuto immediatamente intervenire contro la Minetti ed accompagnare la Ruby in comunità, questo doveva fare. Invece è stato preso da “timore riverenziale e debolezza” hanno scritto. Un capo di gabinetto della Questura di Milano che risulta essere timoroso e deoble. E perché è ancora lì? perché non l’hanno mandato davvero a pulire i gabinetti della Questura?

    0



  • 21°
    Fausto II   Fausto II
       Valori: 525 ....... Rango: User

    Buona sera a tutti ed un caro saluto alle amiche  ed amici che si sono uniti a noi.

    Io non ho molto da scrivere.

    Sono convinto che la Cassazione saprà rimettere in sesto i rottami di questa sentenza e che alla fine sia Renzi, che Napolitano, che il pregiudicato, con annessi partiti e caste, dovranno dileguarsi il più in fretta possibile, prima che a qualcuno (migliaia e migliaia) venga la sana idea di dargliele di santa ragione, a mo’ di meritato castigo.

    Siamo stufi. E questa è una constatazione di fatto!

    Ciò che auspico, ancor prima di vedere crollare ed inginocchiarsi i predetti fannulloni, è che ci sia la giusta punizione per tutte quelle “zoccole” e per tutti quei magnacci, ivi compresi avvocati disonorevoli, giornalisti e cronisti.

    La corte d’Assise di Milano ha comunque sentenziato che prostituzione c’era, che menzogne sono state dette sotto giuramento e che molti dovranno aspettarsi delle severe punizioni, a cominciare da Ghedini che ha giocato sporco, preparando il campo alle falsità delle allegre donnine, per finire a quel lurido Fede, di cui si deve perdere ricordo.

    E’ tutto!

    0



  • 22°
    Uno di Noi   Uno di Noi
       Rango: Utente Registrato

    Titolo: ‘Ruby vuole aprire ristorante a Milano’
    Sottotitolo: Per i pm la ragazza avrebbe ricevuto 4,5 milioni da Berlusconi
    Link ANSA

    Commento di IoNonMollo:
    E’ una vergogna continua!
    Noi vogliamo vedere quel porco ex pregiudicato, dichiarato una volta per tutte colpevole, in modo che, finchè campa, nessuno scriva di lui “ex” poiché lui “è“, in modo che non abbia più la possibilità di rappresentare chicchessia.
    L’assoluzione del vecchio e rimbecillito coglione, che ha indotto il suo parlamento a definire come “nipote di Mubarak” quella puttanella marocchina, continua ad umiliare l’Italia e tutti i nostri sforzi … E se ora è Renzi a mantenere ancora in vita il lurido caimano, perché usa i voti dell’ex in tutto per ultimare i progetti dittatoriali imposti al PD, ebbene anche Renzi è sporco, è inetto ed è incontrollabile. Del tutto pericoloso!
    Veramente una brutta epoca quella iniziata con l’elezione di Napolitano … Tutti i valori sono stati calpestati per far posto al potere continuativo dei soliti mafiosi ricattatori.
    Non possiamo tollerare ulteriormente questa assurda presa in giro … E’ una umiliazione che non meritiamo … E’ una verità che deve ancora essere scritta.
    Vigliacchi e farabutti quei 4 o 5 milioni di straccioni, che ancora sostengono il nano d’arcore.
    A loro scrivo … Gente di cacca!

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.