- In questo periodo la moderazione è affidata a: Rosaria, da Pozzallo (RG)

Sono le ore 11:47:39 ... Finora hai trascorso 0 secondo su questa pagina.
Grazie per il tempo che ci dedichi. Diventa uno dei nostri!.

Videocracy… La “Paura”!

...

♣♣♣♣♣

La lettura di questo articolo richiede solo 2 minuti del tuo tempo ... Potrebbero valerne la pena!


Mostra il resto ...


Videocracy… La “Paura”!:
ha ricevuto 6 commenti. La partecipazione di soli 4 utenti determina che c'è scarso interesse per l'argomento.

  • Avatar   Renata
       Rango: Ospite

    Avevo visto altri documentari, ma di questo citato da voi non ne avevo sentito neanche parlare.
    Sembra che il film sia uscito circa un anno fa nelle sale cinematografiche, ma com’è che è rimasto un titolo sconosciuto?
    Ho cercato su youtube, lì è pieno di trailers che lo raccontano.
    E’ impressionante l’accostamento delle scollacciate visioni con le varie apparizioni del “signore delle tenebre” in veste di leader politico. E’ come aver dato possibilità a chi gestisce la prostituzione, di divenire talmente noto ed acclamato, da riuscire un giorno a salire le scale del Quirinale. Questo perché? perché gli uomini italiani sono dei depravati? No, non credo, ma tutto lo lascia supporre!
    0



  • Avatar   Ferdinando
       Rango: Ospite

    Berlusconi ha da sempre voluto creare qualcosa che fosse al di là delle sue reali possibilità, così tutte le sue creature divenivano in breve tempo incontrollabili. Da lì la nascita degli uomini di sua fiducia, che ancora oggi manovrano per lui.
    Se ha cominciato con capitali illeciti, non lo sapremo mai, purtroppo. Ormai il tempo necessario alle indagini è trascorso e tracce di quegli eventuali eventi sono state cancellate. Ecco perché oggi si sente tanto forte ed imbattibile. Forse, se le insinuazioni fossero state vere, gli unici a conoscere la verità sarebbero gli stessi mafiosi che i soldi glieli hanno dati. Qualcuno è morto, qualcuno è in galera, ma anche da liberi uccellini, quelli, difficilmente verrebbero a dircelo.
    Videocracy racconta anche di questo.
    0



  • Giuseppe (Dir.)   Giuseppe (Dir.)
      

    Videocracy racconta anzitutto di come un uomo senza pudore, avvezzo allo spttacolo e dallo spettacolo allattato, abbia potuto, fra mille incognite, arrivare ad essere uno fra gli uomini più potenti d’Europa.
    L’Inghilterra lo detesta e la BBC accumula dossier su dossier che lo riguardano; la Germania lo metterebbe volentieri alla gogna; in America ci sono televisioni che gli riservano un ‘THE END’ esplosivo; i diplomatici di tutto il mondo lo detestano. Tutti, insomma, aspettano il momento opportuno per infliggergli la stoccata al cuore.
    Nonostante questo po-pò di roba, infischiandocene dell’economia che va a putxxx, della disoccupazione galoppante, della giustizia infangata, della scuola resa orfana e della sanità in barella, noi, indomiti italici, ce lo teniamo in casa! Chi? Ma certo… Signori miei. Lui, l’essere più viscido ed immondo che l’Universo potesse mai partorire… L’essere aberrante e squallido che da solo non riuscirebbe a riempire un calzino. Il nano che rotola sui tacchi e che fà diventare finta ogni cosa che egli tocca: L’INNOMINABILE!
    Quello che io mi sono sempre chiesto, è stato il perché non dirlo da subito che sarebbe andata così. Io mi sarei organizzato. Avrei anch’io promesso a Rosa ed a Fiorella una lauta ricompensa per le loro pubbliche prestazioni. Ed anch’io avrei offerto il loro corpo al pubblico ludibrio, ricavandone certamente onore, gloria e ricchezze.
    Ahhhhhhhhh, che goduria, che dolce frescura! Anche a me sarebbe toccato il privilegio di veder sorgere, come degni effetti delle mie creazioni, idoli del calibro di Lele Mora e figli alla Robin Hood moderni come Fabrizio Corona. Avrei avuto anch’io un cane di assoluta Fede e qualche pio servitore che mi augurava il Bondì. Castelli e ville ed amici. Tutti nudi, li avrei voluti i miei amici alle mie feste. E poi tante ragazze, giovani, meglio se minorenni. Avrei avuto tante amanti non pagate e cortigiane al mio palazzo. Le migliori potevano divenire le mie ‘preferite’ ed avrebbero am-ministra-to le mie cose e le mie case; avrebbero fatto a gara a chi mi allietava di più.
    In TV tutti avrebbero parlato di me che ero il bello, l’affascinante e sempre dolce. Il tipico gentiluomo italiano di una volta, al quale, per rispetto, si bacia la mano.
    Che tempi sarebbero stati. E se proprio qualche affaruccio sporco mi poteva macchiare di nero il foglio del casellario, la strada della politica mi avrebbe messo al sicuro, trionfante ancora e spudoratamente più ricco, alla faccia di chi pensava che Rosy e Flower d’America erano a gratis e che nulla sarebbero costate.

    Gli errori si pagano, cari amici miei. Imparate dunque a diffidare di chi vi offre qualcosa, senza pretendere l’immediata ricompensa.
    Le Rosy e le Flower americane, le peccaminose show girls dell’inquisito che accusa, sono costate e costano oltre il 40% del prezzo di ogni cosa che consumate; tale è infatti la percentuale di rincaro del prezzo dei prodotti a cui i produttori devono ricorrere, per ammortizzare i costi della pubblicità dei prodotti stessi, che, inevitabilmente, devono far trasmettere mediante gli spots emessi dalle TV del Caimano Nero.
    Volevate le tette fuori, si?
    Le nostre donne, dopo tanti anni di lotte per le conquiste sociali, si sono infine ridotte ad esser considerate manichini luccicanti e snellite coscelunghe, si?
    Bell’affare avete fatto, gente. Proprio un bell’affare. A gratis, lui, ha ottenuto il vostro futuro!
    “E la sinistra che centra?”, vi starete chiedendo.
    Centra, centra. Altro che, se centra!
    Vi ricordate di un uomo ignobile chiamato ‘Bettino’ e di un altro lugubre chiamato il ‘Massimo’?
    Ah, ecco, ora cominciate a focalizzare.
    Bene!
    Se, infatti, per un solo caso fortuito (che fortuito non era, bensì era un caso ben ponderato e calcolato), questi due ‘signori’ non fossero stati lì a ricoprire quei determinati incarichi, il mister UnoPerCento o l’Innominabile Palazzinaro che dir si voglia, avrebbe fatto prendere solo tanto freddo alle sue donnine, pur avendo esse riscaldato le torve ed occhialute pupille degli stolti italiani.
    Che buco sarebbe stato per le sue disastrate finanze!
    Incolmabile era divenuto il baratro che aveva prodotto con le sue megalomane e squallide imprese; queste avrebbero conosciuto l’onta di essere scaturite dalla mente di uno spudorato ed incallito manigoldo, figlio delle canzoni romantiche e disperate della goliardia francese.
    Accidenti a lui… Che destino avverso! Nemmeno la goliardia nostra gli era congeniale… Puàh, quella francese!

    0



    • Avatar   Giovanni
         Rango: Ospite

         In risposta a: Giuseppe (Dir.)

      Gradevole e simpatica ricostruzione, lunga per necessità, ma succinta e concentrata nell’espressione.
      Averla letta di notte ironizza bene il giorno che verrà.
      Italiani spavaldi, navigatori, cafoni e maestri, ma indissolubilmente cretini.
      0



  • Piero   Piero
       Valori: 690 ....... Rango: User

    Buon giorno.
    Sono stati tempi in cui l’oro sembrava meno splendente del fantomatico gestore delle soubrettes.
    Tutti avevano la certezza che gli sfavillanti sorrisi delle bellissime girls americane prima o poi potevano essere rivolti ad ognuno di loro.
    Cosa invece ha prodotto lo si è capito e visto solo dopo un pò di tempo, ma era ormai troppo tardi per tornare indietro.
    L’escalation del dèmodè aveva preso il sopravvento e Rosa e Fiorella (come Giuseppe chiama le sue fanciulle) erano per strada ad aggirarsi tra noi.

    0



  • Umberto   Umberto
       Valori: 660 ....... Rango: User

    Marco Travaglio è un mito!
    La chicca che ha raccontato ieri sera ad Annozero, deve essere annoverata tra i fascicoli centenari delle commedie tragi-comiche italiane. Ha parlato, meglio, ha riproposto un Paolo Bonaiuti giornalista, agli albori del berlusconismo. Era il 7 gennaio del ’94 anche quel trasparente cambiamento fà parte di Videocracy, non direttamente, ma ne è un esempio concreto. Dal Bonaiuti di una volta, si può arrivare ad intuire di come gli uomini si vendano, di come gli uomini possano essere comprati ed usati, ovviamente da alcuni altri uomini, specialmente se quest’ultimi attaccati da simili giornalisti in vendita.
    Le frasi più sconcertanti scritte da Bonaiuti e che Marco ha rilette sono le seguenti: “Certo resterà da vedere se Berlusconi presterà orecchio a questi consigli, speriamo che non lo faccia e si mostri del tutto estraneo all’iniziativa. Anche perché condividerla sarebbe mossa improvvida per chi si presenta come un campione della liberal-democrazia”. Stava descrivendo di come, un certo Emilio Fede incitasse la scacciata dal giornale di Indro Montanelli, ovviamente, come tutti ben sapete, ci riuscì poiché il Berlusconi liberal-democratico fece sua quella proposta del Fido Bau.

    0




Lascia un commento

Nota: Siamo spiacenti, ma solo gli Utenti che hanno effettuato il Login potranno pubblicare commenti; ecco perché l'area di testo per te non è visibile.
Non sei registrato? Allora fallo ... Registrati ... Potrai subito partecipare!




Tutti i Diritti Riservati © 2009-2020 - Divieto di Riproduzione, anche se parziale.